Il contesto familiare influenza l’ormone dello stress

contesto familiare

E’ stato condotto uno studio su bambini ‘normali’ e con un ‘contesto familiare difficile’.

Un quarto di essi avevano tre o più fattori di rischio specifici, conosciuti per le loro influenze sui livelli di cortisolo Fattori di rischio sono stati considerati: l’uso di tabacco durante la gravidanza, scarsi redditi familiari, scarso livello di istruzione dei genitori, assenza di un genitore, genitori troppo giovani, ostilità materna nei confronti del figlio. Altri bambini avevano invece altri ‘difficili contesti familiari’.

Michel Boivin della Université Laval e colleghi hanno misurato il livello dello stress in 130 gemelli identici e in 216 gemelli non omozigoti di 19 mesi, prima e dopo essere condotti in una stanza con un clown ed un robot rumoroso. Non era esattamente un evento ‘traumatico’, ma sicuramente capace di innalzare il livello dello stress, secondo Boivon.

Si è visto così che la continua produzione dell’ormone dello stress, il cortisolo, dipende dall’essere stati cresciuti in situazioni difficili.

Lo studio, pubblicato negli Archives of General Psychiatry, ha scoperto che il 40 per cento delle differenze nella produzione di cortisolo sono determinate genticamente, ma crescere in contesti difficili aumenta questo potenziale di base dovuto alla genetica.

Fonte: United Press International

Dott.ssa Giuliana Proietti Ancona

Psicolinea ti consiglia anche...

Perché compriamo le cose che c...
Perché compriamo le cose che ci fanno assaggiare g...
Il piacere della trasgressione
Il piacere della trasgressione In cosa consiste...
Il tradimento nella coppia sta...
Il tradimento nella coppia stabile Gli esseri u...
Insegnare ed apprendere in mod...
Decenni di ricerca sul modo in cui funziona la mem...
Dall'altra parte, sua sorella ...
Salve, da anni che leggo la vostra rubrica e oggi ...
Il fallo infallibile è fallato...
Il fallo infallibile è fallato: intervista a Giorg...
L'esperimento del ponte dell'a...
L'esperimento del ponte dell'amore
Leggi anche:  La pubertà preoce: un male o un bene?
Vi siete mai...
La vita emotiva dei pazienti d...
La vita emotiva dei pazienti di Alzheimer Seppu...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *