adolescenza

Adolescenza: definizione

L’adolescenza è il periodo di tempo che intercorre tra l’inizio della maturazione sessuale (pubertà) e l’età adulta. È un momento di maturazione psicologica, in cui i comportamenti gradualmente diventano sempre più simili ai comportamenti degli adulti.

Adolescenza nelle epoche e nelle culture

Questo stadio dello sviluppo è sempre esistito, nelle varie epoche e nelle varie culture. ‘Cosi ne parlava, ad esempio, J.J. Rousseau: “Tempestosa rivoluzione che si annuncia con il mormorio di passioni violente; un cambiamento dell’umore, impeti frequenti, una continua agitazione mentale rendono il bambino quasi indisciplinabile; diventa sordo alla voce che lo rendeva docile; è un leone nella sua febbre, non riconosce la sua guida, non vuole essere più governato”. Nelle culture più primitive, più vicine al mondo della natura e di minore complessità sociale, l’adolescenza è  un periodo della vita particolarmente breve, perché subito dopo i primi cambiamenti sul piano fisico i giovani entrano a pieno titolo nella vita adulta.

Durata dell’adolescenza

In genere il periodo dell’adolescenza è quello compreso fra i 13 e i 19 anni, anche se ultimamente le condizioni sociali (più lungo periodo di istruzione, mancanza di lavoro, difficoltà economiche, ecc.) stanno prolungando il periodo dell’adolescenza fino almeno ai 25 anni.

Adolescenza e Pubertà (o adolescenza somatica)

La pubertà è il fenomeno biologico che annuncia ed innesca l’adolescenza; quest’ultima invece è un processo molto più ampio della semplice crescita biologica. Esso comprende infatti la maturazione delle capacità intellettuali, attraverso l’elaborazione di un certo numero di tensioni e conflitti emotivi, che portano ad una stabile identità sessuale e al riconoscimento delle norme sociali che definiscono il ruolo adulto della società cui si appartiene.

Cambiamenti tipici

L’adolescente sperimenta un processo di crescita e cambiamento sia sul piano fisico, sia sul piano psicologico, sociale e relazionale ed è spesso un periodo particolarmente difficile, sia per l’adolescente stesso, sia per i suoi familiari. Sul piano fisico le ghiandole endocrine iniziano a produrre degli ormoni che causano i cambiamenti del corpo e lo sviluppo delle caratteristiche sessuali secondarie.

. Femmina 

  • Crescita della statura (in circa tre anni di sviluppo si acquistano mediamente 18-20 cm),
  • Ingrandimento progressivo delle mammelle (spesso non simmetrico)
  • Comparsa dei peli pubici e ascellari
  • Allargamento del bacino si allarga
  • Distribuzione del tessuto adiposo su glutei, fianchi e cosce
  • Attivazione delle ghiandole sudoripare
  • Ingrandimento del clitoride e delle piccole labbra s
  • Comparsa delle mestruazioni, che contrassegnano la maturazione del collegamento nervoso e ormonale tra cervello utero e ovaie. I primi cicli mestruali spesso sono irregolari e privi di ovulazione, pertanto la completa capacità riproduttiva viene raggiunta dopo alcuni mesi.

. Maschio

  • Ingrandimento dei testicoli, dello scroto e del pene;
  • Comparsa dei peli pubici e ascellari,  barba e baffi (in particolare agli angoli del labbro superiore);
  • Crescita della statura (circa 25 cm in tre anni);
  • Crescita delle masse muscolari;
  • Abbassamento della voce;
  • Comparsa dell’acne sul volto e sul torace;
  • Prima eiaculazione spontanea di liquido seminale (circa un anno dopo l’inizio della crescita del pene). Essa contiene spermatozoi meno vitali e in numero minore rispetto all’adulto.

Adolescenza e Insicurezze

Prima che una nuova immagine di sé si stabilizzi, l’adolescente vive un periodo di insicurezza, di ansietà, di preoccupata attenzione per il proprio corpo, che viene paragonato con quello dei coetanei o con altri modelli provenienti dalla pubblicità, dai media, dai film, per cercare una forma di rassicurazione, che non sempre arriva. L’ipersensibilità nei confronti dei giudizi espressi dagli altri, soprattutto dal gruppo dei pari, porta gli adolescenti ad avere la convinzione di essere perennemente sulla scena, sempre intenti a recitare per un pubblico immaginario.

Adolescenza e Identità

Rendersi conto di essere diventati più alti o più bassi, più grassi o più magri, con i caratteri sessuali secondari più o meno marcati, è da alcuni accettato e vissuto positivamente, da altri con angoscia profonda. Per questo accade che un adolescente abbia bisogno della continua conferma della propria identità psicologica, fisica, sociale e sessuale ed ogni piccola inadeguatezza, soggettivamente percepita, può costituire fonte di grande disagio.

Adolescenza, Vita affettiva e  Sessualità

L’adolescenza comporta una crescita, anche di responsabilità e fra queste vi è senz’altro la responsabilità della propria sessualità. La crescita fisica “accende” le pulsioni sessuali e spinge i giovani verso le prime esperienze sentimentali. Tutto questo non può non creare tensioni e insicurezze.

Altre situazioni che possono creare stress ad un adolescente

La maggior parte dei ragazzi sperimenta lo stress quando percepisce una situazione come minacciosa, difficile o dolorosa e si sente di non avere le risorse adatte per far fronte a queste sfide. Oltre ai problemi tipici dell’adolescenza, dati dal cambiamento del corpo, i problemi cui gli adolescenti si mostrano particolarmente sensibili sono:

  • richieste e frustrazioni scolastiche
  • problemi con amici compagni di scuola e insegnanti
  • separazione  dei genitori
  • trasferimento e cambiamento della scuola
  • eccessive aspettative dei genitori/degli insegnanti/degli allenatori, ecc.
  • problemi finanziari familiari

Come rafforzare l’autostima di un adolescente:

  • Essere generosi nelle lodi, specialmente quando l’adolescente mostra impegno o talento;
  • Incoraggiare l’adolescente ad esprimere il suo parere;
  • Insegnare come si deve prendere una decisione  di fronte a varie alternative;
  • Parlare apertamente dei propri problemi vissuti da adolescente (tutto può risolversi, con impegno e volontà);
  • Evitare le critiche e le prese in giro;
  • Non fare confronti con altri ragazzi;
  • Dimostrare il proprio affetto senza essere invadenti;
  • Essere empatici, cercare di mettersi nei panni e dalla parte dell’adolescente;
  • Essere aperti ai discorsi che riguardano l’affettività e la sessualità

L’intervento dello psicologo

L’intervento dello psicologo può essere particolarmente utile per l’adolescente, specialmente quando la comunicazione in famiglia è difficile o troppo scarsa. La coppia genitoriale può  inoltre gestire al meglio le problematiche del figlio adolescente consultandosi con un terapeuta, specie in presenza di una separazione, di un lutto, di un trasferimento, ecc.

Immagine
Pixabay

Adolescenza

Editore: Xenia, Collana: I tascabili
Anno edizione: 2004 Pagine: 128 p., Brossura
Autori: Giuliana Proietti – Walter La Gatta
Error: View fd059daadq may not exist

Author Profile

Dr. Walter La Gatta
Dr. Walter La Gatta

Libero professionista ad Ancona ,Terni e Civitanova Marche

Si occupa di:

Psicoterapie individuali e di coppia
Terapie Sessuali (Delegato Regionale del Centro Italiano di Sessuologia per le Regioni Marche e Umbria) 
Tecniche di Rilassamento e Ipnosi
Disturbi d’ansia, Timidezza e Fobie sociali.

Riceve ad Ancona,Terni , Civitanova Marche e via Skype, su appuntamento.

Per appuntamenti telefonare direttamente al: 348 – 331 4908

Co-fondatore dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Contatti e Consulenza con il Dr. Walter La Gatta

Tweets di @Walter La Gatta

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierlo come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.