Forum Psicolinea

Versione completa: riconquistare una donna sposata
Al momento stai visualizzando i contenuti in una versione ridotta. Visualizza la versione completa e formattata.

massimo

buongiorno,
vi scrivo perchè sono un pò in crisi....
Ho avuto una "breve" relazione con una donna sposta (con due figli, io anche), dopo una fatica immane per conquistarla...
E' una collega, con la quale fino a quel momento non avevamo avuto grossi contatti...ma un giorno ecco scattare, non so come e perchè,
questa molla; da lì, inizia il "faticoso" corteggiamento, finito poi nella relazione, seppur breve, prima delle ferie; tralascio i
dettagli di messaggi e atteggiamenti complici e sentimentali del momento, ma ero anche disposto a prendere tutto il "pacchetto" se lei fosse stata
decisa, e questo lo sa!! C'era chimica tra noi.....poi torna dalle ferie, ci frequentiamo ancora
un pò...poi arriva un giorno e mi dice che sta male, che i sensi di colpa la fanno star male, che lei è mamma prima che donna, ecc..ecc..
passa un mese, e in occasione di un'uscita, ci riavviciniamo per qualche giorno, anche fisicamente, poi ancora in down....
un altro mese, stessa cosa...poi basta, mi dice che è stupido venire con me e poi star male....
Lei dice che ha deciso di rimanere con il marito, che quella è la realtà!! in realtà, almeno io credo così, sentimentalmente sarebbe venuta con me,
ma razionalmente ha deciso di reprimere i sentimenti e continuare nella sua vita attuale (vuoi per retaggio culturale, educazione familiare...si è
convinta che deve essere così). La vedo tutti i giorni al lavoro, e scherziamo ancora a volte, ma più di tanto non si sbottona...se faccio qualche
allusione, a volte si irrigidisce (non sempre) mentre io vorrei riprendere il dicorso; come posso, a vostro avviso, "smontare" questi suoi sensi di colpa?
grazie in anticipo, ogni suggerimento è apprezzatissimo....