terapeuta

L’arredo dello studio contribuisce a farsi un’ opinione sul terapeuta?

Secondo un nuovo studio, le persone giudicano la qualità e le qualifiche degli psicoterapeuti dal modo in cui sono arredati i loro uffici/studi.

Ad un gruppo di soggetti sono state mostrate delle foto di studi di psicoterapia: i partecipanti alla ricerca dovevano poi giudicare i terapeuti, in base alla qualità dei loro ambienti professionali. Si è visto così che hanno ricevuto delle valutazioni migliori i terapeuti i cui studi erano puliti e ordinati, decorati con elementi morbidi come cuscini e tappeti, e caratterizzati da tocchi personali, come diplomi e foto incorniciate.”

“Le persone sembrano essere d’accordo su come dovrebbe essere lo studio di un buon terapeuta e, soprattutto, su come non dovrebbe essere”, ha detto Jack Nasar, psicologo, co-autore della ricerca. “Che si tratti di apprendimento culturale o altro, le persone pensano di poter giudicare i terapeuti in base al loro studio professionale.”

La ricerca compare online nel Journal of Counseling Psychology.

Vi sono stati diversi esperimenti, in cui le persone dovevano valutare 30 fotografie digitali a colori relative a studi di psicoterapia di Manhattan. Le foto mostravano lo studio dalla prospettiva del paziente, cioè dalla sedia in cui, sedendosi, avrebbe potuto osservare l’ambiente intorno a sé.

Nel complesso, dei 242 studenti universitari che hanno partecipato alla ricerca – circa il 60 per cento aveva frequentato nella realtà uno studio di psicoterapia.

I ricercatori non hanno trovato però alcuna differenza nei risultati, tra coloro che avevano frequentato uno studio di psicoterapia e coloro che non lo avevano frequentato, così come fra uomini e donne, in persone di diverse età, residenti in piccole città del nord-est o abitanti di una grande città del Midwest, il che dimostra che i risultati sono generalizzabili.

Prima dell’inizio dello studio, 12 studenti avevano fatto una mappa dei 30 studi, valutando diverse caratteristiche, come la pulizia, la spaziosità e la personalizzazione.

Nella prima ricerca, a degli studenti è stato chiesto di immaginare di visitare un terapeuta per un problema emotivo. Mentre guardavano le foto, è stato chiesto loro di valutare lo studio, prevedendo la qualità delle cure e il comfort che avrebbero provato, se vi si fossero recati come pazienti. Queste qualità sono state valutate su una scala a sette punti, da “molto scarso” a “molto buono”.

I partecipanti hanno detto che avrebbero provato maggiore comfort e ricevuto cure migliori negli studi giudicati più ordinati e che avevano più di un tocco personale, come cuscini, diplomi appesi al muro o foto. Hanno anche giudicato meglio i terapeuti i cui studi avevano uno stile più “morbido”, come quelli che avevano sedie imbottite, tappeti, lampade da tavolo, piante.

In una seconda ricerca, i partecipanti hanno ritenuto che i terapeuti che avevano uno studio ordinato, personalizzato e più “morbido” erano i più qualificati. Gli studi considerati più “morbidi” facevano pensare inoltre a dei terapeuti più amichevoli.

Una terza ricerca ha chiesto ai partecipanti di visionare delle foto e di scrivere il primo pensiero o sentimento che veniva loro in mente pensando a come si sarebbe sentito un paziente in quello studio professionale, un pensiero sul terapeuta che occupava lo studio, ed anche uno sullo stesso ufficio. Infine, i ricercatori hanno chiesto ai partecipanti di scegliere in quali studi si sarebbero recati più volentieri se avessero deciso di vedere un terapeuta, e quali avrebbero voluto evitare.

“Gli studi meglio valutati sono stati quelli più ordinati e più “morbidi” ha detto Nasar. “Per i primi cinque studi, i partecipanti hanno usato più frequentemente, per descrivere l’ambiente, i termini: confortevole, curato, pulito, accogliente e invitante.”

Al contrario, i cinque studi meno graditi sono stati descritti come: ingombro, angusto, disordinato, scomodo e poco professionale.

I partecipanti sono stati più facilmente d’accordo nel decidere i “peggiori studi” anziché i “migliori”.

I terapeuti che lavoravano nei cinque studi primi classificati sono stati giudicati in modo più favorevole, cioè meglio organizzati, professionali, amichevoli ed esperti rispetto a coloro che occupavano gli ultimi cinque studi della classifica.

I partecipanti allo studio hanno pensato in maggioranza che i terapeuti che occupavano gli studi top-rated fossero uomini, mentre gli studi professionali meno graditi erano più spesso identificati come appartenenti a terapeuti-donne.

I partecipanti a questa ricerca hanno anche affermato di aspettarsi prestazioni professionali di migliore qualità dai terapeuti il cui studio appariva loro migliore. Anche se questi giudizi possono essere errati, è importante rilevare che le percezioni contano molto e che dunque i terapeuti dovrebbero prendere sul serio il look dei loro studi, secondo i ricercatori, perché molte persone potrebbero pensare di non continuare la terapia solo perché non gradiscono lo studio in cui essa si svolge.

Queste dunque le indicazioni: rendere i propri studi “morbidi” e amichevoli, appendere i diplomi al muro e personalizzare l’ambiente, disporre tutto in modo pulito e ordinato (e tenerlo sempre così…)

Fonte:

Ohio State University, via Quality of Psychotherapy Influenced by Office Décor, PsychCentral

Dr. Giuliana Proietti, psicoterapeuta, Ancona

Immagine:PsychCentral

About

Interviste

MEDIA & SOCIAL MEDIA – Interviste, Articoli, Contributi

Interviste, Articoli, Contributi LA NOSTRA PRESENZA SU MEDIA E SOCIAL MEDIA Pagina in Continuo Aggiornamento VIDEO Ultime partecipazioni a trasmissioni ...
Leggi Tutto
sostegno psicologico a distanza

Sostegno Psicologico a Distanza

Per ricevere sostegno psicologico distanza: Contattare i terapeuti di Psicolinea Servizio a pagamento Scrivere a staff@psicolinea.it per info La psicoterapia ...
Leggi Tutto
SERVIZI GRATUITI DI PSICOLINEA

Servizi gratuiti di Psicolinea

SERVIZI GRATUITI E' possibile chiedere  una consulenza gratuita ai Terapeuti di psicolinea.it !  CONSULENZA GRATUITA VIA TELEFONO: Sempre e Solo ...
Leggi Tutto
Psicolinea - Consulenza privata a distanza

Consulenza psicologica privata

RICHIESTA DI CONSULENZA PSICOLOGICA PRIVATA  Richiedi una Consulenza personalizzata in forma scritta, a casa tua (Servizio a pagamento) Le richieste ...
Leggi Tutto
Consulenza psicologica gratis e a pagamento

Consulenza psicologica gratis e a pagamento | Ancona – Terni – Civitanova Marche

CONSULENZA PSICOLOGICA GRATIS E A PAGAMENTO Ancona - Terni - Civitanova Marche Associati a Federazione Italiana Sessuologia Scientifica e Centro ...
Leggi Tutto
Terapeuti

9 Ragioni per sceglierci come Terapeuti | Ancona, Terni, Civitanova Marche

Perché scegliere il nostro studio Professionale? Vi presentiamo 9 ragioni per farlo... I terapeuti dello studio Ellepi Associati offrono servizi ...
Leggi Tutto
psicologia psicoterapia sessuologia

Tutorial uso Forum Consulenza

Come fare richiesta di Consulenza psicologica - sessuologica gratuita sul Forum di Psicolinea 1) Arrivando sul Forum della Consulenza online, ...
Leggi Tutto
prima volta

Prima volta su Psicolinea ? Ci presentiamo…

Salve, prima volta su Psicolinea? CI PRESENTIAMO: Come puoi immaginare dal titolo, in questo Sito si parla principalmente di PSICOLOGIA ...
Leggi Tutto
psicoterapia

Terapeuti di Psicolinea: Psicoterapia a Ancona, Terni, Civitanova Marche

Cerchi un terapeuta? Prendi in considerazione il nostro Studio Professionale. Lo studio Ellepi Associati è uno Studio Associato che offre ...
Leggi Tutto

ABOUT: Chi siamo, Cosa facciamo

About PSICOLINEA: CHI SIAMO, COSA FACCIAMO Tutte le info che cercavi su in una sola pagina! About... I Terapeuti di Psicolinea ...
Leggi Tutto

Contatti – Chiama ora!

CONTATTI CON I TERAPEUTI DI Dr Giuliana Proietti - Dr. Walter La Gatta Psicoterapeuti Sessuologi Associati alla Federazione Italiana di ...
Leggi Tutto
Archivio storico consulenza online

CONSULENZA ONLINE Psicolinea anni 2001-2011 e anni 2012-2018

CONSULENZA ONLINE Info per la Consultazione Sin dalla prima pubblicazione di Psicolinea, nel 2001, tramite il software della Microsoft Front ...
Leggi Tutto

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona e Terni)
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Scrive in un Blog sull'Huffington Post


Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti

Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche e via Skype
Tweets di @gproietti

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierla come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

2 thoughts on “Il terapeuta giudicato dall’arredo del suo studio”

  1. Grazie della sua testimonianza. Non sempre però la “sensazione di parlare con un’amico/a” produce gli effetti terapeutici desiderati… Avere la sensazione di parlare con un’amico/a durante la psicoterapia infatti potrebbe portare il paziente a sottovalutare, o a non dare la giusta rilevanza, ai discorsi, alle osservazioni ed ai suggerimenti del “dottore”: a suo danno, naturalmente.
    …Ma ogni relazione terapeutica è un caso a sé e generalizzare è sempre sbagliato.

  2. Sono stata in cura per qualche mese da una psicoterapeuta e devo confermare che la primissima impressione positiva che ho avuto è stata da come aveva sistemato lo studio: invece di parlare da dietro la scrivania “da dottore”, come alcuni fanno, aveva arredato l’ambiente in maniera calda e messo una lunga poltrona ai cui estremi si sedevano lei ed il paziente. Invece di sentirmi “malata” o affrontata “frontalmente” mi sembrava di parlare con un’amica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.