donna incinta

Quando una donna è incinta e ci tiene alla salute del suo bambino potrebbe sentirsi angosciata nel vivere la gravidanza nella sua inquinatissima città e desiderare di andare a vivere, almeno per il periodo della gestazione, all’aria aperta, in campagna, magari vicino ad un campo di fragole. Forse la sua scelta non avrebbe potuto essere peggiore… Le donne incinte che vivono presso aree agricole dove si utilizzano pesticidi sembrano infatti avere una percentuale maggiore (del 60%) di avere un figlio autistico o con ritardi dello sviluppo. Lo afferma un  nuovo studio della Università della California.

Lo studio, condotto in California, ha preso in esame 3 tipi di pesticidi, che sembrano essere associati all’autismo e ai ritardi dello sviluppo: organofosfati, piretroidi e carbammati.

In particolare: gli organofosfati usati nei campi nei vari stadi della gravidanza sono associati a disturbi dello spettro autistico, i piretroidi sono associati allo stesso disturbo, ma se la madre vi entra in contatto immediatamente prima del concepimento o nel primo trimestre di gravidanza. I carbammati sono associati a ritardi nello sviluppo. Il messaggio è dunque molto chiaro: donne incinte state lontane dai campi dove si usano prodotti chimici, come afferma l’autrice dello studio, Janie F. Shelton

Ad esempio, in alcune zone della California, è impossibile non entrare in contatto con queste sostanze. E’ in questo stato dell’Ovest infatti che si producono la maggior parte dei prodotti agricoli americani ed è lì che si usano ogni anno 90 milioni di  chili di pesticidi attivi, in particolare nella Central Valley. Nella contea di Sacramento, nella parte meridionale della Central Valley, la popolazione autistica è aumentata di sette volte dal 2000, secondo il California Department of Education. Nel 2001, meno di 500 studenti delle scuole pubbliche della contea di Sacramento sono stati inseriti in classi speciali per bambini autistici; dieci anni dopo il loro numero è salito a 2.275, cioè uno ogni 105 bambini, secondo il Sacramento Bee.

Legami fra zona geografica e autismo sono diventati sempre più chiari negli ultimi anni. Questo schema del LA Times mostra che un bambino nato in California ha maggiori probabilità di ricevere una diagnosi di autismo rispetto a bambini nati in altre zone degli USA. Secondo la Dr.ssa Irva Hertz-Picciotto, un’autrice dello studio, questa affermazione non deve più considerarsi una novità, visto che quello appena pubblicato è il terzo studio che conferma l’associazione fra uso di pesticidi e autismo o ritardo dello sviluppo.

Peraltro, se i ricercatori hanno potuto condurre questo studio è perché in California chi usa i pesticidi deve specificare quali usa e dove li usa.

Questa è la situazione in Italia secondo Legambiente.

Dr. Giuliana Proietti

Fonte:

Autism Risk Much Higher for Children of Pregnant Women Living Near Agricultural Pesticide Areas, Newsweek

Immagine:
Free Digital Photos

Please follow and like us:

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona Civitanova Marche, Fabriano
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Scrive in un Blog sull'Huffington Post


Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti

Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche Fabriano e via Skype
Tweets di @gproietti

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierla come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.