La depressione

Share Button

 

depressione

La depressione fa parte dei così detti “disturbi dell’umore”, quando cioè vi è un’alterazione patologica, in senso depressivo o maniacale, del tono dell’umore.

Quando vi sono solo sintomi depressivi si parla di “depressione unipolare”, quando invece i sintomi depressivi si alternano con quelli maniacali, si parla di “disturbo bipolare”, la cui forma più attenuata viene chiamata “ciclotimia”.

E sbagliato parlare di depressione in presenza di un atteggiamento triste e pessimista verso la vita: queste persone infatti, anche se tristi e pessimiste, riescono a vivere una vita di relazioni, di affetti, di impegno nel lavoro, cosa che non accade ai “veri” depressi.

Anche la persona triste che ha subito una perdita (di vario genere, fra cui un lutto) non può dirsi depressa, in quanto la sua tristezza è reattiva all’evento subito e può essere considerata perfino una risposta fisiologica di adattamento.

La persona realmente depressa invece vive una tristezza cronica, di alta intensità, i cui sintomi sono persistenti.

La depressione dipende in primo luogo da alcuni fattori predisponenti (vulnerabilità genetica) verso i disturbi dell’umore. Altrettanto importanti sono le esperienze vissute, specialmente nell’infanzia, e le caratteristiche socio-ambientali in cui si vive o si è vissuti.

E’ stato dimostrato che avere una predisposizione genetica può avere un ruolo importante nella depressione, specialmente nel caso del disturbo bipolare.

Nella persona depressa il tono dell’umore si mantiene depresso per diverse settimane o mesi, specialmente al mattino. I sintomi tipici riguardano l’apatia (perdita di interessi), l’anedonia (perdita della capacità di divertirsi o di provare piacere), l’astenia (stanchezza ed eccessiva affaticabilità), la difficoltà di concentrazione e di attenzione, i disturbi del ritmo sonno-veglia (risvegli notturni e risveglio precoce al mattino), inappetenza, sentimenti di autosvalutazione, di colpa e di inadeguatezza, che possono giungere fino a veri e propri deliri di colpa o di rovina (convinzioni non facilmente modificabili con il semplice ragionamento. Ecco perché nei casi più gravi possono essere necessari i farmaci).

Il pericolo più grave dei sintomi depressivi è infatti rappresentato dai pensieri di morte ricorrenti, che potrebbero portare il soggetto a mettere in atto dei comportamenti autolesivi, spesso fatali, in quanto bene organizzati (totalmente diversi dai tentativi di suicidio, che sono invece volti a ricevere attenzioni e considerazione da parte degli altri, più che a cercare la morte).

Il livello di gravità di uno stato depressivo dipende dall’intensità e dalla numerosità dei sintomi, dalla loro persistenza nel tempo e dal grado di compromissione che questo quadro clinico produce nelle attività sociali, familiari e lavorative della persona.

La depressione unipolare è in genere ricorrente, con episodi che possono presentarsi anche a distanza di molti anni (si registrano tuttavia casi di persone che hanno provato un solo episodio depressivo nella loro vita). La depressione può presentarsi con ricorrenza stagionale, in genere con l’avvicinarsi del periodo invernale, con miglioramenti sensibili nel periodo primaverile.

Quando l’umore depresso dura molto tempo (almeno due anni), ma è di intensità non particolarmente elevata, per cui il soggetto può, nonostante i sintomi, continuare senza grandi problemi la sua vita sociale e lavorativa, si parla di “distimia”, un disturbo con forti componenti ansiose e presenza di irritabilità. In questo caso sono presenti anche altri sintomi, come fobie, ossessioni, lamentele. In questi soggetti sono frequenti i tentativi di suicidio, come atti dimostrativi.

Il disturbo bipolare si ha invece quando un episodio depressivo si alterna a uno o più episodi maniacali. La mania è caratterizzata da un tono dell’umore particolarmente elevato, che produce euforia, logorrea, iperattività, disinibizione, insonnia, irritabilità, idee o deliri di grandezza e onnipotenza.

In genere nel disturbo bipolare gli episodi depressivi sono più frequenti degli episodi maniacali.

La mania viene considerata un disturbo psicotico, che richiede un trattamento farmacologico con stabilizzatori dell’umore e farmaci antimaniacali. A volte è richiesta anche l’ospedalizzazione con regime di TSO, perché questa condizione può essere pericolosa, per il soggetto stesso o per altre persone (acquisti o investimenti inopportuni e comunque eccessivi, condotte a rischio, ecc.).

Il trattamento dei disturbi depressivi prevede l’uso di farmaci antidepressivi, stabilizzatori del tono dell’umore (nel caso di disturbo bipolare) e interventi psicoterapeutici, utili anche in associazione con i farmaci (che migliorano velocemente il tono dell’umore della persona depressa, ma che non cambiano le cause, interne ed esterne che l’hanno provocata, come invece potrebbe fare una buona psicoterapia).

Dr. Giuliana Proietti

Immagine:
Wikimedia

Facebook Comments
Dr. Giuliana Proietti
Seguimi su:

Dr. Giuliana Proietti

● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona e Terni)
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Scrive in un Blog sull'Huffington Post


Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti

Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche e via Skype
Tweets di @gproietti

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierla come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti
Dr. Giuliana Proietti
Seguimi su:

ARTICOLI CORRELATI:

E se fosse meglio non esprimere le emozioni?
In genere si pensa che tenersi dentro i sentimenti e le emozioni sia sbagliato e dannoso per la salute; una nuova ricerca sostiene, al ...
Isterectomia e Ovariectomia – Consulenza on Line
Ho subito un intervento di isterectomia e ovariectomia, pertanto, pur avendo 33 anni, non posso avere figli. Ora sto affrontando cicli di chemioterapia con ...
Perché i depressi non parlano dei loro sintomi al medico di famiglia
In uno studio che ha riguardato più di 1.000 adulti in California, i ricercatori hanno scoperto che il 43 per cento delle persone ha ...
Patient Health Questionnaire – 9 (PHQ-9) per depressione
Test Il test misura la variabilità dei sintomi depressivi. Rispondere a tutte le 9 domande, selezionando la risposta che meglio rappresenta la risposta ideale per ...
Disturbo bipolare: come aiutare chi ne soffre
Ecco qualche consiglio per le persone che vivono con un partner che soffre di disturbo bipolare: Il disturbo bipolare è una malattia, determinata da condizioni ...
Disturbo bipolare e creatività: c’è un legame?
E' piuttosto diffusa l'idea che il disturbo bipolare sia anche una fonte di intelligenza, creatività o perfino genialità. E' bello pensare che una persona, ...
Lobotomia e terapie chirurgiche per il tono dell’umore
Nella famiglia politica più famosa d'America, i Kennedy, vi fu un caso psichiatrico molto controverso, quello di Rosemary Kennedy (1918-2005), sorella del futuro presidente americano ucciso ...
Il litio per la cura delle depressioni
Uno studio dell'Università di medicina di Berlino, la Charité, mostra come un fattore genetico riesca a favorire il successo della terapia al litio. Ad ...

About Dr. Giuliana Proietti

● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona e Terni) ● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it ● Saggista e Blogger ● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale ● Conduzione seminari di sviluppo personale ● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici ● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale) ● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità. Scrive in un Blog sull'Huffington Post Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche e via Skype Tweets di @gproietti Visita il nostro Canale YouTube Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media Perché sceglierla come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *