Share Button

Eli Zaretsky (sopra), nato a Brooklyn, è professore di storia presso la New York School University di New York. Da tempo si occupa di psicoanalisi e storia della cultura moderna. Ricordiamo tra i suoi libri : Capitalism, the Family, and Personal Life (1976), tradotto in quattordici lingue e I misteri dell’anima, tradotto anche in lingua italiana e pubblicato da Feltrinelli nel 2006.

Ne parliamo perché Zaretsky sostiene una originale teoria e cioè che la psicoanalisi abbia contribuito a creare il consumismo moderno.

Ripercorrendo la storia delle teorie freudiane dalle origini, l’autore riconosce alla prima psicoanalisi la genesi di un movimento rivoluzionario e libertario, che si abbatté come un uragano sulle società dei primi decenni del XX secolo ed aiutò a cambiare i costumi, la cultura, la società, ma anche, soprendentemente, l’economia. Vediamo come.

Zaretsky ritiene che la psicanalisi abbia incoraggiato l’idea di una vita individuale, distinta dalla famiglia: per scoprire la propria vera identità non ci si doveva più richiamare alla posizione sociale, alla famiglia d’origine, al posto di lavoro, ecc. ma alla propria vita interiore, al proprio Io.

sistemi economiciLe teorie del Freud furono accolte molto favorevolmente negli Stati Uniti perché si adattavano perfettamente all’enfasi americana sull’individualità: molti subirono il fascino di scoprire il proprio Io, i misteri dell’inconscio e della sessualità; tutte nuove dimensioni che minavano i ruoli sociali fino ad allora imperanti ed aprivano la strada alle rivendicazioni femminili e alle unioni omosessuali.

Queste teorie coincisero storicamente con lo sviluppo della società dei consumi di massa, dove l’individuo che conta di più è quello che più degli altri può permettersi di spendere, di consumare. L’individuo freudiano coincideva perfettamente con la figura del consumatore, cui cominciava a rivolgersi il mercato. Con le sue teorie e con il suo famoso divano, Freud permetteva alle persone di ‘indossare’ la propria interiorità, così come le industrie producevano oggetti e status symbols che esaltavano quelle individualità.

Ford costruiva in quei tempi le prime catene di montaggio, Taylor organizzava tempi e metodi di lavoro: gli operai andavano incontro all’alienazione, ma potevano consolarsi accedendo per la prima volta nella storia, ai consumi di massa.

Freud, analizzando le storie private dei suoi pazienti, li spingeva verso la ricerca del benessere individuale, della felicità; le industrie cercavano dei consumatori disposti a spendere e a consumare per sentirsi più felici.

Come il sociologo tedesco Max Weber vide nei valori del protestantesimo (austerità, rigore, laboriosità, risparmio finalizzato al reinvestimento) il terreno fertile per la nascita del capitalismo, Zaretsky ritiene altrettanto importante, nella storia dei sistemi sociali ed economici, l’alleanza inconsapevole, ma oggettiva, fra Psicoanalisi e Fordismo.

Poi, cambiamento di paradigma: la rivoluzione culturale degli anni sessanta, che andava contro la vita privata (“Il personale è politico” era uno degli slogan). La psicoanalisi fu messa sotto accusa dagli studenti, dalle femministe, dagli omosessuali: tutti vi trovavano concezioni profondamente antiche e sbagliate.

A partire dagli anni settanta la psicoanalisi cominciò a perdere consensi, non serviva più: erano infatti nate altre psicoterapie, e soprattutto erano nati nuovi movimenti carismatici che avevano sfidato la psicoanalisi, come ad esempio il femminismo, la controcultura, il movimento gay.

Pubblicazioni :

Zaretsky I misteri dell’anima, Feltrinelli, 2006

Links:
Lire (francese)
Intervista a Zaretsky (italiano)

Dott.ssa Giuliana Proietti

ceneri di Freud

Le ceneri di Freud

Nel 1939, dopo la morte di Freud, avvenuta quando lo psicoanalista aveva 83 anni, la sua salma fu cremata e ...
Leggi Tutto

Così era Freud, racconta l’ultima sua paziente ancora in vita

Il racconto dell'ultima paziente di Freud. In un giorno di primavera del 1936, Margarethe Walter, accompagnata da suo padre, chiese ...
Leggi Tutto
Mitologia

Quando Freud e Jung ‘scoprirono’ la mitologia

Nell'autunno del 1909, a due settimane dal ritorno dall'America, Jung disse a Freud: "L'archeologia, o piuttosto la mitologia, mi ha ...
Leggi Tutto
morte

Freud in vita e in morte

Freud aveva molta paura della morte. Il suo tormentato rapporto con questo evento ineluttabile si manifestava attraverso molte fobie, ossessioni ...
Leggi Tutto
libreria

Quando la libreria scricchiolò e Freud e Jung ebbero paura degli spiriti

Sopra: la libreria di Freud. Nel Marzo 1909 Carl Jung, insieme alla moglie Emma andarono a trovare i Freud presso ...
Leggi Tutto
quarta conferenza

Pro e contro il complesso edipico

Nell'Ottobre del 1897, Sigmund Freud scrisse al suo collega ed amico Wilhelm Fliess: «Ho trovato in me, come negli altri, ...
Leggi Tutto
sala d'attesa Freud

Dalle riunioni del mercoledì alla società psicoanalitica viennese

Sopra: sala d'attesa di casa Freud, dove avvenivano le riunioni del mercoledì. Per molto tempo la psicoanalisi fu solo Sigmund ...
Leggi Tutto
Italia

I viaggi in Italia del Dr. Freud

Per tutta la sua vita, Freud fu particolarmente attratto dalla Grecia e dall'Italia, luoghi dove sono nati i miti e ...
Leggi Tutto
sessualità

Sessualità, nevrosi e perversioni secondo Freud

Sessualità in Freud: una sessualità autonoma, sterile, finalizzata al piacere autoerotico, come quella del bambino A sinistra: Freud con la madre ...
Leggi Tutto
pessima impressione

1907 Jung fa una ‘pessima impressione’ parlando di Freud

Sopra Freud in una foto da lui inviata a Jung Nell'estate 1907 Carl Jung partì per Amsterdam, dove doveva tenere ...
Leggi Tutto
Dora

I sogni di Dora (e la relativa interpretazione di Freud)

Pour faire une omelette il faut casser des oeufs. (Per fare una frittata bisogna rompere le uova). E' una celebre ...
Leggi Tutto
i sogni

Freud, i sogni ed il sogno dell’iniezione di Irma

Sopra: schema sulla concezione freudiana del sogno Con il libro L'Interpretazione dei sogni (1899) Freud rinuncia allo studio della base ...
Leggi Tutto
Amleto

Sofocle, Shakespeare, Edipo, Amleto e Freud: scopriamo la liaison

Sopra: Amleto Freud nella Interpretazione dei Sogni (1899) analizza i casi di Edipo e di Amleto, trovandovi delle affinità riguardo ...
Leggi Tutto
Dora e il fratello Otto Braun

Freud e il caso clinico di Dora

Sopra: Ida (Dora) e il fratello Otto Braun, nel 1890 In una lettera del 14 ottobre 1900, Freud comunicò a ...
Leggi Tutto

1905: Tre saggi sulla Teoria Sessuale

Tre saggi sulla teoria sessuale, al di là di quello che farebbe pensare il titolo, è un libro abbastanza piccolo ...
Leggi Tutto
Psicopatologia della vita quotidiana

Psicopatologia della vita quotidiana

Nel 1904 Freud pubblicò la Psicopatologia della Vita Quotidiana (1901) in forma di volume. Con questo libro egli trovò crescente ...
Leggi Tutto

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona e Terni)
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Scrive in un Blog sull'Huffington Post


Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti

Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche e via Skype
Tweets di @gproietti

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierla come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.