Susan Greenfield e le ricerche sul cervello

Share Button

Susan_GreenfieldSusan Greenfield, docente di farmacologia all’Università di Oxford, ex direttrice del Royal Institute, vanta diverse lauree honoris causa e dal 2001 è membro della Camera dei Lord con il titolo di baronessa. Ne parliamo perché ha rilasciato un’interessante intervista al Financial Times, nella quale la scienziata parla della sua ricerca sul morbo di Alzheimer e delle sue altre ricerche sulla coscienza umana.

Secondo la ricercatrice più famosa della Gran Bretagna, le linee guida che hanno dominato la ricerca sull’Alzheimer negli ultimi 20 anni vanno nella direzione sbagliata: prendono infatti di mira i depositi di proteine ​​che si accumulano nel cervello dei pazienti (una scuola di pensiero si concentra su “placche amiloidi”, l’altra su “grovigli” di proteina tau) ma secondo la Greenfield questa ricerca è del tutto improduttiva, perché si starebbero studiando gli effetti secondari del meccanismo della degenerazione neurale e non le reali cause.

Secondo la Greenfield il morbo di Alzheimer potrebbe invece essere una forma aberrante dello sviluppo embrionale, che diventa tossico nel cervello durante l’invecchiamento. Le cellule vulnerabili alla degenerazione in Alzheimer potrebbero originarsi in una parte dell’embrione, che poi si diffonde nel resto del cervello. Per tutta la vita queste cellule rimarrebbero sensibili ai fattori chimici essenziali per la crescita embrionale, ma produrrebbero un ciclo di distruzione cellulare se attivate ​​nel cervello adulto, per esempio in seguito a lesioni, infezioni o predisposizione genetica.

La Greenfield sta studiando in particolare il “peptide AChE”, un frammento molecolare che si stacca da un enzima chiamato acetilcolinesterasi. “Crediamo che il peptide AChE sia il principale fattore di crescita che regola il ciclo della morte cellulare. Quindi, se fossimo in grado di monitorarlo nel sangue e intercettare la sua azione, potremmo realisticamente combattere i sintomi della malattia di Alzheimer”.

Il suo team sta cercando sia di dimostrare la teoria lavorando su colture cellulari, cervelli di ratto e campioni di sangue umano. Il problema è che il peptide AChE non rimane in circolazione nel sangue abbastanza a lungo per essere utilizzato direttamente in un test diagnostico per la malattia di Alzheimer e per questo i ricercatori stanno tentando di scoprire dei “biomarcatori” indiretti della sua presenza.

Una volta che il test sarà completamente messo a punto, si potrà sapere in anticipo chi è a rischio di sviluppare il morbo di Alzheimer, prima che i sintomi compaiano. Poi, immagina la Greenfield, si potrà sviluppare un farmaco per impedire all’AChE di fare “il suo sporco lavoro”. “La terapia potrebbe consistere nell’azione di una forma inerte del peptide in grado di competere con il gene cattivo.

Sebbene la Greenfield faccia parte dell’ambiente scientifico, è anche un’outsider. Il suo laboratorio è infatti sostenuto da donatori privati ​​e filantropici, piuttosto che da Enti e Associazioni che si occupano della ricerca su questa malattia. “Se stai facendo qualcosa di molto nuovo è più difficile raccogliere il sostegno dei colleghi, perché le persone possono sentirsi minacciate o compromesse. A volte mi sembra di attrarre più calore che luce”.

Il secondo interesse di ricerca della Greenfield non è meno affascinante: come facciamo a generare la coscienza e la consapevolezza della nostra identità? Questa è una sua passione di lunga data, che risale ai suoi anni universitari, quando studiava psicologia e filosofia.

“La coscienza è veramente soggettiva – un fenomeno assolutamente qualitativo – il che è un anatema per gli scienziati,” dice. Ma le più recenti tecniche di scansione neurale aprono una finestra per studiare la coscienza, monitorando i cambiamenti nell’attività di tutto il cervello.

“La coscienza è una variazione continua”, spiega la Greenfield. “Il cervello umano è più cosciente in alcuni momenti. Possiamo guardare a questi cambiamenti attraverso transitori ‘assemblaggi neuronali’. Milioni di cellule cerebrali possono raccogliersi insieme in un solo secondo “Per fare un semplice esempio, l’allarme di una sveglia può immediatamente reclutare un gruppo di neuroni con attività elettrica coordinata, quando ci si sveglia al mattino.

Qualche sistema sconosciuto deve fondere tutte queste associazioni neuronali, che vanno e vengono in tutto il cervello, nella coscienza che sentiamo soggettivamente. La ricercatrice ritiene che una spiegazione si potrà trovare nella fisica e nella biologia. “Mi piacerebbe lavorare con un fisico per studiare la coscienza”, aggiunge malinconicamente.

L’impatto sulla mente delle tecnologie del 21 ° secolo, come Internet, i giochi per computer e i social media sono la sua terza e più controversa passione. E’ convinta infatti che questi mezzi stiano avendo un grande effetto sul modo in cui trattiamo i dati, assumiamo i rischi, interagiamo con gli altri e sentiamo la nostra identità personale.

“Sono consapevole del fatto che questo è un territorio molto ostile e che la gente non vuole ascoltare il messaggio – anche se l’impatto delle nuove tecnologie non è affatto male,” dice. “Ma quello che non accetto è che si dica che non ci sono prove. Ci sono masse di dati sugli effetti delle nuove tecnologie nel cervello e le persone che lo negano devono essere su un altro pianeta”.

La ricercatrice sostiene che siano in atto dei cambiamenti nella mente, come ve ne sono nel cambiamento climatico. Questi suoi interessi per la natura della mente umana e le tecnologie del futuro hanno prodotto un libro di fantascienza che uscirà in inglese nel prossimo mese di luglio: 2121: A Story for the 22nd Century. Sicuramente un libro affascinante sulla natura e il funzionamento del cervello umano e una società sempre più complessa.

Dr. Walter La Gatta

Fonte:
What’s on Susan Greenfield’s mind?, Financial Times

Visita il Sito

Facebook Comments
Dr. Walter La Gatta
Seguimi su:

Dr. Walter La Gatta


Libero professionista ad Ancona e Terni

Si occupa di:

Psicoterapie individuali e di coppia
Terapie Sessuali (Delegato Regionale del Centro Italiano di Sessuologia per le Regioni Marche e Umbria) 
Tecniche di Rilassamento e Ipnosi
Disturbi d’ansia, Timidezza e Fobie sociali.

Riceve ad Ancona,Terni e via Skype, su appuntamento.

Per appuntamenti telefonare direttamente al: 348 – 331 4908

Co-fondatore dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Contatti e Consulenza con il Dr. Walter La Gatta

Tweets di @Walter La Gatta

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierlo come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti
Dr. Walter La Gatta
Seguimi su:

Latest posts by Dr. Walter La Gatta (see all)

ARTICOLI CORRELATI:

I segni precoci dell’Alzheimer
La malattia di Alzheimer è un processo degenerativo cerebrale, accompagnato da problemi di memoria, pensiero e comportamento. Questi sono i segni premonitori, da tenere in ...
Musica e sue applicazioni in medicina
La musica ha molta influenza sul corpo umano: può ridurre lo stress, migliorare il rilassamento, distrarre dal dolore e migliorare i risultati della terapia ...
L’empatia può essere insegnata ed appresa
Stiamo vivendo un momento rivoluzionario nella scienza del cervello. Fino ad oggi infatti nessuno aveva osato mettere in discussione il dogma secondo il quale ...
L’orientamento sessuale è scritto nei cromosomi?
Il New York Times dedica un articolo all’origine e alle ragioni dell’orientamento sessuale. La premessa dell’articolo, firmato da Nicolas Wade, è che il cervello ...
Il cervello di notte ha bisogno di ‘tirare il fiato’
Quando si dorme si riposa veramente, purché il cervello venga attraversato da impulsi elettrici particolari. Questi impulsi all'elettroencefalogramma appaiono come onde lente: ce ne ...
Aiuto, gli europei stanno impazzendo!
"I disturbi mentali sono diventati il maggiore problema da risolvere del 21° secolo, per la salute degli europei". Questo il risultato di un nuovo ...
L’inizio di una dipendenza
Dei ricercatori americani dell'Università Brown pensano di avere trovato un meccanismo biologico implicato nella comparsa dell'assuefazione agli stupefacenti, studiando i roditori. Una sola dose di ...
Facebook e la lettura del pensiero
Facebook ha, in questi giorni, presentato un progetto per decodificare i pensieri, prima che vengano espressi in un messaggio scritto, senza dover parlare o utilizzare ...

About Dr. Walter La Gatta

Libero professionista ad Ancona e Terni Si occupa di: Psicoterapie individuali e di coppia Terapie Sessuali (Delegato Regionale del Centro Italiano di Sessuologia per le Regioni Marche e Umbria)  Tecniche di Rilassamento e Ipnosi Disturbi d’ansia, Timidezza e Fobie sociali. Riceve ad Ancona,Terni e via Skype, su appuntamento. Per appuntamenti telefonare direttamente al: 348 – 331 4908 Co-fondatore dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità. Contatti e Consulenza con il Dr. Walter La Gatta Tweets di @Walter La Gatta Visita il nostro Canale YouTube Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media Perché sceglierlo come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *