Share Button

1906 Jung da giovaneA sinistra: Jung da giovane

Nel suo libro ‘Ricordi, sogni e riflessioni’, Jung scrive, a proposito di Freud:

“… Quando conobbi la sua opera, progettavo una carriera universitaria, ed ero sul punto di completare un lavoro che avrebbe potuto portarmi avanti su quella strada. Ma Freud era decisamente una “persona non grata” nel mondo accademico del tempo e ogni relazione con lui screditava scientificamente. Le “persone importanti” al più lo citavano di nascosto, e nei congressi si parlava di lui solo nei corridoi, mai in seduta plenaria. Pertanto la scoperta che i miei esperimenti di associazione concordavano con le teorie di Freud non mi era affatto gradevole.

Una volta, mentre ero nel mio laboratorio e riflettevo su questi problemi, il diavolo mi suggerì che sarei stato giustificato se avessi pubblicato i risultati dei miei esperimenti e le mie conclusioni senza citare Freud. Dopotutto, avevo lavorato intorno ai miei esperimenti molto prima di capire la sua opera. Ma allora sentii la voce della mia seconda personalità: ‘Se fai una cosa simile, come se non conoscessi Freud, è un imbroglio. Non si può fondare la propria vita su una menzogna’.

Con ciò la questione fu risolta: da allora in poi presi apertamente partito per Freud e lottai per lui.
Spezzai la prima lancia in difesa di Freud in un Congresso a Monaco, dove un conferenziere parlava delle nevrosi ossessive, deliberatamente evitando di citare il suo nome. Nel 1906, in relazione a questo incidente scrissi un saggio per la
Munchner Medizinische Wochenschrift sulla dottrina delle nevrosi di Freud, che aveva contribuito moltissimo alla comprensione delle nevrosi coatte.

In risposta a questo articolo, due professori tedeschi mi scrissero, avvertendomi che se avessi continuato a stare dalla parte di Freud e a prenderne le difese, avrei rovinato la mia carriera accademica. Risposi: ” Se ciò che Freud dice è la verità, sto con lui. Non mi importa nulla della carriera, se questa deve fondarsi su una limitazione delle ricerche e sull’occultamento della verità”.
E continuai a difendere Freud e le sue idee….”

Fonte bibliografica:

C.G. Jung, Ricordi, sogni, riflessioni, ed Rizzoli

Immagine:

Freud Museum

Dott.ssa Giuliana Proietti Ancona

Facebook Comments

● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona e Terni)
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Scrive in un Blog sull’Huffington Post


Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti

Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche e via Skype
Tweets di @gproietti

Visita il nostro Canale
YouTube

Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierla come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

ARTICOLI CORRELATI:

Freud e il disagio della civiltà (1929)
Il libro "Il disagio della civiltà" appartiene alla piena maturità del pensiero freudiano. Fu pubblicato in due parti, nel 1929 e nel 1930, per ...
Sabina Spielrein
  di Giuliana Proietti Sabina Nikolaevna Spielrein nacque a Rostov sul Don (Russia) nel 1885, da un commerciante ebreo e da sua moglie che, sebbene avesse ...
Conosci l’interpretazione dei sogni? Test
  Secondo Freud, ci sono dei simboli che hanno un significato unico e universale e che quindi possono essere interpretati con relativa facilità, anche senza ...
Arnold Zweig, Sigmund Freud, l’ebraismo e il genere umano
Nel 1929 Freud era molto popolare all'interno della comunità ebraica e veniva considerato come un eroe. Quell'anno lo scrittore (e amico di Freud) Arnold ...
La Gradiva e l’affinità fra psicoanalisi ed arte
Nel viaggio a Roma del 1907 Freud potè prendere diretta visione del bassorilievo originale della Gradiva nei Musei Vaticani. Gradiva era anche il soggetto della ...
L’interpretazione dei sogni: fasi di elaborazione del libro
Il 31 Dicembre 1883 Freud scrisse alla fidanzata Marta che aveva fatto uno strano sogno: era in Spagna, vicino al fiume Manzanarre e si ...
Freud e la cocaina
A sinistra: lettera olografa di Freud a Martha, con la descrizione della stanza di lavoro, 1883 Il principale ingrediente nelle foglie di coca, l'alcaloide cocaina, ...
Freud tradiva la moglie con la cognata
Come si sa, Freud era sposato con Martha Bernays, nata il 26 Luglio1861 e morta a novanta anni, il 2 Novembre del 1951. I ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *