Share Button

schizofreniaA livello mondiale circa 24 milioni di persone, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, soffrono di schizofrenia . Un nuovo studio condotto nella University of Iowa dalla psichiatra Nancy Andreasen ha utilizzato le scansioni cerebrali per documentare come la schizofrenia influisca sul tessuto cerebrale, rilevando anche gli effetti dei farmaci anti-psicotici sui soggetti che mostrano delle ricadute.

Lo studio, pubblicato sull’American Journal of Psychiatry , mostra i cambiamenti cerebrali rilevati da scansioni MRI su più di 200 pazienti, dal loro primo episodio in avanti, con scansioni a intervalli regolari per al massimo 15 anni. Le scansioni hanno mostrato che le persone al loro primo episodio avevano una minore quantità di tessuto cerebrale rispetto agli individui sani. I risultati suggeriscono dunque che coloro che soffrono di schizofrenia abbiano già subito dei cambiamenti cerebrali, prima che si comincino a vedere i segni esteriori della malattia.

“Ci sono diversi studi , compreso il mio , che mostrano come le persone con schizofrenia abbiano un cranio di dimensioni più piccole rispetto alla media”, spiega la Andreasen. Dal momento che lo sviluppo cranico si completa entro i primi anni di vita , ci può essere qualche aspetto del primo sviluppo – come ad esempio le complicazioni durante la gravidanza o l’esposizione ai virus – che potrebbe portare verso la schizofrenia . ”

La squadra della Andreasen ha inoltre scoperto che le persone colpite da schizofrenia hanno subito la maggiore perdita di tessuto cerebrale nei due anni successivi al primo episodio , ma poi il danno curiosamente tende a stabilizzarsi. La scoperta potrebbe aiutare i medici ad identificare i periodi di tempo più efficaci per prevenire la perdita di tessuto e gli altri effetti negativi della malattia.

I ricercatori hanno anche analizzato l’effetto dei farmaci sul tessuto cerebrale . Sebbene i risultati non siano gli stessi per ogni paziente , il gruppo ha trovato che, in generale, maggiore è la dose di farmaci anti- psicotici , maggiore è la perdita di tessuto cerebrale . ” Questa è stata una scoperta molto sconvolgente ” per la Andreasen , che per un paio d’anni è andata avanti nelle ricerche sperando di aver fatto un errore.  L’ impatto sulla clinica è difficile, dice la ricercatrice, perché gli psichiatri , i pazienti e i familiari non sanno come interpretare questo risultato . I farmaci antipsicotici peggiorano la situazione ? Dovremmo usarne di meno ?

Il gruppo ha inoltre esaminato come le ricadute potrebbero influenzare i tessuti cerebrali , e se lunghi periodi di psicosi siano pericolosi per il cervello: i risultati mostrano che le recidive più lunghe sono associate con la perdita di tessuto cerebrale .

Secondo i ricercatori i dati dello studio potrebbero modificare la modalità d’uso dei farmaci antipsicotici nel trattamento della schizofrenia.

Dr. Walter La Gatta

Fonte:
Nancy C. Andreasen. Relapse Duration, Treatment Intensity, and Brain Tissue Loss in Schizophrenia: A Prospective Longitudinal MRI Study. American Journal of Psychiatry, 2013; 170 (6): 609 DOI: 10.1176/appi.ajp.2013.12050674 via Medical News Today, How schizofrenia affects the brain

Immagine:
Free Digital Photos

Facebook Comments


Libero professionista ad Ancona e Terni

Si occupa di:

Psicoterapie individuali e di coppia
Terapie Sessuali (Delegato Regionale del Centro Italiano di Sessuologia per le Regioni Marche e Umbria) 
Tecniche di Rilassamento e Ipnosi
Disturbi d’ansia, Timidezza e Fobie sociali.

Riceve ad Ancona,Terni e via Skype, su appuntamento.

Per appuntamenti telefonare direttamente al: 348 – 331 4908

Co-fondatore dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Contatti e Consulenza con il Dr. Walter La Gatta

Tweets di @Walter La Gatta

Visita il nostro Canale
YouTube

Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierlo come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

ARTICOLI CORRELATI:

C’è relazione fra schizofrenia e autismo?
Tra i disturbi dello spettro autistico (DSA) vi sono l'autismo, la sindrome di Asperger e il Disturbo Generalizzato dello Sviluppo, tutti caratterizzati da difficoltà ...
La materia bianca del cervello influisce sulla memoria
Le varie aree cerebrali sono connesse tra di loro dalla così detta "materia bianca", che a lungo è stata considerata un tessuto passivo. Ora, ...
Difficoltà di comprensione? Dormici su
Nuovi studi sul sonno sono stati effettuati dagli scienziati del Beth Israel Deaconess Medical Center (BIDMC), i quali hanno scoperto che i sogni sono ...
Siete normali o siete matti?
Il canale BBC Radio 4 sta trasmettendo un programma che si chiama: 'Sono normale? ( Am I Normal? ) che si occupa delle differenze ...
Proprio bello, il nostro cervelletto
Il cervelletto è formato da due distinti emisferi, ossia due masse simmetriche saldate fra loro nella parte centrale. Il punto di contatto può essere ...
Che cos’è la schizofrenia?
La schizofrenia è un disturbo mentale che rende difficile: - distinguere fra ciò che è reale e ciò che non è reale - pensare in modo ...
Il cervello cresce molto più di quello che si pensa
Quando i lavoratori più anziani imparano nuove competenze, le loro cellule cerebrali si sviluppano ulteriormente, secondo alcuni scienziati tedeschi che hanno condotto uno studio ...
In Francia nasce FondaMental, per la ricerca in psichiatria
La malattia mentale riguarda il 27 % della popolazione europea, che ne ha sofferto o ne soffrirà nella propria vita, con ansia e depressione ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *