Forum Psicolinea

Versione completa: crisi matrimoniale
Al momento stai visualizzando i contenuti in una versione ridotta. Visualizza la versione completa e formattata.

eddy

Buongiorno, sono circa due anni che io e mio marito stiamo affrontando una crisi matrimoniale. Io 39 anni lui 42 due figli di 13 e 11 anni sposati da 16 anni. Circa due anni fa, a seguito di un mio quasi collasso, sempre dietro ai figli (li ho sempre gestiti io) mio marito esce presto al mattino e torna tardi la sera per lavoro, lavoro, casa.... ero arrivata ad un punto in cui ero apatica, non consideravo più mio marito e ci siamo allontanati affettivamente. Quando finalmente mi sono resa conto che c'era qualcosa che non andava affronto mio marito e mi dice che l ho trascurato troppo e quindi ha perso l amore verso di me. Però non è venuto a parlarmi, non ha affrontato il problema, preferiva passare il suo tempo con degli amici. E da queste frequentazioni ho scoperto che aveva molto piacere a passare del tempo anche telefonicamente con una ragazzina (25 anni) che ha la sua stessa passione la subacquea. gli ho detto più volte di andarsene di casa, perché io non concepisco un rapporto così a metà senza emozioni, ma vivere con un ospite in casa, ma lui non si muove da lì, dice che vuole restare a casa solo per i figli. Ogni tanto sembra che prova a fare qualcosa a riavvicinarsi a me anche sessualmente, poi però magari i giorni seguenti fa tre passi indietro. Io non sono contenta di questo rapporto, ho cercato di andare avanti, di lasciargli tutto lo spazio per riflettere ma non so più cosa fare. Sarà ancora possibile recuperare il rapporto? Oppure è arrivato il momento di chiuderlo definitivamente?
Gentilissima,

In un rapporto di lunga durata le crisi sono inevitabili, per cui pensare di mollare tutto così, senza provare a fare nulla per ritrovare un'intesa fra di voi mi sembra solo una resa, che non rispetta né la vostra relazione, né la vostra famiglia.

Oggi le unioni non sono più per la vita come una volta e, se non si va più d'accordo, se si è infelici, è giusto separarsi, ma non lo si può fare certo alla prima crisi che si presenta, senza neanche provare a superarla...

Dunque io le suggerirei di provare a riavvicinarsi a suo marito (perché mai deve farlo lui per primo? Lo fa chi dei due è più capace di prendere in mano la situazione...) e cercare insieme le ragioni che hanno prodotto questo distacco fra voi, fisico ed emotivo. Una volta individuate le ragioni occorre anche trovare soluzioni condivise per un nuovo stile di vita che vi permetta di tornare a sentirvi vicini e a stare bene insieme (del resto le persone cambiano, perché non dovrebbero cambiare i rapporti?)

Se non doveste riuscire nell'impresa, il che è probabile, dopo un periodo piuttosto lungo di allontanamento, una buona terapia di coppia potrà aiutarvi.

Saluti.