Tirocinio lavorativo: l’esperienza australiana

Share Button

tirocinioIn Australia è stata fatta una interessante ricerca sul tirocinio lavorativo, per capire se può essere effettivamente un mezzo per facilitare la ricerca del lavoro.

Lo studio, il primo del suo genere in Australia, ha scoperto che tra i giovani di età compresa tra 18 e 29 anni, circa il 58 per cento aveva vissuto almeno un episodio di esperienza di lavoro non retribuito negli ultimi cinque anni. Nel complesso, la ricerca stima che un terzo (34%) degli australiani di età compresa tra 18 e 64 anni abbia svolto un lavoro non retribuito. Di questi, il 36 per cento ha dichiarato che l’esperienza più recente è durata più di un mese.

Un terzo del campione aveva avuto una esperienza unica, mentre il 21 per cento aveva intrapreso cinque o più di questi lavori non retribuiti negli ultimi cinque anni.

I risultati ottenuti sono in linea con gli studi precedenti con tra cui un rapporto del 2013 commissionato dal Fair Work Ombudsman. Gli stage anche in Australia stanno diventando dunque sempre più comuni, ma non vi era finora una percezione chiara di quanto fossero diffusi.

I ricercatori, il dottor Damian Oliver della UTS Business School, la professoressa Paula McDonald della QUT, il professor Andrew Stewart e il Professore Associato Anne Hewitt della Adelaide Law School, hanno esaminato un campione rappresentativo a livello nazionale di persone in età lavorativa.

Secondo questi studiosi “lo stage può certamente fornire un utile ponte tra istruzione e lavoro”, in quanto questo strumento permette ai datori di lavoro di provare il potenziale personale per avere un “assaggio” di come un lavoratore potrebbe inserirsi nell’azienda, ma ” l’importante è garantire che questi stage siano correttamente gestiti e regolati.”

I soggetti dello studio hanno fatto esperienza di lavoro in tutti i tipi di industrie, per molte ragioni diverse: per alcuni lo stage era parte della loro istruzione o formazione, mentre altri lo hanno fatto per mantenere i benefit ricevuti dall’assistenza sociale. Inoltre, un numero significativo di tirocini non retribuiti o prove di lavoro non retribuite sono state organizzate dagli stessi soggetti in cerca di lavoro, o da organizzazioni che perseguono i loro interessi.

Complessivamente, gli intervistati hanno espresso livelli molto alti di soddisfazione per la loro esperienza di lavoro non retribuito, soprattutto quando questa si è svolta presso una università o un ente di formazione professionale. La maggior parte dei soggetti ha pensato che il  loro più recente stage avrebbe potuto aiutarli a trovare un lavoro, a migliorare le loro reti, a determinare se un’area di lavoro era adatto per loro, anche per valutare le opportunità di carriera presenti in questo campo.

“I partecipanti hanno per lo più pensato che l’esperienza di lavoro non pagato aveva migliorato le loro capacità e migliorato le loro prospettive di lavoro”, ha detto il dottor Oliver. “Uno su quattro degli stagisti intervistati ha riferito che gli erano stato offerto un lavoro retribuito dall’azienda che lo aveva accolto.”

Tuttavia i risultati dell’indagine non hanno fornito alcuna indicazione chiara sul fatto che la partecipazione a esperienze di lavoro non pagato abbiano effettivamente migliorato le probabilità di trovare un lavoro.

Come l’indagine ha evidenziato, infatti, si crea un “gap di accesso”. I risultati mostrano che i giovani australiani di estrazione economica e sociale medio-bassa hanno minori probabilità di partecipare a questi tirocini, insieme a persone che abitano in zone rurali, rispetto a coloro che vivono nelle grandi città.

Il professor McDonald ha detto che questo fenomeno potrebbe “contribuire a creare livelli più elevati di stratificazione sociale e di disuguaglianza, se il lavoro non retribuito continua ad espandersi e diventa un requisito essenziale per garantire l’occupazione”. Si è visto infatti che le persone economicamente svantaggiate non possono raggiungere con mezzi propri i posti di lavoro o pagarsi le spese di viaggio, per cui dovevano rinunciare a questa esperienza di lavoro non retribuito, essendo quindi tagliati fuori dalle nuove assunzioni.

“C’è un alto grado di disponibilità da parte dei giovani di partecipare agli stage”, ha detto il dottor Oliver. “La sfida è garantire a coloro che non possono permettersi un tirocinio non retribuito di non essere esclusi dalle opportunità di lavoro.”

Dr. Walter La Gatta

Fonte:
Unpaid work experience rife in Australia – report, Phys

Immagine:
Pexels

Facebook Comments
Dr. Walter La Gatta
Seguimi su:

Dr. Walter La Gatta


Libero professionista ad Ancona e Terni

Si occupa di:

Psicoterapie individuali e di coppia
Terapie Sessuali (Delegato Regionale del Centro Italiano di Sessuologia per le Regioni Marche e Umbria) 
Tecniche di Rilassamento e Ipnosi
Disturbi d’ansia, Timidezza e Fobie sociali.

Riceve ad Ancona,Terni e via Skype, su appuntamento.

Per appuntamenti telefonare direttamente al: 348 – 331 4908

Co-fondatore dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Contatti e Consulenza con il Dr. Walter La Gatta

Tweets di @Walter La Gatta

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierlo come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti
Dr. Walter La Gatta
Seguimi su:

Latest posts by Dr. Walter La Gatta (see all)

ARTICOLI CORRELATI:

Musica al lavoro: ci lasciamo distrarre solo dalla musica che amiamo
Molti di noi amano ascoltare la musica mentre lavorano. E' diventato un rito, come prendere il caffè nella nostra tazza preferita. Le ricerche condotte ...
Il lavoro può accorciare l’attesa di vita
E' stato già ampiamente scoperto e divulgato che avere un buon controllo sul proprio lavoro può aiutare a gestire lo stress, specie quello lavorativo. ...
Come fronteggiare emotivamente la crisi finanziaria: consigli dall’America
Il Governo americano, per fronteggiare la crisi finanziaria, ha pensato non solo ai noti provvedimenti di salvataggio statale di banche e grandi aziende: si ...
I giovani americani e la crisi
Questa relazione si basa sui risultati di un sondaggio Pew Research Center condotto attraverso interviste telefoniche nel periodo 6-19 dicembre 2011, su 2.048 adulti ...
Il lavoro degli infermieri in carcere: molto stress ma anche molta soddisfazione
Provocazioni sessuali, minacce di morte e finzioni di malessere per tentare l'evasione sono solo alcune delle situazioni quotidiane che incontrano gli infermieri che lavorano ...
La scuola e i giovani
  di Redazione La scuola costituisce per i ragazzi un’importante occasione di socializzazione e di confronto, sia con i compagni che con i professori; attraverso la ...
Rimuginare – Consulenza online
Salve. Le scrivo per esporre il mio disagio che mi colpisce ormai da circa 2 mesi. Cerco di esprimere brevemente la causa principale del ...
Lavoro: quando non lo ami ma non lo puoi lasciare
Secondo una nuova ricerca condotta presso la Concordia University, l'Université de Montréal e HEC Montreal, rimanere in un posto di lavoro per obbligo, o ...

About Dr. Walter La Gatta

Libero professionista ad Ancona e Terni Si occupa di: Psicoterapie individuali e di coppia Terapie Sessuali (Delegato Regionale del Centro Italiano di Sessuologia per le Regioni Marche e Umbria)  Tecniche di Rilassamento e Ipnosi Disturbi d’ansia, Timidezza e Fobie sociali. Riceve ad Ancona,Terni e via Skype, su appuntamento. Per appuntamenti telefonare direttamente al: 348 – 331 4908 Co-fondatore dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità. Contatti e Consulenza con il Dr. Walter La Gatta Tweets di @Walter La Gatta Visita il nostro Canale YouTube Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media Perché sceglierlo come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *