Freud e la Grande Guerra

Share Button

Freud con i figliNel Luglio 1914 Sigmund Freud pensava più alle dimisssioni di Carl Gustav Jung più che all’imminente conflitto mondiale (“Finalmente ci siamo sbarazzati di Jung, quel pazzo irragionevole e i suoi accoliti” scrisse a Karl Abraham il giorno 26 del mese).
Poi, il precipitare degli eventi: l’Austria, a seguito dell’assassinio dell’Arciduca Francesco Ferdinando, avvenuto il 28 Giugno, dichiarò guerra alla Serbia. Le potenze occidentali (Francia ed Inghilterra per prime) si opposero a questa sorta di punizione esemplare che l’impero austro-ungarico voleva infliggere alla Serbia.

Freud era al tempo un conservatore: ed ebbe modo di affermare più volte di sentirsi veramente e profondamente “austriaco”, ben lontano dunque dalle posizioni pacifiste. L’unico rammarico che aveva era che l’amatissima Inghilterra (della quale ammirava la cultura e la scienza), avesse scelto di stare dalla parte sbagliata del conflitto internazionale. (Ciò nonostante, quell’anno mandò sua figlia Anna in Inghilterra, senza mostrarsi particolarmente preoccupato)

In una lettera a Ferenczi del 9 Novembre 1914 (Freud Collection), lo psicoanalista scrisse: “La voce della psicoanalisi nel mondo viene coperta dal tuono dei cannoni”. Le cose infatti volgevano sempre più al peggio: molti psicoanalisti lasciavano il loro lavoro e si arruolavano nell’esercito, altri semplicemente lasciavano le città di residenza, così come buona parte dei pazienti.

Freud era troppo anziano per andare in guerra, ma non i suoi figli maschi (Oliver, Ernst e Martin), che vennero infatti chiamati alle armi. I primi due combatterono sin dall’inizio e per tutta la durata della guerra, mentre Martin fu richiamato in un secondo momento (poi fu dato per disperso, – era prigioniero in Italia – e in seguito liberato, nell’Ottobre 1919).

Ciò che avvenne durante la guerra non mancò di provocare in Freud riflessioni profonde. In un saggio, scritto fra Marzo ed Aprile del 1915, Considerazioni attuali sulla guerra e la morte, Freud paragona il comportamento della società del tempo al comportamento tipico delle società primitive: l’azione vietata ai singoli diventa lecita quando si fa collettiva. Si tratta cioè di una vera e propria deroga al divieto di uccidere. Nell’inconscio permane infatti, nonostante ogni impostazione etica, un’aggressività mortale, in quanto l’essere umano non elabora sufficientemente i vissuti di morte: si è limita a rimuoverli o a negarli, ma essi riappaiono dall’esterno sotto forma di minaccia.

Ciò che sembrava turbare Freud più dFreud e figlii ogni altra cosa tuttavia era che la scienza, nel conflitto, sembrava aver perduto la sua imparzialità. Gli umanisti, gli storici, gli antropologi e gli intellettuali in genere si erano infatti messi al servizio dei loro Paesi e usavano la loro scienza come arma di lotta contro il nemico. Gli antropologi dicevano ad esempio che il nemico era inferiore e degenerato, gli psichiatri diagnosticavano malattie mentali ai capi degli Stati nemici.

In una lettera ad Abraham del 15 maggio 1915 Freud scrisse che il suo lavoro stava “prendendo forma”. La forzata inattività lo aveva infatti spinto a scrivere molti saggi, fra cui le Pulsioni e loro destini, Repressione, Inconscio, un supplemento metapsicologico alla teoria dei sogni, Lutto e Melanconia. “I primi quattro saranno pubblicati nella serie Zeitschrift attualmente in corso; terrò il resto per me. Se la guerra durerà abbastanza a lungo, spero di essere in grado di mettere insieme una dozzina di saggi simili e di pubblicarli in tempi più tranquilli” scrisse Freud.

Ciò che andava elaborando era la metapsicologia, un compendio di tutto il pensiero freudiano, che lo psicoanalista vedeva come una sorta di testamento..Freud pubblicò anche “Pensieri per il « Times » sulla guerra e la morte” (1915): un saggio approfondito sulla violenza, l’odio, e l’illusione della bontà originaria, che fornì poi una prospettiva per la futura concettualizzazione della pulsione di morte. Oltre che nello scrivere, Freud si tenne impegnato con delle conferenze, tenute all’Università di Vienna, che costituirono la base per la futura Introduzione alla psicoanalisi (1916-1917).

Alla fine della guerra Freud era divenuto un pacifista: un percorso intellettuale non indifferente. Secondo lui la guerra non aveva fatto che mettere in evidenza quello che gli psicoanalisti sapevano già sull’aggressività umana.
La guerra era durata quattro anni ed aveva causato circa 10 milioni di vittime, anche per l’uso di nuove tecnologie, come le automobili e i gas tossici, lanciafiamme, guerra sottomarina, bombardamenti sui civili.

L’armistizio dell’11 novembre 1918 portò a Freud (e sicuramente non solo a lui….) un notevole sollievo: tutto poteva ricominciare.

Dr. Giuliana Proietti

Fonti:Answer.com
Peter Gay Freud e la guerre
Donn, Freud e Jung, Leonardo
Silvia Vegetti Finzi, Storia della psicoanalisi, Mondadori

Nelle immagini: Freud con i figli Oliver ed Ernest

Dr. Giuliana Proietti
Seguimi su:

Dr. Giuliana Proietti

Psicoterapeuta Sessuologa at Ellepi Associati | Ancona - Terni
● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona e Terni)
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice del sito Clinica della Timidezza e Clinica della Coppia e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e il loro legame con la sessualità.

Scrive in un Blog sull'Huffington Post


Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti

Biografia completa: qui

Per appuntamenti e collaborazioni: 347 – 0375949 Ancona e Terni
Tweets di @gproietti
Dr. Giuliana Proietti
Seguimi su:

Latest posts by Dr. Giuliana Proietti (see all)

Facebook Comments

ARTICOLI CORRELATI:

Il Determinismo Psichico in Freud
Il ‘determinismo psichico’ è alla base della costruzione psicologica di Freud, che può pervenire a dare legittimità alla nozione di inconscio tramite l’impiego del ...
Fritz Wittels e la prima biografia di Sigmund Freud
Fritz Wittels, medico e psicoanalista austriaco (1880-1950), allievo di Freud, membro della società psicologica del mercoledì, viene ricordato soprattutto perché scrisse la prima biografia ...
Freudiana : Thomas Mann sulla psicoanalisi
Quest’anno ricade il centocinquantesimo anno della nascita di Freud. Settanta anni fa, quando Freud compiva ottanta anni, Thomas Mann scrisse in suo onore delle ...
Storia della sessuologia
La storia della sessuologia può essere suddivisa in tre periodi : a. Periodo prescientifico Comprende i numerosi secoli che precedettero la rivoluzione galileiana, quando il pensiero ...
Freud, i sogni ed il sogno dell’iniezione di Irma
A sinistra: schema sulla concezione freudiana del sogno Con il libro L'Interpretazione dei sogni (1899) Freud rinuncia allo studio della base organica della psicologia e ...
Freud e la psicoanalisi selvaggia
Un brevissimo scritto di Freud del 1910 ci parla del pericolo della ‘psicoanalisi selvaggia’, ovvero di quelle interpretazioni errate della teoria e della tecnica ...
David Brooks: l’animale sociale
Nel suo nuovo libro,The Social Animal: The Hidden Sources of Love, Character, and Achievement (L'animale sociale: le fonti nascoste dell'amore, del carattere e del ...
Libri di Carl Gustav Jung
Libri di Carl Gustav Jung a cura della Redazione di Psicolinea.it CARL GUSTAV JUNG, Le cose che si vedono in cielo, 1958 In questo saggio Carl Gustav ...

About Dr. Giuliana Proietti

● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona e Terni) ● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it ● Saggista e Blogger ● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale ● Conduzione seminari di sviluppo personale ● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici ● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale) ● Co-fondatrice del sito Clinica della Timidezza e Clinica della Coppia e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e il loro legame con la sessualità. Scrive in un Blog sull'Huffington Post Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti Biografia completa: qui Per appuntamenti e collaborazioni: 347 – 0375949 Ancona e Terni Tweets di @gproietti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *