Rene Magritte
Share Button

«Le immagini vanno viste quali sono, amo le immagini il cui significato è sconosciuto poiché il significato della mente stessa è sconosciuto» diceva René Magritte (1898-1967) pittore belga, uno dei massimi esponenti della scuola surrealista. I suoi quadri sono tutti famosissimi, ma sicuramente tutti ricorderanno il quadro dei due amanti, con il viso coperto da lenzuola, la cui spiegazione si trova in un triste episodio autobiografico, che andiamo a raccontare.

René François-Ghislain Magritte nacque il 21 Novembre del 1898, a Lessines, Hainaut, Belgio, in una famiglia della media borghesia : il padre, Léopold Magritte, era commerciante, sua madre, Adeline Bertincamps, era una modista. Il futuro pittore era il primo figlio della coppia; poi sarebbero venuti altri due figli maschi : Raymond e Paul. Nel 1910 la famiglia Magritte si trasferì a Chatelet, luogo dove la famiglia Manritte avrebbe vissuto il più traumatico degli eventi: il suicidio della madre. Il 12 Marzo del 1912 il corpo della signora Adeline fu ritrovato nelle acque del fiume Sambre. La testa era avvolta nella camicia da notte: immagine che Magritte, che aveva allora quindici anni, riprodusse in moltissimi suoi dipinti, fra cui, appunto, quello dei due amanti. I Magritte si trasferirono subito dopo a Charleroi. Nel 1914 René conobbe Georgette Berger, che otto anni dopo diverrà sua moglie e sua musa. Si iscrisse dunque al Liceo Classico, per poi cambiare orientamento di studi, nel 1916, iscrivendosi all’Accademia di Belle Arti di Bruxelles, dove la famiglia lo raggiunge nel 1918.

Magritte si interessò inizialmente al cubismo e al futurismo, poi al surrealismo, soprattutto dopo aver scoperto l’opera di De Chirico (in particolare ‘Canto d’amore’, tela in cui l’autore rappresenta sul lato di un edificio la testa enorme di una statua greca e un gigantesco guanto di lattice), che per lui fu una vera rivelazione. La sua prima tela, Trois Femmes, venne esposta nel 1919 presso la Galerie Giroux.
Nel 1921 prestò servizio militare in un reggimento di fanteria a Beverloo e l’anno successivo, nel mese di giugno, sposò Georgette Berger, con la quale era fidanzato da due anni. Non era ancora un pittore affermato e si guadagnava da vivere come grafico e illustratore, nel settore della pubblicità, dell’editoria e della carta da parati.

Nel 1923 Magritte riuscì a vendere il suo primo dipinto, un ritratto della cantante Evelyne Brélin Nel 1925 entrò nel gruppo surrealista di Bruxelles insieme a Camille Goemans, Marcel Lecomte e Paul Nouge aderendo alla società del Mistero. Dipinse il suo primo quadro surrealista: Le Jockey perdu (Il fantino perduto).

Nel 1926 prese contatto con il leader del movimento surrealista, André Breton. Breton aveva definito il suo manifesto del surrealismo nell’arte come un ‘fatto psicologico’ con il quale si voleva esprimere il funzionamento del pensiero, senza il controllo della ragione. Infatti, il pensiero surrealista dava grande importanza alla parte irrazionale della mente umana, e voleva esprimere attraverso l’arte le manifestazioni e le immagini del proprio subconscio, quindi cose surreali. L’idea del surrealismo rifiutava quindi la logica umana, e sosteneva una totale libertà di espressione, senza regole fisse. I dipinti surrealisti apparivano come scene di un sogno e impossibili da immaginare utilizzando la ragione e la logica.

Nel 1927 Magritte espose per la prima volta a Bruxelles, presso la galleria Le Centaure: 61 opere. Nel 1927 René e Georgette si trasferirono a Perreux-sur-Marne, vicino Parigi, dove rimasero fino al 1931. In Francia, strinsero amicizia con Jean Miró, Paul Eluard, André Breton e Hans Arp. In questo periodo Magritte partecipava a numerose esposizioni del movimento surrealista e acquisiva, finalmente, una certa notorietà internazionale.

Di questo periodo sono le Illustrazioni: “Les nécessités de la vie” di Paul Eluard e “Les chants de Maldoror” di Lautréamont.

Nel 1928 morì il padre di Magritte, Léopold, che aveva 58 anni. Forse questa morte influì nell’ideazione del celebre quadro Les Amants (1928) con i due personaggi coperti da un velo.

Nel 1929 i Magritte trascorsero un periodo a Cadaquès, in Spagna, in compagnia di Salvador Dalì e Paul e Gala Eluard. Quello stesso anno vi fu la prima mostra personale a Parigi ed il quadro
La Femme Cachée, che mostra tre importanti temi, cari al movimento surrealista: l’importanza del sogno, la libertà del corpo nudo e la donna come musa e oggetto di poesia. Magritte si interessava alla bellezza del corpo nudo, non per il suo aspetto estetico, ma per la libertà individuale che questa nudità rappresentava. Magritte avvolge la donna con un’aureola di luce intorno a sé, l’unico ‘vestito’ che le fa indossare per renderla ‘divina’.

Nel 1932 Magritte aderì per la prima volta al Partito comunista belga, che lasciò ufficialmente nel 1947 per divergenza di opinioni.Nel 1937 Magritte dipinse delle grosse tele per il collezionista Edward James di Londra, città dove soggiornò per un breve periodo.

Nel 1940 ci fu il trasferimento a Carcassonne, nel sud della Francia: il motivo era il timore per l’occupazione tedesca. Durante la seconda guerra mondiale il pittore cambiò non solo città di residenza e vita, ma anche lo stile pittorico, cercando di imprimere alla tela un carattere più luminoso e sensuale, vicino a quello degli impressionisti del secolo precedente, che però non raccolse consensi presso i critici e gli appassionati d’arte. Questo stile è conosciuto come lo stile della ‘vache’ , o della vacca, ispirato a Renoir.

Nel 1945, il pittore tornò dunque al suo stile pittorico abituale, distaccandosi però dal surrealismo parigino, chesi fondava sul concetto-chiave del piacere.

E’ del 1948 la mostra nella Galerie du Faubourg, a Parigi. Nel 1952 Magritte diventò Direttore della Rivista: “La carte d’après nature” e l’anno successivo dipinse dei murali per il casino di Knokke-le-Zoute, in Belgio. L’anno successivo ebbe luogo a Bruxelles e subito dopo a New York, un’importante retrospettiva con 93 opere dell’artista.

Del 1954 è L’impero delle luci’ :” Il paesaggio fa pensare alla notte e il cielo al giorno. Trovo che questa contemporaneità di giorno e di notte abbia la forza di sorprendere e di incantare. Chiamo questa forza poesia.” disse Magritte.

E’ questo il periodo in cui l’artista poté godere del massimo della popolarità. La salute però cominciava a presentare qualche problema, e nel 1965 si rese necessario un soggiorno a Ischia. L’artista ne approfittò per visitare anche Roma. Lo stesso anno soggiornò per la prima volta anche negli Stati Uniti.

Nel 1966 il pittore e la moglie tornarono in Europa e soggiornarono a Cannes e a Montecatini.

Nel 1967, il 15 Agosto, a Bruxelles, il pittore morì, dopo aver dipinto più di mille tavole.

Le tele di René Magritte sono celebri quanto misteriose : pensiamo ad esempio al disegno di una pipa, dove c’è scritto ‘non è una pipa’, al cielo azzurro e nuvole bianche che dominano un paesaggio notturno, a una locomotiva che nasce da un camino, a un paio di scarpe che si tramutano nelle dita di un piede, ad una nuvola fatta da un enorme masso di pietra.

Chi è il vero Magritte? Il personaggio borghese che è stato nella sua vita, o il rivoluzionario visionario che è stato nelle sue opere? Di quale realtà magica ci parla Magritte, quali sono i misteri della vita che ci vuole comunicare? Le sue opere, che giocano sul senso delle cose, utilizzando accostamenti inconsueti e deformazioni irreali, sono ancora al centro della curiosità di moltissimi appassionati e forse la sua opera rimane attuale proprio perché non è semplice darsi delle risposte a queste domande. «Il faut que la peinture serve à autre chose qu’à la peinture» amava ripetere l’artista. Forse per lui la pittura era semplicemente una poesia.

Il Museo Magritte è situato nella casa abitata dal pittore a Jette, dal 1930 al 1954. C’è poi una Fondazione, creata per iniziativa di Charly Herscovici dal 1998, che organizza numerose esposizioni nel mondo.

Link: http://www.magritte.be/

Psicolinea.it © Ott. 2006

Imm. Wikimedia

Carlo Urbani

Carlo Urbani: un ricordo

Il dott. Carlo Urbani non era un missionario né un eroe, ma un medico esperto di malattie tropicali che svolgeva ...
Leggi Tutto
Martin Lutero

Martin Lutero – Biografia

Accanto alla caduta di Costantinopoli (1453) e alla scoperta dell’America (1492), potremmo mettere l’affissione delle Novantacinque Tesi di Martin Lutero ...
Leggi Tutto
Emma Darwin

Charles Darwin e le donne

Charles Darwin forse non era così sessista come si è sempre pensato, secondo un nuovo libro uscito questo mese in ...
Leggi Tutto
Cesare Borgia

Cesare Borgia di Francia, detto il Valentino

Non si sa con certezza quando nacque Cesare Borgia, duca di Valentinois: probabilmente era il 13 settembre 1475, o forse l'aprile ...
Leggi Tutto
Wilhelm Reich

Wilhelm Reich, l’inventore della liberazione sessuale

Wilhelm Reich ebbe un'infanzia quasi melodrammatica e psicoanaliticamente affascinante: nato il 24 marzo 1897 in una fattoria in Galizia (territorio oggi ...
Leggi Tutto
Giacomo Leopardi

Giacomo Leopardi: il giovane favoloso era gay?

Ho studiato, come tutti, Giacomo Leopardi a scuola e poi, vivendo nelle Marche, ho avuto più volte la possibilità di ...
Leggi Tutto
Lucrezia Borgia

Lucrezia Borgia

La biografia di Lucrezia Borgia, raccontata in poche parole, lascia subito di stucco: visse 39 anni, fu figlia, moglie e ...
Leggi Tutto
Edith Stein

Edith Stein

Edith Stein nacque a Wroclaw (Breslavia), una città tedesca, che oggi fa parte della Polonia. Era il 12 ottobre 1891e ...
Leggi Tutto
Giovanna La Pazza

Giovanna La Pazza

Giovanna I di Castiglia, conosciuta in patria come Juana la Loca (Giovanna la Pazza) è passata alla storia per il ...
Leggi Tutto
Arthur Schnitzler

Arthur Schnitzler

Arthur Schnitzler fu un drammaturgo e romanziere austriaco, noto per i suoi drammi psicologici che descrivevano la Vienna borhese di ...
Leggi Tutto
Eleanor Roosevelt

Eleanor Roosevelt

Eleanor Roosevelt (nata a New York l'11 Ottobre 1884) fu la moglie di Franklin Delano Roosevelt, il trentaduesimo Presidente degli ...
Leggi Tutto
Josephine Baker

Josephine Baker

Oltre che bellissima, la Baker era una donna intelligente e sensibile: basti pensare che Ernest Hemingway ne parlò come della ...
Leggi Tutto
Marilyn Monroe

Marilyn Monroe e la psicoanalisi

Sopra: una delle ultime pose di Marilyn Marilyn Monroe aveva una personalità molto fragile: del resto la sua infanzia ed ...
Leggi Tutto
Marilyn Monroe

Marilyn Monroe

Marilyn nacque a Los Angeles il 1 giugno 1926, presso il General Hospital: il suo nome era Norma Jeane Mortenson ...
Leggi Tutto
Hilda Doolittle

Hilda Doolittle

Hilda Doolittle, ancora poco conosciuta in Italia, è una poetessa americana, la cui biografia appare veramente incredibile, ricca come è ...
Leggi Tutto
Rene Magritte

René Magritte

«Le immagini vanno viste quali sono, amo le immagini il cui significato è sconosciuto poiché il significato della mente stessa ...
Leggi Tutto

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona e Terni)
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Scrive in un Blog sull'Huffington Post


Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti

Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche e via Skype
Tweets di @gproietti

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierla come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.