Gli effetti della schizofrenia sul cervello umano

Share Button

schizofreniaA livello mondiale circa 24 milioni di persone, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, soffrono di schizofrenia . Un nuovo studio condotto nella University of Iowa dalla psichiatra Nancy Andreasen ha utilizzato le scansioni cerebrali per documentare come la schizofrenia influisca sul tessuto cerebrale, rilevando anche gli effetti dei farmaci anti-psicotici sui soggetti che mostrano delle ricadute.

Lo studio, pubblicato sull’American Journal of Psychiatry , mostra i cambiamenti cerebrali rilevati da scansioni MRI su più di 200 pazienti, dal loro primo episodio in avanti, con scansioni a intervalli regolari per al massimo 15 anni. Le scansioni hanno mostrato che le persone al loro primo episodio avevano una minore quantità di tessuto cerebrale rispetto agli individui sani. I risultati suggeriscono dunque che coloro che soffrono di schizofrenia abbiano già subito dei cambiamenti cerebrali, prima che si comincino a vedere i segni esteriori della malattia.

“Ci sono diversi studi , compreso il mio , che mostrano come le persone con schizofrenia abbiano un cranio di dimensioni più piccole rispetto alla media”, spiega la Andreasen. Dal momento che lo sviluppo cranico si completa entro i primi anni di vita , ci può essere qualche aspetto del primo sviluppo – come ad esempio le complicazioni durante la gravidanza o l’esposizione ai virus – che potrebbe portare verso la schizofrenia . ”

La squadra della Andreasen ha inoltre scoperto che le persone colpite da schizofrenia hanno subito la maggiore perdita di tessuto cerebrale nei due anni successivi al primo episodio , ma poi il danno curiosamente tende a stabilizzarsi. La scoperta potrebbe aiutare i medici ad identificare i periodi di tempo più efficaci per prevenire la perdita di tessuto e gli altri effetti negativi della malattia.

I ricercatori hanno anche analizzato l’effetto dei farmaci sul tessuto cerebrale . Sebbene i risultati non siano gli stessi per ogni paziente , il gruppo ha trovato che, in generale, maggiore è la dose di farmaci anti- psicotici , maggiore è la perdita di tessuto cerebrale . ” Questa è stata una scoperta molto sconvolgente ” per la Andreasen , che per un paio d’anni è andata avanti nelle ricerche sperando di aver fatto un errore.  L’ impatto sulla clinica è difficile, dice la ricercatrice, perché gli psichiatri , i pazienti e i familiari non sanno come interpretare questo risultato . I farmaci antipsicotici peggiorano la situazione ? Dovremmo usarne di meno ?

Il gruppo ha inoltre esaminato come le ricadute potrebbero influenzare i tessuti cerebrali , e se lunghi periodi di psicosi siano pericolosi per il cervello: i risultati mostrano che le recidive più lunghe sono associate con la perdita di tessuto cerebrale .

Secondo i ricercatori i dati dello studio potrebbero modificare la modalità d’uso dei farmaci antipsicotici nel trattamento della schizofrenia.

Dr. Walter La Gatta

Fonte:
Nancy C. Andreasen. Relapse Duration, Treatment Intensity, and Brain Tissue Loss in Schizophrenia: A Prospective Longitudinal MRI Study. American Journal of Psychiatry, 2013; 170 (6): 609 DOI: 10.1176/appi.ajp.2013.12050674 via Medical News Today, How schizofrenia affects the brain

Immagine:
Free Digital Photos

Dr. Walter La Gatta
Seguimi su:

Dr. Walter La Gatta

Psicoterapeuta Sessuologo at Ellepi Associati Ancona - Terni

Libero professionista ad Ancona e Terni

Si occupa di:

Psicoterapie individuali e di coppia
Sessuologia (Terapeuta del Centro Italiano di Sessuologia) 
Tecniche di Rilassamento e Ipnosi
Disturbi d’ansia, Timidezza e Fobie sociali.

Riceve ad Ancona e Terni, su appuntamento.

Per appuntamenti: 348 – 331 4908

Qui trovi tutte le modalità per contattare il Dr. Walter La Gatta

Qui trovi il CV del Dr. Walter La Gatta
Dr. Walter La Gatta
Seguimi su:

Facebook Comments

ARTICOLI CORRELATI:

Aristada, la nuova cura contro la schizofrenia
La schizofrenia è una malattia cronica, grave e invalidante del cervello che colpisce circa l'uno per cento degli americani. In genere, i sintomi sono ...
Che cos’è la schizofrenia?
La schizofrenia è un disturbo mentale che rende difficile: - distinguere fra ciò che è reale e ciò che non è reale - pensare in modo ...
Il cervello deve sapere… Altrimenti niente bebè
Un gruppo di studiosi del Centro ricerche sul cancro di Heidelberg, in Germania, ha mostrato il ruolo importante che ha sul processo dell'ovulazione un ...
Musica e sue applicazioni in medicina
La musica ha molta influenza sul corpo umano: può ridurre lo stress, migliorare il rilassamento, distrarre dal dolore e migliorare i risultati della terapia ...
C’è relazione fra schizofrenia e autismo?
Tra i disturbi dello spettro autistico (DSA) vi sono l'autismo, la sindrome di Asperger e il Disturbo Generalizzato dello Sviluppo, tutti caratterizzati da difficoltà ...
La mancanza di empatia andrebbe inserita nel DSM V?
L'empatia è una capacità molto importante che la maggior parte dei mammiferi possiede, anche se in misura maggiore o minore. Un nuovo libro di Simon ...
Lobotomia e terapie chirurgiche per il tono dell’umore
Nella famiglia politica più famosa d'America, i Kennedy, vi fu un caso psichiatrico molto controverso, quello di Rosemary Kennedy (1918-2005), sorella del futuro presidente americano ucciso ...
Stampa inglese e malattia mentale
Katy-Louise Morgan, del Leicester's Department of Media and Communication sostiene che la stampa inglese abbia dato notizie errate sulla malattia mentale, in particolare per ...

About Dr. Walter La Gatta

Libero professionista ad Ancona e Terni Si occupa di: Psicoterapie individuali e di coppia Sessuologia (Terapeuta del Centro Italiano di Sessuologia)  Tecniche di Rilassamento e Ipnosi Disturbi d’ansia, Timidezza e Fobie sociali. Riceve ad Ancona e Terni, su appuntamento. Per appuntamenti: 348 – 331 4908 Qui trovi tutte le modalità per contattare il Dr. Walter La Gatta Qui trovi il CV del Dr. Walter La Gatta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *