Forum Psicolinea

Versione completa: richiesta aiuto
Al momento stai visualizzando i contenuti in una versione ridotta. Visualizza la versione completa e formattata.

donalex

salve,ho 42 anni sono sposato da 7 anni dopo una convivenza di altri 7 e sono il padre di 3 bambini di 10/7/3 anni avuti con mia moglie.Raccontarle del mio passato non è facile perchè nella mia vita ne ho combinate tante ma mia moglie mi ha sempre perdonato ma ora dopo il mio ultimo casino ha deciso di chiedere la separazione.le premetto che ho avuto problemi di tossicodipendenza ma ora ne sono uscito ma a causa di un incidente sul lavoro mi ritrovo ad essere invalido ma questo non mi ha tolto la possibilità di accudire i miei bimbi ed esserne diventato un "mammo".per pagare dei vecchi debiti ho rubato ed ora mi trovo agli arresti domiciliari e vista la nostra situazione che lei vuole andarsene e io invece vorrei farle capire che questa sarà la volta giusta, la convivenza è diventata dura sia x noi che x i bimbi. mia moglie dice che sono già 3 anni che lei non mi ama più è che e stata con me solo x amore dei figli,ma ora non ne può più di questa situazione. ad essere sincero solo dopo tanti sbagli ho capito quanto importante sia mia moglie e credetemi che la voglia di cambiare registro e rimettermi sulla retta via non era mai stata così voluta e compresa come questa volta.mi sento fallito come uomo e come marito xchè non sono riuscito a rendere felice mia moglie e non sono riuscito a tenere unita la mia famiglia.ora mi trovo in uno stato psicologico devastante anche perchè lei ora se ne vuole andarsene e portare via i bimbi anche se lei a causa del suo lavoro a turni non potrebbe accudirli come farei io.forrei sapere cosa fare e se ci sono modi x farle cambiare idea.
Gentilissimo,

Credo che lei dovrebbe riconoscere non solo di aver sbagliato, ma anche il legittimo desiderio delle persone che le sono vicine di tornare a vivere con serenità, senza dover ogni volta ritrovarsi nei pasticci, avendo dato fiducia ad una persona che non la meritava.

Se lei potesse, dovrebbe rivolgersi ad uno psicologo, per capire da dove nasce e come si può gestire questa sua tendenza a trasgredire le norme e a vivere oltre le righe.

Penso che lei, nonostante la buona volontà, cui sinceramente credo, dovrebbe farsi aiutare, per essere sicuro di potercela fare.

Molti auguri.