Ancona, Marche, Italy
0039 347 0375949
psicolinea@psicolinea.it

Bullismo a scuola

Sito di psicologia, online dal 2001

Created with Sketch.

Bullismo a scuola

bullismo a scuola

Ogni giorno veniamo a sapere che in una scuola italiana c’è stato un caso di bullismo, una scena di violenza, un abuso sessuale e via dicendo. Non possiamo francamente cercare le cause di questo fenomeno ragionando soltanto sulla inadeguatezza degli istituti scolastici, dei programmi di studio obsoleti, dei professori che non sono preparati all’insegnamento o a relazionarsi con gli studenti, alla mancanza di fondi ecc… Infatti, anche le ‘buone scuole’, quelle che si sono sempre distinte in fatto di qualità, non sembrano oggi del tutto immuni da questi allarmanti fenomeni.

Di chi è la colpa? A commettere questi atti di sopraffazione e bullismo sono indubbiamente i ragazzi. Per fortuna però, nella maggior parte dei casi, il problema non è generalizzabile all’intera popolazione scolastica, ma va individuato in piccoli gruppi di ‘studenti’, niente affatto motivati ad andare a scuola e neanche un po’ interessati a migliorare il loro sapere, sia teorico che pratico.

E’ sconfortante doverlo ammettere, ma purtroppo si deve constatare che questi falsi studenti, completamente demotivati, tengono oggi in ostaggio sia i professori, che non possono insegnare, sia gli altri ragazzi, che non possono seguire le lezioni come vorrebbero. Se, ragionando per assurdo, in ogni classe si potessero ‘eliminare’ questo piccolo gruppo di diturbatori, probabilmente tutta la scuola italiana potrebbe riprendersi e raggiungere dei risultati assai più positivi, sia nel campo dell’istruzione che della formazione personale.

Ma è proprio questo il cuore del problema: cosa fare di questi giovani, che già alle elementari presentano atteggiamenti di bullismo, non solo verso il gruppo dei pari, ma addirittura verso gli insegnanti ed i presidi? Farli uscire dalla scuola, creare delle classi differenziate, ‘sospenderli da tutte le scuole del Regno’, come si faceva una volta?

Farli uscire dalla scuola potrebbe forse ridurre il problema nelle aule, ma sicuramente non nella società in cui viviamo. La scuola infatti non è solo il luogo dove si imparano l’algebra, le scienze e la letteratura, ma è anzitutto l’ente deputato alla formazione di buoni cittadini, che conoscano e rispettino le leggi, al fine di garantire una convivenza sociale civile e democratica.

La scuola dunque, per definizione, non può espellere le mele marce: non è suo compito, anzi, deve fare di tutto per recuperarle, perché questa è la sua funzione.

Al contrario, molto di più potrebbero fare le famiglie, i genitori: dietro un atto di bullismo o di aggressività infatti c’è quasi sempre un problema familiare, se non la banale mancanza di guida e di controllo di una figura genitoriale.

Oggi viviamo in una società dove non vi sono più genitori, un po’ per mancanza di tempo, un po’ per egoismo, un po’ per mancanza di effettiva consapevolezza del ruolo che essi sarebbero chiamati a svolgere: i ragazzi vengono in realtà educati dai media, che li influenzano enormemente, con i loro programmi intrisi di violenza e falsi ideali, oltre che privi di insegnamenti e modelli positivi, di punti di riferimento.

I programmi TV che vedono i nostri ragazzi, i giochi che fanno con la play station, il PC o i telefonini, la musica che ascoltano, perfino i libri che leggono, quando leggono, sono improntati sulla violenza, ma i genitori non sembrano accorgersene. Probabilmente non vogliono sapere, non vogliono vedere: essi negano di essere il vero problema e se la prendono con la scuola e con le sue tante inefficienze (che pur ci sono).

Ecco allora una breve guida essenziale, per saperne di più.

Cosa è il bullismo scolastico?

Il bullismo scolastico si riferisce a tutti i tipi di bullismo fatti a scuola, fra pari o fra studenti e insegnanti.

Come si distinguono gli atti di bullismo?

Gli atti di bullismo possono essere fisici o psicologici; spesso vengono praticati su Internet, in particolare sui social.

Dove si svolgono a scuola?

Ovunque: nei cortili, nei corridoi , nelle palestre, in aula, nei bagni, sullo scuolabus, ecc.

Cosa è il bullismo individuale?

Il bullismo individuale è una forma di bullismo uno-contro-uno, che può avvenire sia di persona che online. Questo è più diffuso nelle scuole elementari e medie.

Cosa è il bullismo di gruppo?

Il bullismo di gruppo è quello messo in atto da vere e proprie bande di coetanei, che si alleano contro i soggetti che ritengono più deboli. E’ praticato soprattutto nelle scuole superiori e tipicamente dura più a lungo del bullismo intrapreso da singoli individui.

Cosa è il bullismo fisico?

Il bullismo fisico è il bullismo che prende la forma di abuso fisico: spinte, lotta, sputi, sgambetti, ecc.

Cosa è il bullismo psicologico?

Il bullismo psicologico è il bullismo che coinvolge fattori diversi dall’interazione fisica, come fare insulti, osservazioni sprezzanti, dare soprannomi, prendere in giro, prendere o nascondere le cose della vittima, incolparla di qualcosa che non ha commesso. Vi è anche incluso il tentativo di ostracizzare la vittima, renderla esclusa ed ignorata.

Cosa è il bullismo informatico?

Il bullismo informatico è il bullismo che avviene online, tramite e-mail, chat room, servizi di social network, messaggi di testo, messaggi istantanei, post sul sito web, blog o una combinazione di questi mezzi. I cyberbulli possono nascondere la propria identità, in modo che la vittima subisca un attacco anonimo. Il cyberbullismo non differisce dalle forme di bullismo psicologico di cui sopra, ma comporta anche la pubblicazione di commenti offensivi sulla vittima o l’invio di tali commenti a qualcuno. In genere si tratta di pettegolezzi, veri o inventati, divulgazione di informazioni sensibili o private, escludere qualcuno da una pagina o da un gruppo online.

Quali altre forme di bullismo ci sono?

Spesso vengono presi di mira soggetti che presentano caratteristiche personali che si differenziano dal gruppo e pertanto abbiamo:

  • Bullismo sessuale, o molestia sessuale, in particolare verso le ragazze
  • Bullismo omofobico, contro soggetti omosessuali
  • Bullismo contro i disabili
  • Bullismo razzista
  • Bullismo religioso si rivolge a persone che hanno specifiche credenze religiose.

Cosa comportano gli atti di bullismo sulla vittima?

Le vittime del bullismo mostrano una serie di risposte, anche molti anni dopo, come:

  • Scarsa autostima
  • Difficoltà nel fidarsi degli altri
  • Mancanza di assertività
  • Aggressività
  • Difficoltà a controllare la rabbia
  • Isolamento sociale

Dr.ssa Giuliana Proietti

Immagine
Pexels

Please follow and like us:

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
Psicoterapeuta Sessuologa
ANCONA FABRIANO CIVITANOVA MARCHE
Per appuntamenti: 347 0375949 - g.proietti@psicolinea.it

E' possibile anche fissare degli appuntamenti Via Skype.
https://www.psicolinea.it/sostegno-psicologico-distanza/

Per leggere il CV:
https://www.psicolinea.it/dr-giuliana-proietti_psicologa_sessuologa_ancona/

Per vedere dei videofilmati su YouTube
https://www.youtube.com/user/RedPsicCdt

Per la pagina Facebook
https://www.facebook.com/Giuliana.Proietti.Psicosessuologia

Per il Profilo Facebook
https://www.facebook.com/giuliana.proietti.psicologa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error

Ti piace Psicolinea? Seguici anche sui Social ;-)

RSS
Facebook
YouTube
Instagram