Forum Psicolinea

Versione completa: Divisa
Al momento stai visualizzando i contenuti in una versione ridotta. Visualizza la versione completa e formattata.

Katherine

Buongiorno e grazie per la possibilità che mi da di aiutarmi.

Ho lasciato l’Italia 6 anni fa per la Francia.Ho fatto la conoscenza di un ragazzo, S, con il quale ho legato subito e J con cui non ho mai avuto il coraggio di scambiare parola in quanto bellissimo e quasi papa.
S é carismatico, pieno di vita. Mi ha aiutata a ritrovare me stessa e a credere nelle mie capacità.
Abbiamo iniziato a frequentarci, ma tante cose tra noi non andavano…. sia lui che io eravamo immaturi sotto tanti punti di vista e io non avevo appena chiuso una storia difficile.
La nostra storia é finita in modo brusco per un motivo semplice : un avvicinamento totalmente inaspettato tra me e J.Malgrado l'immenso amore che ci ha legati la nostra storia é stata molto difficile.Lui si è fatto scivolare addosso la negatività e io ho lottato contro tutti per lui, si è lasciato sfruttare e rovinare dalla sua ex che ha usato sua figlia per 3 anni per vendicarsi…E poi sono rimasta incinta. E’ stato in quel momento, che ho cominciato a mettere la distanza tra di noi. Non ne volevo più sapere dei problemi con la sua ex (che si é rifatta una vita subito dopo la loro separazione), volevo solo proteggere nostro figlio.L ho visto spesso passivo anche nei confronti dell’educazione dei suoi figli. Non é un uomo cattivo, anzi, lui è fin troppo buono,ma si lascia trasportare dalla vita.La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata una scenata di mia suocera nei miei confronti, davanti a mio marito che non ha mosso un dito. Sono rimasta delusa. E se non fosse stato per nostro figlio avrei fatto la valigia e sarei tornata in Italia.
Da un anno mi ritrovo senza lavoro. Ho deciso di partire 4 giorni in vacanza con S, per cambiare un po aria. Lui, dopo la nostra separazione, è diventato il mio migliore amico, il mio confidente,è diventato un amico di famiglia e di J.Ebbene, durante quel viaggio, S ed io ci siamo riavvicinati e ci siamo baciati. E’ stata una situazione che nessuno dei due aveva programmato ma è capitata nel modo più naturale possibile e ci ha lasciati completamente distrutti. Ovviamente io ho messo la cosa sul “sono in crisi con mio marito, dimentichiamoci tutto”…. Ma quasi un anno dopo non la smettiamo di pensarci e di cercarci. Ci vediamo appena possibile (lui ha lasciato la Francia) e siamo più uniti di prima. Credo di provare dei sentimenti nei suoi confronti, ma non voglio più dire amore, perche ci ho creduto troppe volte e troppe volte ho rovinato tutto. Sono andata a parlare da una mediatrice familiare che mi suggerisce di prendere una decisione per la mia felicità.Ma io non lascerò J perche non voglio privarlo di suo figlio e non voglio privare nostro figlio di mio marito. Ma ce la farò sul lungo termine? O con J le cose si aggiusteranno? Non so davvero più cosa fare…
Langrazio di cuore per il suo aiuto in questo momento buio e spero non mi giudicherà.
Secondo me lei è innamorata contemporaneamente di questi due uomini (altrimenti S. non sarebbe diventato un amico di famiglia, ma sarebbe stato abbandonato al suo destino), perché evidentemente ciascuno dei due le offre una parte importante e gradevole dell'amore, ma nessuno dei due riesce a darle tutto quello che lei desidera.

La soluzione totale dunque sarebbe quella di trovare una terza persona, che possa farle dimenticare questi due uomini sbagliati per lei, ma visto che c'è una bambina così piccola, riterrei più utile al momento tentare un riavvicinamento con J, abbandonando S (che è tornato a contare qualcosa per lei solamente perché al momento fa la facile parte dell'amante: se fosse al posto di J, visto come marito e padre, probabilmente sarebbe una figura ancora più sbiadita di J).

Faccia questo sforzo per la sua bambina, che merità un papà, ma se la vostra unione con il tempo si rivelasse infelice, anche dopo aver fatto tutti i tentativi, compresa una terapia di coppia, cominci a guardarsi intorno, perché se la sua felicità non si chiama J, ancor meno potrà chiamarsi S.

Molti auguri.