Forum Psicolinea

Versione completa: davanti ad un bivio
Al momento stai visualizzando i contenuti in una versione ridotta. Visualizza la versione completa e formattata.

fabio71

Mi chiamo Fabio, ho 47 anni e sono sposato da 25 e2 figli di 14 e 9 anni.
Un matrimonio che fino ad un mese entrambi dicevamo perfetto....poi mia moglie ad una cena con vecchi compagni di classe rivede dopo 30 anni una persona che le suscita un'ondata di emozioni.....rivede un paio di volte la persona......parlano....chattano.....lei è sempre più confusa....inizia a dubitare di tutto......dimagrisce...... Poi....prima di fare stupidaggini ci sediamo e mi racconta tutto.....e mi dice che per il bene dei nostri figli e degli anni passati insieme vuole continuare con me (questo succede 1 settimana fa)
Io sono comunque distrutto dalla notizia...sono confuso ma ''apparentemente'' reagiscono bene.....ne parlo con qualche amico, con la sorella a cui sono legato da grande amicizia....mia moglie ora sta meglio dopo che ha scaricato questo peso ma è molto confusa e non riesce a levarsi dalla testa questa persona, è senza forze, è esausta, e ovviamente ha perso ogni interesse in me....siamo andati da una sua collega per iniziare un percorso di coppia....a me la psicologa è apparsa positiva, ma non so proprio come potrà finire questa storia e quale impatto avrà su di me...non ora ma anche poi: i pochi giorni che sono passati sono stati altalenanti..... ottimismo..... pessimismo....e cosi via.....
sento di aver bisogno di un conforto, un aiuto......
Gentilissimo Fabio,

In un rapporto di lunga durata come il vostro questi fatti possono capitare ed è sbagliato pensare che, dopo tanti anni, tutto possa essere dato definitivamente per scontato.

Come vede, le cose non stanno così e bisogna essere pronti a mettere in discussione se stessi e il proprio rapporto di coppia ogni volta che ci si trova di fronte a situazioni del genere.

Detto questo, sua moglie è stata correttissima nei suoi confronti, perché poteva prima esplorare le sue sensazioni di attrazione per questa persona e poi tornare da lei con lacrime di coccodrillo: non è andata così e dunque le suggerisco di impegnarsi seriamente nella psicoterapia di coppia che avete intrapreso, perché il successo di una terapia di coppia dipende moltissimo dalla motivazione che ha la coppia stessa nel voler ritrovare l'armonia.

Quanto a sua moglie, cerchi di starle vicino, sia affettuoso ed eviti di parlare di questa persona: pensate piuttosto a qualche progetto nuovo da portare avanti insieme, prendetevi una vacanza, divertitevi un po', non solo come famiglia, ma anche come coppia.

I matrimoni perfetti esistono solo nelle favole... Non è escluso che in futuro una cosa simile capiti anche a lei: sarà così corretto come è stata sua moglie?

Molti auguri.