Share Button

la seduzione infantileL’ipotesi della seduzione infantile – cioè del trauma sessuale sotto forma di una seduzione avvenuta nella prima infanzia – fu la prima fonte etiologica per Freud, sia per le nevrosi isteriche, sia per le nevrosi ossessive (anni 1893-1897). Egli citò i molti casi che lo avevano convinto di questo trauma infantile in cui l’adulto seduceva e stimolava il bambino nei genitali, mentre il bambino si sottometteva a queste pratiche in modo passivo. In un buon numero di casi Freud riuscì a farsi raccontare dai suoi pazienti alcuni ricordi che sembravano stati rimossi e che diedero ulteriore conferma alla sua teoria.
In seguito però questa teoria della seduzione infantile, di cui all’inizio Freud sembrava assolutamente convinto, cominciò a vacillare. Lo leggiamo in questa lettera che il padre della psicoanalisi scrisse, nel settembre 1897, all’amico Fliess:

Lascia che ti dica direttamente il grande segreto che è spuntato lentamente in me negli ultimi mesi. Non credo più ai miei neurotica. Non è possibile capire tutto ciò senza una spiegazione: del resto tu stesso trovasti degno di fede ciò che ti potei raccontare. Voglio però cominciare in modo storico, e ti racconto le ragioni che mi hanno fatto dubitare. I continui insuccessi dei miei tentativi di portare le analisi ad una reale conclusione, lo sfuggirmi di individui che per un certo tempo sembravano i miei pazienti più convinti, la mancanza del completo successo sul quale avevo contato e la possibilità di spiegarmi i successi parziali alla maniera consueta: questo, il primo gruppo. Poi, la sorpresa che in tutti i casi la colpa fosse sempre da attribuire alla perversità del padre… e l’accorgermi dell’inaspettata frequenta dell’isteria in ogni caso in cui si realizza la medesima condizione, mentre è difficile credere ad una tale diffusione delle perversioni verso i bambini… Viene, in terzo luogo, la precisa convinzione che non esista “un segno di realtà” nell’inconscio, così che è possibile fare distinzione fra verità e finzione emozionale. (Resta la spiegazione che la fantasia sessuale usi regolarmente l’argomento dei genitori). In quarto luogo la considerazione che anche nelle più profonde psicosi il ricordo inconscio non si fa strada, così che il segreto delle esperienze infantili non si rivela neppure nei più confusi stati di delirio. Se dunque si constata che l’inconscio non vince mai la resistenza del conscio, naufraga anche la speranza che, durante il trattamento, si possa verificare il processo opposto, cioè che il conscio arrivi a dominare completamente l’inconscio.
(Freud 1887-1902 lettera 69)
Fonte: Aetzel Meissner, Psichiatria psicoanalitica, ed. Boringhieri

A cura di:
Dott.ssa Giuliana Proietti Ancona

Facebook Comments

● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona e Terni)
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Scrive in un Blog sull’Huffington Post


Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti

Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche e via Skype
Tweets di @gproietti

Visita il nostro Canale
YouTube

Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierla come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

ARTICOLI CORRELATI:

Charlie Chaplin: per Freud un caso umano semplice e trasparente
Charlie Chaplin rimase qualche tempo a Vienna, nel 1931 e Freud cercò anche di incontrarlo, nonostante le sue precarie condizioni di salute e la ...
Quando la memoria a breve termine scarseggia
Alcuni ricercatori della Durham University hanno elaborato una checklist chiamata the Working Memory Rating Scale ed altri strumenti, per permettere agli insegnanti di aiutare ...
Sigmund Freud e le sue donne
E' appena uscito un libro: Sigmund Freud e le sue donne (La Tartaruga, pagg. 524, euro 17,50) di Lisa Appignanesi e John Forrester. Il ...
Stress in gravidanza
Molte mamme in attesa si chiedono se l'essere sottoposte a stress in gravidanza può in qualche modo influire sul proprio bambino. Ci saranno rischi ...
Quando Freud svenne, parlando di cadaveri (1909)
Racconta Jung: "L'anno 1909 fu decisivo per i nostri rapporti. Ero stato invitato a tenere delle conferenze sugli esperimenti di associazione alla Clark University (Worcester, ...
L’apprendimento delle lingue è il miglior mezzo per combattere i pregiudizi
Secondo un nuovo studio, pubblicato su Developmental Science, studiando le lingue si promuove nei bambini una migliore comprensione psicologica (e accettazione dell'altro). Lo studio ha messo a confronto i ...
Il corretto sviluppo del linguaggio nel bambino
Ogni bambino cresce e si sviluppa secondo i suoi tempi. Anche l'acquisizione del linguaggio può variare moltissimo da individuo a individuo ed i genitori ...
I cambiamenti nel ritmo sonno-veglia ci stanno modificando?
Nel libro Il disagio della civiltà, Sigmund Freud sosteneva che la società moderna ha influito pesantemente sulla psicologia umana, costringendo le persone a modificare ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *