sesso precoce

La prevalenza di immagini legate al sesso nei media ha portato molti ricercatori a studiarne l’effetto sugli adolescenti. Sono stati pubblicati diversi studi sull’argomento e si è arrivati alla conclusione che c’è un legame fra sesso precoce e esposizione alla sessualità proposta dai media.

Questo mese però, nella versione on line di  Developmental Psychology, è stato pubblicato lo studio di Laurence Steinberg, il quale ha riconsiderato i dati di una ricerca condotta nel 2006 e pubblicata su Pediatrics. In questo studio si affermava che gli adolescenti tra i 12 e i 14, fortemente esposti a contenuti sessuali su film, televisione, canzoni, giornali, ecc.,  avevano una maggiore probabilità di avere rapporti sessuali intorno ai 16 anni.

Steinberg sostiene che questo studio non è corretto, in quanto non tiene pienamente conto del fatto che gli adolescenti sono già naturalmente interessati al sesso prima ancora di essere sollecitati dalle immagini proposte dai media: non sarebbero dunque, per questo ricercatore, i media a determinare il comportamento del sesso precoce tra gli adolescenti, ma al contrario quei media sarebbero scelti solo come conseguenza della presenza di interessi sessuali nei giovani.

“C’è un problema comune nella ricerca delle scienze sociali, chiamato il problema della terza variabile“, ha detto Steinberg. “Se si guarda alla relazione tra un dato comportamento e una data esperienza, potrebbe sembrare che vi sia fra i due fattori una certa correlazione, quando in realtà il rapporto  è dovuto a qualcosa di completamente diverso”.

Steinberg spiega il concetto con un esempio:  “Se un ragazzo è molto religioso, avrà meno probabilità di avere rapporti sessuali in età molto giovane, ma avrà anche meno probabilità di esporsi alla visione delle immagini relative al sesso tramite i media”.

Gli adolescenti sono grandi utilizzatori dei mezzi di comunicazione di massa; le ricerche esistenti mostrano che essi sono esposti ai mass media per circa otto ore al giorno. “Tutto ciò giustifica certamente la preoccupazione da parte degli adulti”, ha affermato Steinberg,  “ma invece di puntare il dito collettivo verso l’industria dello spettacolo, occorrerebbe rendersi conto che le influenze più importanti sul comportamento sessuale degli adolescenti probabilmente sono più vicine alla propria casa“.

Non che la rappresentazione del sesso che danno i mass media non sia discutibile, conclude Steinberg, ma bisognerebbe non confondere le questioni che riguardano il gusto con le questioni che riguardano la scienza.

Dr. Giuliana Proietti, psicoterapeuta, Ancona

Fonte:Eurekalert

Immagine: A. Cathrae

 

Adolescenza

Editore: Xenia, Collana: I tascabili
Anno edizione: 2004 Pagine: 128 p., Brossura
Autori: Giuliana Proietti – Walter La Gatta

 

Please follow and like us:

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona Civitanova Marche, Fabriano
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Scrive in un Blog sull'Huffington Post


Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti

Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche Fabriano e via Skype
Tweets di @gproietti

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierla come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.