Emily Dickinson: una biografia

Emily Dickinson: una biografia

Ultimo aggiornamento: Mag 31, 2022 @ 10:09

Emily Dickinson, seconda dei tre figli di Edward ed Emily Norcross Dickinson, nacque il 10 dicembre 1830 ad Amherst, nel Massachusetts. Solo due mesi prima, i suoi genitori e il fratello maggiore Austin si erano trasferiti nella Homestead sulla Main Street, per vivere con i genitori di Edward, Samuel Fowler e Lucretia Gunn Dickinson, oltre ad altri fratelli di Edward. Le radici della famiglia risalivano all’Inghilterra (Yorkshire) e a Guglielmo il Conquistatore.

Samuel Fowler Dickinson fu una figura di grande spicco nella cittadina di Amherst: dopo aver costruito nel 1813 la prima casa circondata da un ampio giardino sulla Main Street, si adoperò, anche economicamente, perché fossero fondati la Amherst Academy nel 1814 e poi l’Amherst College nel 1821. Si indebitò poi, fino alla rovina, per aprire nel 1828 una scuola in cui lo studio della scienza si potesse coniugare con quello dell’avvocatura.

A29

Poco dopo la nascita della sorella minore di Emily, Lavinia, nel 1833, i loro nonni si trasferirono in Ohio, a Cincinnati, dove Samuel trovò impiego come insegnante.  A quell’epoca il figlio Edward aveva già tre figli ed era una figura pubblica, impegnata in politica. La famiglia rimase nella Homestead ad Amherst per altri sette anni.

La casa, sempre più affollata, e la crescente carriera come avvocato e politico di Edward richiesero la ricerca di un nuovo alloggio. Fu così che, quando Emily aveva nove anni, la sua famiglia acquistò una nuova abitazione in quella che oggi è North Pleasant Street ad Amherst. Edward era un uomo molto affezionato ai figli, ma poco espansivo.

“Mio padre avrebbe dato la vita per noi tre, ma non ce lo fece mai capire.Non ci fu una sola volta in cui ci avesse augurato buona notte con un bacio”, confesserà la figlia Lavinia.

Emily invece lo ricorderà così: “Mio padre, troppo preoccupato delle difese in tribunale, per accorgersi di quello che facciamo, mi compra molti libri, ma mi supplica di non leggerli, perché ha paura che mi scuotano le mente”.

Terapeuti online PsicolineaTERAPIE ONLINE
PSICOLOGIA | SESSUOLOGIA 

Costo: 60 euro
⇒Dr. Giuliana Proietti
Tel. 347 0375949

⇒Dr. Walter La Gatta
Tel. 348 3314908

I fratelli Dickinson, da bambini, si occupavano del giardino, prendevano parte alle attività della chiesa, leggevano libri, impararavano a cantare e suonare il piano, facevano passeggiate.

L’istruzione formale delle sorelle Dickinson era sicuramente eccezionale per le ragazze vissute all’inizio del diciannovesimo secolo, ma non era affatto insolita per le ragazze ad Amherst, vista anche l’opera culturale svolta dal nonno. Emily, dopo un breve periodo in una scuola del distretto di Amherst, frequentò l’ Amherst Academy per circa sette anni prima di entrare nel Mount Holyoke Female Seminary (ora Mount Holyoke College) nel 1847. Rimase al Seminary per un anno, il periodo più lungo che trascorse lontano da casa. Nel 1848,  Emily mostrò disagio nello stare lontana da casa, tanto che il padre, “bravissimo nel somministrarmi medicine, soprattutto se sgradevoli”, decise che la sua carriera scolastica sarebbe terminata a quel punto. Emily poteva studiare a casa, se ci teneva.

Sin da giovane, Emily si allontanò dalla religione: i boschi e la campagna erano la sua vera “chiesa”, tanto che così diceva dei genitori: “… Tutte le mattine si rivolgono a un’Eclissi, che chiamano “Padre”.

Emily ebbe numerose amicizie maschili, fra cui Benjamin Newton, dal quale ricevette la sua amata copia delle poesie di Emerson, e Henry Vaughn Emmons, con il quale condivise alcune delle sue prime poesie, ma soprattutto amicizie femminili, con Abiah Root, Abby Wood , Emily Fowler e Susan Gilbert, che in seguito divenne sua cognata, 

Molti studiosi hanno visto l’intensa relazione tra Emily e la futura cognata Susan come una relazione sentimentale, in base alle numerose lettere che le due si scambiarono. In una del 1852 la Dickinson scriveva: “Susie, verrai davvero a casa sabato prossimo e sarai di nuovo mia e mi bacerai come facevi?…Spero tanto per te, e mi sento così impaziente per te, sento che non posso aspettare, sento che ora devo averti – che l’attesa di vedere ancora una volta il tuo viso mi fa sentire accaldata e febbricitante, e il mio cuore batte così velocemente…”.

Gli anni della giovinezza di Emily Dickinson non furono privi di turbolenze. La morte di amici e parenti, inclusa la giovane cugina Sophia Holland, contribuirono a sollevare in Emily domande sulla morte e sull’immortalità. Oltre tutto, dalla casa di Pleasant Street, situata vicino al cimitero cittadino, la Dickinson non poteva ignorare le frequenti sepolture.

La scrittura divenne sempre più importante per lei, che cominciò a distaccarsi sempre più dal mondo. Le lettere della Dickinson al fratello rivelano anche un crescente senso di “differenza” tra lei e gli altri: “Cosa rende alcuni di noi così diversi dagli altri? È una domanda che mi pongo spesso” Questo senso di distinzione dagli altri diventava più forte, man mano che la sua sensibilità poetica maturava.

Terapie di Coppia
ANCONA ROMA FABRIANO TERNI CIVITANOVA MARCHE
TERAPIE ONLINE
COSTO DELLA TERAPIA
60 euro online,
Via Skype o Whatsapp,

Torneremo in presenza dal 15 Ottobre 2021
Richiesti Green Pass e  Mascherina

Sebbene la vocazione di Emily Dickinson per la poesia fosse iniziata già durante l’adolescenza, il periodo in cui riuscì ad esprimere il meglio di sé viene definito dagli studiosi fra il 1858 e il 1865, e che è poi il periodo della guerra civile americana.  La sua opera poetica è particolarmente incentrata sui temi della natura, dell’amore e della morte, sulle riflessioni sul senso della vita. Nell’insieme, le sue liriche racchiudono una profonda angoscia esistenziale.

Alla fine del 1855, la sua famiglia decise di tornare nella casa costruita dal nonno, Homestead, che era stata anche il suo luogo di nascita. Suo padre aveva ri-acquistato la casa all’inizio del 1855 e vi aveva apportato importanti lavori di ristrutturazione. Quando il fratello maggiore di Emily, Austin, si sposò con la sua migliore amica, Susan Huntington Gilbert, la coppia costruì una casa accanto a quella di famiglia, che chiamarono Evergreens.

Leggi anche:  Siddharta Gautama, detto il Buddha: una biografia

Nel 1857 Edward Dickinson aveva 54 anni, il figlio Austin 28. La carriera politica di Edward subì quell’anno un duro contraccolpo, in quanto non venne rieletto deputato al Congresso di Washington. E’ in questo periodo che il padre di fatto consegnò il futuro della famiglia e il ruolo di primo cittadino al figlio Austin.

La casa di Austin era un punto di ritrovo per la buona società di Amherst e la stessa Emily prese parte a diverse riunioni sociali all’inizio del matrimonio della coppia. I modi cortesi, l’istruzione, la sensibilità e il gusto di Austin, grande collezionista di quadri e raffinato intenditore d’arte, si sposarono perfettamente con il sogno della moglie Susan di diventare prima cittadina di Amherst. In questa casa furono accolti critici d’arte e scrittori del calibro di Wendel Phillips e Ralph Waldo Emerson. La coppia ebbe tre figli: Ned, nato nel 1861, Marta, nel 1866; e Gilbert, nel 1875, i quali portarono molta gioia nella vita della Dickinson.

Edward Dickinson aggiunse in questo periodo un giardino d’inverno all’Homestead, in modo che Emily potesse dedicarsi al suo hobby preferito, il giardinaggio, coltivando anche piante sensibili al clima.

Terapie individuali e di coppia LGBT

COSTO DELLA TERAPIA
60 euro online,
Via Skype o Whatsapp,

Torneremo in presenza dal 15 Ottobre 2021
Richiesti Green Pass e  Mascherina

Nel 1858 Emily decise che la riservatezza sarebbe stato il tratto privilegiato della sua personalità e la poesia il suo lavoro a tempo pieno.

Quando Emily compì 35 anni, aveva già composto più di 1100 testi, concisi e potenti, sui temi del dolore, la gioia, l’amore, la natura e l’arte. Circa 800 di queste poesie vennero raccolte in piccoli libretti fatti a mano, che non condivideva con nessuno.

Parte delle poesie furono condivise con la famiglia e amici molto selezionati di cui Emily ammirava il gusto letterario. La cognata Susan Dickinson ricevette più di 250 poesie durante i quarant’anni di amicizia con Emily e a Thomas Wentworth Higginson, autore di un articolo in un numero del 1862 dell’Atlantic Monthly che incoraggiava i giovani a scrivere e pubblicare, la Dickinson inviò circa 100 poesie.

Alcuni eventi della vita di Dickinson durante il suo intenso periodo di scrittura sono difficili da ricostruire. In alcune lettere la poetessa fece riferimento a un trauma:  “Ho avuto il terrore – da settembre – di non poterlo raccontare a nessuno“. La causa di quel terrore è rimasta sconosciuta.

Nel 1864 e nel 1865, Emily fu sottoposta a cure per una dolorosa malattia che le colpiva gli occhi (irite?). Dopo le visite a Cambridge per le cure oculistiche, la poetessa scelse di vivere un’esistenza tranquilla e solitaria con i suoi genitori e la sorella, non disdegnando gli incontri con personaggi importanti, come Thomas Wentworth Higginson, che conobbe di persona nel 1870 quando lui le fece visita ad Amherst. A Higginson Emily spiegò cosa intendeva per “poesia”: “Se leggo un libro e questo mi rende tutto il corpo così freddo che nessun fuoco possa riscaldarmi, so che è poesia. Se mi sento fisicamente come se mi avessero tolto la parte superiore della testa, so che è poesia. Questi è l’unico modo in cui la conosco. C’è un altro modo?”

A partire dal 1865 Emily iniziò a vestirsi solo di bianco, in segno di purezza.

Nei suoi ultimi anni, la Dickinson ebbe una storia d’amore con il giudice Otis Phillips Lord, un amico di suo padre. Lui e sua moglie erano stati ospiti frequenti all’Homestead. Rimasto vedovo, iniziò a corteggiare Emily Dickinson. Lord viveva a Salem, nel Massachusetts: le bozze di lettere a Lord suggeriscono che la poetessa abbia persino considerato di sposarlo, anche se ciò non avvenne.

La vita successiva della Dickinson è segnata dalla malattia e dalla morte : la morte di suo padre nel 1874, l’ictus di sua madre nel 1875, la morte di suo nipote Gib all’età di otto anni, nel 1883, la morte di Otis Lord nel 1884, la morte di Helen Hunt Jackson nel 1885. La stessa poetessa si ammalò poco dopo la morte del nipote Gib: “La crisi del dolore di tanti anni è tutto ciò che mi stanca”

Rimase in cattive condizioni di salute fino alla morte, all’età di 55 anni il 15 maggio 1886. Il medico curante attribuì il decesso a “malattia di Bright”, che la affliggeva da due anni e mezzo, nome con cui oggi si indica la glomerulonefrite quando sfocia in malattia renale cronica.

Fu sepolta quattro giorni dopo nel cimitero della città, ora noto come West Cemetery.  Chiese che il suo corpo fosse portato al cimitero passando attraverso i campi che si stendevano fra la sua casa e la terra dove sarebbe stata sepolta, e non lungo la Main Street o le altre strade che, sulla destra, conducevano al cimitero di Amherst.

Skype

 

Sul suo diario Thomas Higginson scrisse: “19 Maggio, Amherst. Per il funerale di quello strano essere umano, raro che è Emily Dickinson. La campagna era stupenda, la giornata perfetta e c’era un’atmosfera molto particolare, curiosa e insieme piacevole, nella casa e nei prati tutto intorno”. Higgins riporta nel diario anche qualcosa a proposito del viso di Emily, ormai morta: “Quanto al viso di Emily, un miracoloso ritorno alla giovinezza. Ha cinquantacinque anni e ne dimostra trenta, non un capello grigio, non una ruga e la pace assoluta sulla bella fronte liscia. Vicino al viso, un mazzolino di viole e un cipripedio rosa”.

Al momento della sua morte la sorella Lavinia scoprì centinaia di poesie scritte su foglietti ripiegati e cuciti con ago e filo, tutti contenuti in un raccoglitore. Prima della morte di Emily Dickinson erano stati pubblicati solo sette testi, con varie modifiche apportate dagli editori. Nel 1890 Lavinia, insieme a Mabel Loomis Todd (ufficialmente amica, ma soprattutto amante del fratello Austin), pubblicarono il primo volume di poesie di Emily. Dal 1924 al 1935 vennero pubblicate altre trecento poesie di Emily Dickinson, trovate dalla nipote Martha dopo la morte della madre Susan, a cui erano state affidate in custodia. Diverse poesie furono poi ricavate dalle numerose lettere della Dickinson, nonché dai biglietti che ella scrisse per accompagnare i doni fatti a parenti e amici.

La poetessa americana non ebbe alcun riconoscimento nella sua vita: oggi Emily Dickinson viene considerata una delle poetesse più sensibili e rappresentative di tutti i tempi.


Psicolinea You Tube


Concludiamo con alcune sue poesie:

Molta follia è saggezza divina

Molta follia è saggezza divina –
per chi è in grado di capire –
Molta saggezza – pura follia –
Ma è la maggioranza
in questo, in tutto, che prevale –
Conformati: sarai sano di mente –
Obietta: sarai pazzo da legare –
immediatamente pericoloso e presto incatenato.

Chi è amato non conosce morte

Chi è amato non conosce morte,
perché l’amore è immortalità,
o meglio, è sostanza divina.
Chi ama non conosce morte,
perché l’amore fa rinascere la vita
nella divinità.

A un cuore in pezzi

A un cuore in pezzi
Nessuno s’avvicini
Senza l’alto privilegio
Di aver sofferto altrettanto.

Morii per la bellezza

Morii per la bellezza, ma ero appena
composta nella tomba
che un altro, morto per la verità,
fu disteso nello spazio accanto.
Mi chiese sottovoce perché ero morta
gli risposi “Per la Bellezza”.
“E io per la Verità, le due cose sono
una sola. Siamo fratelli” disse.
Così come parenti che si ritrovano
di notte parlammo da una stanza all’altra
finché il muschio raggiunse le labbra
e coprì i nostri nomi.

Che sia l’amore tutto ciò che esiste

Che sia l’amore tutto ciò che esiste
È ciò che noi sappiamo dell’amore;
E può bastare che il suo peso sia
Uguale al solco che lascia nel cuore.

Per il nostro sito Clinica della Coppia abbiamo scelto lo slogan: “che l’amore è tutto è tutto quello che sappiamo dell’amore”, ispirandoci ad Emily Dickinson.

Clinica della CoppiaChe l'amore è tutto, è tutto quello che sappiamo dell'amore.
ANCONA ROMA FABRIANO TERNI CIVITANOVA MARCHE
Consulenza Via Skype

Fonti Principali:
Emily Dickinson Museum
Barbara Lanati, Vita di Emily Dickinson, L’alfabeto dell’estasi, Feltrinelli

Dr. Giuliana Proietti

Giuliana Proietti psicologa


I nostri brands
Clinica della CoppiaClinica della Timidezza
20 anni di Psicolinea

Freudiana
Segui gli articoli e i Video di Psicolinea!

About

Sessuologo Ancona

Perché rivolgersi al sessuologo? Sessuologi di Ancona

Perché rivolgersi al sessuologo? La sessualità è una parte fondamentale di ciò che siamo, quindi il modo in cui viviamo ...
Leggi Tutto
Ancona - Terapia di Coppia

Ancona – Terapia di Coppia per coppie etero e LGBT

Ancona - Terapia di Coppia per coppie etero e LGBT Ci sono momenti, in ogni relazione, in cui la comunicazione ...
Leggi Tutto
psicolinea

Consulenza psicologica gratis e a pagamento

CONSULENZA PSICOLOGICA GRATIS E A PAGAMENTO I TERAPEUTI DI PSICOLINEA OFFRONO SERVIZI DI CONSULENZA PSICOLOGICA E SESSUOLOGICA GRATIS E A ...
Leggi Tutto
Consulenza delgiovedì e altri servizi gratuiti

Consulenza del Giovedì e altri servizi gratuiti di Psicolinea

Consulenza del Giovedì e altri servizi gratuiti di Psicolinea  CONSULENZA GRATUITA (del giovedì) VIA TELEFONO La consulenza del Giovedì è ...
Leggi Tutto
Chi Siamo, Cosa facciamo

Psicolinea, uno tra i primi siti di psicologia

Salve, prima volta su Psicolinea? CI PRESENTIAMO: Fondatori e Curatori di Psicolinea: Il Sito Come si può immaginare dal titolo, ...
Leggi Tutto
La cura dell'ansia - Dr. Giuliana Proietti Via Skype

La cura dell’ansia – Dr. Giuliana Proietti Via Skype

La cura dell'ansia - Dr. Giuliana Proietti Via Skype Benvenuti. In questa pagina qualche illustrazione su come viene curata l'ansia ...
Leggi Tutto
Il Sessuologo e la Sessuologia

Il Sessuologo e la sessuologia: saperne di più

IL SESSUOLOGO E LA SESSUOLOGIA: SAPERNE DI PIU' Cosa si intende per Sessuologia? La sessuologia è la scienza della sessualità, ...
Leggi Tutto
Mappa del Sito

Mappa del Sito Psicolinea

Mappa del Sito. Tutti gli Articoli presenti su Psicolinea. Anzitutto vogliamo esprimere un sentito ringraziamento agli Autori, che nel tempo ...
Leggi Tutto
psicologia psicoterapia sessuologia

Forum di Psicolinea: tutta la consulenza online

Forum di Psicolinea: tutta la consulenza online Gentilissimi Lettori, Tutta la consulenza online di Psicolinea, dal 2001 ad oggi è ...
Leggi Tutto
Psicoterapeuti Ancona Fabriano

PSICOTERAPEUTI Ancona Fabriano. Chiama ora!

PSICOTERAPEUTI ANCONA FABRIANO CHIAMA PER APPUNTAMENTO! TERNI CIVITANOVA MARCHE E VIA SKYPE Dr. Giuliana Proietti 347 0375949 Dr. Walter La ...
Leggi Tutto
About Psicolinea

About Psicolinea: Chi siamo, Cosa facciamo

About Psicolinea: Chi siamo, Cosa facciamo About Psicolinea: Chi siamo, Cosa facciamo Tutte le info che cercavi su in una ...
Leggi Tutto
Uso dei social media da parte degli psicoterapeuti

Media & Social Media Interviste, Articoli, Contributi

Media & Social Media - Interviste, Articoli, Contributi LA NOSTRA PRESENZA SU MEDIA E SOCIAL MEDIA Psi VIDEO Partecipazioni a ...
Leggi Tutto
Terapie online Via Skype

Terapie online Via Skype

Terapie online Via Skype La tecnologia è diventata una parte essenziale della vita moderna e può essere usata anche per ...
Leggi Tutto

Terapeuti di Psicolinea: Psicoterapia a Ancona, Terni, Civitanova Marche Fabriano

TERAPEUTI DI PSICOLINEA PSICOTERAPIA Ancona Fabriano Terni Civitanova Marche Dr. Giuliana Proietti Tel. 347 0375949 Dr. Walter La Gatta Tel ...
Leggi Tutto
Contatti con i Terapeuti di Psicolinea

Contatti con i Terapeuti di Psicolinea

CONTATTI con i Terapeuti di Psicolinea Psicoterapeuti Sessuologi Associati alla Federazione Italiana di Sessuologia Scientifica e al Centro Italiano di ...
Leggi Tutto
Archivio Storico di Psicolinea

CONSULENZA ONLINE Archivio Storico Generale

CONSULENZA ONLINE ARCHIVIO STORICO GENERALE Su questa pagina trovi il modo per leggere TUTTA la Consulenza online di Psicolinea, dal ...
Leggi Tutto

Dr. Giuliana Proietti

Dr. Giuliana Proietti
Psicoterapeuta Sessuologa
ANCONA FABRIANO CIVITANOVA MARCHE ROMA
CONSULENZA ONLINE VIA SKYPE
Per appuntamenti: 347 0375949 - g.proietti@psicolinea.it

E' possibile anche fissare degli appuntamenti Via Skype.
https://www.psicolinea.it/sostegno-psicologico-distanza/

Per leggere il CV:
https://www.psicolinea.it/dr-giuliana-proietti_psicologa_sessuologa_ancona/

Per vedere dei videofilmati su YouTube
https://www.youtube.com/user/RedPsicCdt

Per la pagina Facebook
https://www.facebook.com/Giuliana.Proietti.Psicosessuologia

Per il Profilo Facebook
https://www.facebook.com/giuliana.proietti.psicologa

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.