Cosa accade quando persone in sovrappeso vengono esposte ai perfetti modelli corporei presentati dai media? I ricercatori Smeesters Dirk (Erasmus University, Olanda), Thomas Mussweiler (Università di Colonia, Germania), e Naomi Mandel (Arizona State University) hanno studiato le modalità in cui individui con indice di massa corporea (BMI) diversa hanno reagito a questi stimoli.

Risultato: Le donne con BMI tra 18.5 e 25 (valori considerati “normali”) hanno un più elevato livello di autostima quando sono esposte a modelli moderatamente sottili (in quanto si sentono simili a questi modelli) e a modelli in sovrappeso (in quanto si sentono dissimili da questi modelli). Tuttavia, hanno livelli più bassi di autostima quando sono esposte a modelli di leggero sovrappeso (perché si sentono simili) o a modelli estremamente sottili (in quanto si sentono diverse).

Questa ricerca fornisce importanti nuove intuizioni su come i media influenzino l’autostima delle donne in sovrappeso e sottopeso. “L’autostima delle donne in sottopeso aumenta sempre, indipendentemente dal modello che osservano”, spiegano gli autori. “D’altra parte, l’autostima della donna in sovrappeso diminuisce sempre, indipendentemente dal modello che osservano”.

Si è visto che l’esposizione a questi modelli cambia anche i comportamenti alimentari e i proponimenti di dieta. Per esempio, le partecipanti allo studio in sovrappeso hanno mangiato meno biscotti delle altre ed hanno mostrato motivazioni superiori alla dieta e all’esercizio fisico quando sono state esposte a modelli di donne in sovrappeso, anziché ai modelli di donne sottili. (Come dire che motiva di più al cambiamento il riconoscere negli altri i propri difetti, anziché osservare dei modelli considerati troppo dissimili da sé NdB)

“Raccomandiamo ai consumatori in sovrappeso di evitare di guardare gli annunci dei media, con tutti i loro modelli, sottili o abbondanti (magari evitando le riviste femminili),” concludono gli autori. Ipse dixit.

Fonte : Dirk Smeesters, Thomas Mussweiler, and Naomi Mandel. The Effects of Thin and Heavy Media Images on Overweight and Underweight Consumers: Social Comparison Processes and Behavioral Implications. Journal of Consumer Research, April 2010 (in press): Science Daily

Dr. Giuliana Proietti

Link: University of Chicago Press Journals

Immagine: Fashion_10117

Mix

Psicolinea ti consiglia anche...

Psicoanalisi e avvento del naz...
Psicoanalisi e avvento del nazismo
Leggi anche:  Storia dell'isteria: dagli Egizi a Freud
Il 24 Marzo ...
La censura e i social media
La censura e i social media Ogni società ha le ...
Crescere in un quartiere svant...
Crescere in un quartiere povero riduce significati...
Terapia riparativa: quando l'a...
La terapia riparativa è quella terapia che tenta d...
Donne, uomini e campagne elett...
Donne, uomini e campagne elettorali Nello studi...
Perché le bionde sono volgari?
Perché le bionde sono volgari? Con il pretesto ...
Coco Chanel, creatrice di stil...
Coco Chanel, creatrice di stile e di eleganza femm...
Le famiglie italiane: come son...
LE FAMIGLIE ITALIANE: COME SONO, COME SI COMPORTAN...

Dr. Giuliana Proietti

Dr. Giuliana Proietti
Psicoterapeuta Sessuologa
ANCONA FABRIANO CIVITANOVA MARCHE ROMA
CONSULENZA ONLINE VIA SKYPE
Per appuntamenti: 347 0375949 - g.proietti@psicolinea.it

E' possibile anche fissare degli appuntamenti Via Skype.
https://www.psicolinea.it/sostegno-psicologico-distanza/

Per leggere il CV:
https://www.psicolinea.it/dr-giuliana-proietti_psicologa_sessuologa_ancona/

Per vedere dei videofilmati su YouTube
https://www.youtube.com/user/RedPsicCdt

Per la pagina Facebook
https://www.facebook.com/Giuliana.Proietti.Psicosessuologia

Per il Profilo Facebook
https://www.facebook.com/giuliana.proietti.psicologa

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.