I modelli proposti dai media e l’autostima

Cosa accade quando persone in sovrappeso vengono esposte ai perfetti modelli corporei presentati dai media? I ricercatori Smeesters Dirk (Erasmus University, Olanda), Thomas Mussweiler (Università di Colonia, Germania), e Naomi Mandel (Arizona State University) hanno studiato le modalità in cui individui con indice di massa corporea (BMI) diversa hanno reagito a questi stimoli.

Risultato: Le donne con BMI tra 18.5 e 25 (valori considerati “normali”) hanno un più elevato livello di autostima quando sono esposte a modelli moderatamente sottili (in quanto si sentono simili a questi modelli) e a modelli in sovrappeso (in quanto si sentono dissimili da questi modelli). Tuttavia, hanno livelli più bassi di autostima quando sono esposte a modelli di leggero sovrappeso (perché si sentono simili) o a modelli estremamente sottili (in quanto si sentono diverse).

Questa ricerca fornisce importanti nuove intuizioni su come i media influenzino l’autostima delle donne in sovrappeso e sottopeso. “L’autostima delle donne in sottopeso aumenta sempre, indipendentemente dal modello che osservano”, spiegano gli autori. “D’altra parte, l’autostima della donna in sovrappeso diminuisce sempre, indipendentemente dal modello che osservano”.

Si è visto che l’esposizione a questi modelli cambia anche i comportamenti alimentari e i proponimenti di dieta. Per esempio, le partecipanti allo studio in sovrappeso hanno mangiato meno biscotti delle altre ed hanno mostrato motivazioni superiori alla dieta e all’esercizio fisico quando sono state esposte a modelli di donne in sovrappeso, anziché ai modelli di donne sottili. (Come dire che motiva di più al cambiamento il riconoscere negli altri i propri difetti, anziché osservare dei modelli considerati troppo dissimili da sé NdB)

“Raccomandiamo ai consumatori in sovrappeso di evitare di guardare gli annunci dei media, con tutti i loro modelli, sottili o abbondanti (magari evitando le riviste femminili),” concludono gli autori. Ipse dixit.

Fonte : Dirk Smeesters, Thomas Mussweiler, and Naomi Mandel. The Effects of Thin and Heavy Media Images on Overweight and Underweight Consumers: Social Comparison Processes and Behavioral Implications. Journal of Consumer Research, April 2010 (in press): Science Daily

Dr. Giuliana Proietti

Link: University of Chicago Press Journals

Immagine: Fashion_10117

Mix

Psicolinea ti consiglia anche...

Divinità e pornografia
Divinità e pornografia
Leggi anche:  Consenso e potere in una società di scimmie
Se si desidera girare un...
Psicologia degli scimpanzè e e...
Psicologia degli scimpanzè e evoluzione mentale de...
Combattere la pedofilia in Ret...
Combattere la pedofilia in rete al tempo della pan...
I bambini dovrebbero credere a...
Psychomedia pubblica un articolo in cui sostiene, ...
Le donne devono lavorare il do...
Qualsiasi cosa facciano, le donne devono lavorare ...
Nuove professioni: il terapeut...
Il suggerimento viene da Luna Jaffe,  fondatrice e...
L'orgoglio determina il pregiu...
Ce lo aveva già segnalato diversi anni fa la brill...
Il caso Adam Lanza, la sindrom...
Il caso Adam Lanza, la sindrome di Asperger e l'Ap...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *