Share Button

didatticaGli insegnanti sono in genere valutati sulla base del gradimento dei loro corsi, cioè quanto gli studenti apprezzano i loro insegnamenti.   Nelle università, le reazioni degli allievi sono spesso l’unica metrica utilizzata per valutare l’efficacia didattica del corso e del docente. (Adams, 1997; McCallum, 1984).

E’ comprensibile dunque che i docenti facciano di tutto per rendere gradevoli le loro lezioni agli studenti, ricorrendo spesso a storielle, videoclip, ecc. per far si che gli studenti si divertano durante il corso. Questi dettagli (detti “seducenti”) della lezione sono interessanti e divertenti, ma spesso del tutto irrilevanti rispetto al tema trattato nel corso  (Harp & Mayer, 1998) .

Il fenomeno, conosciuto come “l’effetto dei dettagli seducenti” nella didattica, rende l’apprendimento più coinvolgente, ma secondo alcuni autori compromette la memorizzazione, la soluzione dei problemi, e il passaggio di informazioni utili fra docente e allievo (Bartsch & Cobern, 2003; Garner, Gillingham, & White, 1989; Harp & Maslich,2005; Harp & Mayer, 1997, 1998; Lehman, Schraw, McCrudden, & Hartley, 2007; Mayer, Heiser, & Lonn, 2001; Rowland-Bryant et al., 2009; Shen, McCaughtry, Martin, & Dillion, 2006). 

In realtà più di un terzo degli studi compiuti sull’argomento non è riuscito a dimostrare l’effetto descritto dagli autori sopra citati e un terzo ha dimostrato solo una parziale presenza di questo effetto (Rey, 2012).

Va detto che la ricerca sui dettagli seducenti è stata condotta in ambienti di laboratorio, in cui i partecipanti hanno a disposizione una  quantità veramente limitata di tempo per apprendere del materiale ed è dunque difficile paragonare questi risultati a quelli della vita reale  (Thalheimer, 2004). È improbabile infatti che si riesca a riprodurre in laboratorio una situazione d’aula, in quanto il corso di studi nell’esperimento è necessariamente breve e si svolge sotto l’osservazione dello sperimentatore.

Il focus degli esperimenti citati si è basato sul confronto tra coloro che avevano studiato il materiale didattico, con e senza i dettagli seducenti. In realtà l’apprendimento è una forma di autoregolazione, un processo che avviene all’interno della persona, considerando come essa riesce a monitorare i suoi progressi e a regolare l’apprendimento attraverso l’uso di strategie utili  (Sitzmann & Ely, 2010). Occorrerebbe dunque saggiare l’effetto dei dettagli seducenti nella didattica in un progetto di più ampio respiro.

Per indagare la complessità degli effetti dei particolari seducenti è stata dunque condotta
un’indagine su adulti che partecipavano a corsi on-line. In questi corsi il materiale di studio è spesso ampio e può richiedere diverse ore, o addirittura giorni, per essere appreso. I ricercatori hanno potuto osservare il tempo richiesto per la lettura, la velocità di apprendimento, le reazioni dei corsisti agli elementi seducenti, i test di apprendimento, ecc.

Risultato:

I dettagli seducenti nella didattica non hanno effetti uniformi su tutti gli allievi. Anche il definirli dettagli “seducenti” è sembrato, in conclusione, piuttosto fuorviante, dal momento che se-durre in latino significa infatti condurre fuori strada, verso qualcosa altro da sé, ma questo non necessariamente accade per tutti. Quello che è emerso va a conferma dello studio di Park et al (2011) e cioè che le persone possono non saper distinguere fra una conoscenza importante e un dettaglio irrilevante , specialmente se è la prima volta che affrontano una data materia. Questo effetto non accade se ci si rivolge a persone che hanno una conoscenza abbastanza approfondita dell’argomento e sanno quindi distinguere con facilità ciò che viene detto in aula con scopi formativi e ciò che viene detto con scopi di intrattenimento. A questi ultimi possono essere proposti, con meno rischi, i dettagli seducenti nella didattica.

Fonte:

Traci Sitzmann , Stefanie Johnson , The paradox of seduction by irrelevant details: How irrelevant information helps and hinders self-regulated learning,  Learning and Individual Differences 34 (2014) 1–11

Dr. Walter La Gatta

Immagine:
Pexels

Facebook Comments


Libero professionista ad Ancona e Terni

Si occupa di:

Psicoterapie individuali e di coppia
Terapie Sessuali (Delegato Regionale del Centro Italiano di Sessuologia per le Regioni Marche e Umbria) 
Tecniche di Rilassamento e Ipnosi
Disturbi d’ansia, Timidezza e Fobie sociali.

Riceve ad Ancona,Terni e via Skype, su appuntamento.

Per appuntamenti telefonare direttamente al: 348 – 331 4908

Co-fondatore dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Contatti e Consulenza con il Dr. Walter La Gatta

Tweets di @Walter La Gatta

Visita il nostro Canale
YouTube

Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierlo come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

ARTICOLI CORRELATI:

Paura di tornare a scuola – Consulenza on line
Ho paura di tornare a scuola...mi piace molto ciò che studio e cerco di approfondire tutti gli argomenti ma ogni volta che devo andare ...
Sigmund Freud sta uscendo dai libri di testo di psicologia
Ad Harvard ed in altre università prestigiose, Sigmund Freud sta lentamente uscendo di scena; almeno nelle Facoltà di Psicologia. I libri di introduzione alla ...
L’inserimento scolastico
  di Redazione L'inserimento in ambiente scolastico richiede al bambino di rispettare il principio di realtà, che si manifesta giorno per giorno sotto forma di orari, ...
Primo giorno di scuola: come evitare l’ansia da separazione
Secondo Samuel T. Gladding, docente di counseling presso la Wake Forest University e autore del libro "Family Therapy," non essere preparati a gestire l'ansia ...
Videogames a scuola: una risorsa per motivare gli alunni
Sebbene la tecnologia sia ormai entrata nelle scuole, grazie a computer e tablet, c'è un nuovo, sorprendente, studio del Games and Learning Publishing Council ...
Le molestie sessuali a scuola
Un nuovo studio pubblicato nella rivista Psychology of Women studia gli effetti delle molestie sessuali nei giovani. Se le ragazze sono quelle che vengono ...
Insegnanti-psicologi: non funziona!
Il suicidio è la seconda causa di morte tra i ragazzi di età compresa fra i 15 ed i 24 anni, in Inghilterra e ...
Scuole di violenza
  di Giuliana Proietti Ogni giorno veniamo a sapere che in una scuola italiana c'è stato un caso di bullismo, una scena di violenza, un abuso ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *