Alcuni ricercatori del Baylor College of Medicine e della Duke University hanno studiato un campione di 681 genitori di ragazzi che vivono nella zona di Houston, negli Stati Uniti.

La scoperta è questa: se i genitori si impegnano nello sport e nell’attività fisica, anche i loro figli guardano meno la TV e passano meno tempo sui loro computers. Lo studio è pubblicato nel numero di luglio di Health Psychology, una pubblicazione dell’ American Psychological Association.

Gli sport di squadra più faticosi analizzati nella ricerca sonostati il basket e il calcio, tra gli sport di squadra che richiedono sforzi meno elevati sono stati presi in considerazione baseball e softball, pallavolo e calcetto. Le attività individuali prese in esame sono state, tra quelle più faticose la corsa, il ciclisno, il nuoto e il pattinaggio, tra quelle che richiedono sforzi più moderati le passeggiate, l’andare in giro in bicicletta, il golf.

Anche i lavori domestici sono stati considerati attività fisiche, come ad esempio spostare i mobili, pulire, fare giardinaggio ecc.

Risultati: I genitori che si dedicavano ai lavori domestici anche i più faticosi, non miglioravano il livello di attività fisica dei figli. Forse questo accade perché i ragazzi più attivi di solito trascorrono meno tempo in casa e, una volta che essi vi vengano trattenuti per osservare le attività dei genitori, questo non li spinge a parteicpare ai lavori domestici, ma a guardare di più la televisione.

Le famiglie con un maggior numero dei figli attribuivano ai lavori domestici un valore maggiore , mentre le famiglie con genitori più acculturati e benestanti, in grado di affidare i lavori domestici a personale esterno, li valutavano assai meno.

I genitori ispanici incoraggiavano i figli maschi ad impegnarsi in sport duri e individuali, ma non incoraggiavano le loro figlie.

Le bambine afro-americane, ma non i loro fratelli, attribuivano un minor valore agli esercizi che richiedono uno sforzo moderato, come ad esempio andare in bicicletta. Sia i maschi che le femmine di questo gruppo etnico preferivano guardare la TV.

Genitori più acculturati attribuivano importanza sia agli sport individuali che a quelli di squadra, intensi o moderati, per i figli maschi, ma non per le figlie femmine. Solo nelle famiglie con molti figli anche le bambine ricevevano attenzione circa la loro scelta sportiva.

I genitori che si coinvolgevano nella pratica di uno sport di squadra, specialmente i più duri, spingevano realmente i figli, sia maschi che femmine, all’attività fisica e alla rinuncia all’uso del loro strumenti elettronici.

Consiglio dei ricercatori: coinvolgetevi nelle attività sportive, per spingere i vostri figli verso l’attività fisica, ma ricordatevi anche delle figlie femmine, che possono e vogliono anche loro fare sport.

Fonte: “Parent-Child Attitude Congruence on Type and Intensity of Physical Activity: Testing Multiple Mediators of Sedentary Behavior in Older Children,” Cheryl B. Anderson, PhD, and Sheryl O. Hughes, PhD, Baylor College of Medicine; Bernard F. Fuemmeler, PhD, Duke University Medical Center; Health Psychology, Vol. 28, No. 4.

L’articolo integrale è disponibile qui: .
Fonte: Eurekalert

Dott.ssa Giuliana Proietti Ancona

Immagine:
Wikimedia

Mix

Psicolinea ti consiglia anche...

Le terapie psicologiche per pe...
L'obesità grave è diventato un problema molto seri...
Trovare un equilibrio sessuale...
Gentile Dottoressa, sono una ragazza di 25 anni, ...
Sessualità e disabilità
Sessualità e disabilità
Leggi anche:  I segni precoci dell'Alzheimer
La sessualità è par...
Bambini adottati, coppie e ori...
Bambini adottati, coppie e orientamento sessuale ...
Logoterapia
Non è difficile per me parlare di Logoterapia: met...
Chirurgia estetica - Consulenz...
Sono un ragazzo di 24 anni e da alcuni anni sono s...
Il divorzio e i figli
Generalmente si tende a studiare le famiglie di di...
La comunicazione non verbale i...
La comunicazione non verbale in ambito sanitario ...

Dr. Giuliana Proietti

Dr. Giuliana Proietti
Psicoterapeuta Sessuologa
ANCONA FABRIANO CIVITANOVA MARCHE ROMA
CONSULENZA ONLINE VIA SKYPE
Per appuntamenti: 347 0375949 - g.proietti@psicolinea.it

E' possibile anche fissare degli appuntamenti Via Skype.
https://www.psicolinea.it/sostegno-psicologico-distanza/

Per leggere il CV:
https://www.psicolinea.it/dr-giuliana-proietti_psicologa_sessuologa_ancona/

Per vedere dei videofilmati su YouTube
https://www.youtube.com/user/RedPsicCdt

Per la pagina Facebook
https://www.facebook.com/Giuliana.Proietti.Psicosessuologia

Per il Profilo Facebook
https://www.facebook.com/giuliana.proietti.psicologa

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.