Forum Psicolinea

Versione completa: Come gestire rapporti con futura suocera
Al momento stai visualizzando i contenuti in una versione ridotta. Visualizza la versione completa e formattata.

polly17

Salve,
vorrei un consiglio su come gestire il mio rapporto con la madre del mio ragazzo, nei primi tempi sembrava filare tutto liscio, avevo un rapporto sereno e quasi di confidenza, poi con l'andare del tempo qualcosa è cambiato ci sono stati comportamenti che mi hanno messa in allarme: ogni tanto parlava della ex del mio ragazzo (seppur in modo negativo, la trovo sempre una cosa poco delicata), da giudizi negativi su donne ambiziose e che si realizzano nella vita al contrario di lei; quando ha scoperto che il mio ragazzo ama la mia cucina ha cominciato una dura competizione cucinando piatti al figlio che avevo precedentemente fatto, vuole a tutti i costi sfoggiare davanti a me quello che prepara o quello che indossa per uscire; ama contrariarmi su quello che dico (alla fine per evitare screzi le do ragione); mi ha chiesto più volte di riferirli quello che il figlio non le dice (ovviamente non l'ho mai fatto); Quando ci prepariamo per un viaggio si fa venire le malattie; se il figlio la rimprovera per un atteggiamento negativo da parte di lei, questa si mette o a piangere o fa il muso per giorni come un'adolescente. Lei pretende di avere sotto controllo tutto. La famiglia dalla parte materna del mio ragazzo è molto grande vivono tutti uno affianco all'altro e stanno sempre insieme, sanno tutto di tutti e quando nasce un bambino a qualche cugino tutti si sentono genitori, diventano invadenti, si atteggiano tutti a dottori dando consigli, la madre del mio ragazzo in particolare, siccome vive la frustrazione di non essere ancora nonna come le sue sorelle e cognate, si presenta sempre a casa delle nipoti che hanno bimbi piccoli ad orari assurdi, e pretende di tenerli sempre in braccio lei, (più volte in sei anni di fidanzamento ha incitato me e il figlio a muoverci a darle un nipote, altrimenti dice che se fa troppo grande poi non può avere la forza di crescerli) io e lui ovviamente non le diamo corda. Io tutta sincerità mi fa un pò paura questa situazione, ne ho parlato al mio ragazzo, confidandoli questa mia paura per un domani se decidessimo di formare una famiglia e li ho anche fatto notare che gli atteggiamenti della madre non mi piacciono. Lui è sempre stato dalla mia parte, ha sempre messo me al primo posto e se qualche volta la madre ha detto qualche parola fuori posto lui lo fa notare, questa cosa mi da fiducia. L'ultima cosa che mi ha deluso un pò è stata la settimana scorsa quando davanti alla sorella del mio ragazzo mi ha raccontato che lei e il fidanzato hanno rotto e di quante volte gridavano al telefono, poi ha raccontato di quando il mio ragazzo piangeva per la sua ex e infine ha concluso con una delle tante perle: "io in queste cose non mi metto proprio in mezzo, se per caso ci sono problemi fra di voi è meglio che troncate subito prima che sia troppo tardi". Ne ho parlato ad una mia amica e mi ha consigliato di limitare le frequentazioni per farli capire in maniera velata che non appartengo al suo modo di vivere.
Gentilissima,

Sono parzialmente d'accordo con la sua amica. Con questo tipo di persone è sempre meglio mantenere le distanze e vederle di tanto in tanto: in questo modo si può mantenere un rapporto sereno e familiare, anche se distaccato.

Non condivido invece il consiglio di far capire alla famiglia del suo ragazzo che lei è diversa e non appartiene al loro mondo: perché deve fare questo? Non ha mica bisogno di giustificarsi o di spiegarsi con loro... Lei ha scelto una persona, non un'intera famiglia.

Cerchi dunque di frequentarli il meno possibile, creandosi impegni di lavoro, corsi di formazione, ecc., in modo da essere sempre impegnata nei momenti "topici".

Quando li frequenta invece, cerchi di adeguarsi meglio che può all'ambiente, sia gentile ed educata, ma soprattutto eviti in tutti i modi di partecipare ai pettegolezzi, che possono essere interessanti quando riguardano gli altri, ma diventano insopportabili quando riguardano la propria persona.

Cordiali saluti.