Jung visto da Deirdre Bair

Jung

Diceva Oscar Wilde  che ogni grande uomo ha i suoi discepoli, ma di solito è Giuda che poi ne scrive la biografia. La cosa è successa, secondo Deirdre Bair, anche a Jung, e per questa ragione questa biografa ha voluto scrivere un libro che restituisse la verità storica a questo personaggio, così amato, così odiato.

Jung ebbe certamente una bella vita: si sposò con una delle donne più ricche della Svizzera, visse fino a 85 anni, creò una sua scuola di pensiero ed ebbe allievi e riconoscimenti sin dagli inizi della sua carriera. Poi morì e il suo personaggio fu immediatamente attaccato dai biografi. L’accusa più infamante fu che Jung era stato un collaboratore dei nazisti, un antisemita e, subito dopo, un donnaiolo immorale, un ciarlatano, un impostore che aveva rubato le sue idee principali agli altri.

La Bair, che aveva già scritto acclamate biografie di Samuel Becket e di Simone de Beauvoir, riteneva che questo fosse troppo. L’autrice ha avuto accesso alle lettere e ai diari privati ​​di Jung ed ha incontrato e intervistato i membri della sua famiglia, in modo da scrivere questo libro.

Nelle parole della Bair, la vita e il lavoro di Jung sono stati “affascinanti, frustranti, contraddittori e intriganti, ma alla fine di importanza e di valore”. In primis si è scoperto che non fu un collaboratore dei nazisti e che anzi, segretamente, lavorava per gli alleati, durante la seconda guerra mondiale, proteggendo i suoi colleghi ebrei.

A seguito di  questo elaborato lavoro investigativo la Bair dipinge un quadro completo e intrigante di Jung. Carl Gustav era il figlio di un pastore povero e amareggiato e di una madre che “sembrava davvero felice solo quando raccontava ad alcune donne della parrocchia dei fantasmi e degli spiriti che vagavano nella casa parrocchiale, di notte”. Da un’educazione così macabra, le origini delle ossessioni di Jung per il misticismo possono essere facilmente comprese.

Studiò medicina all’Università di Basilea e nel 1903sposò Emma Rauschenbach, figlia di uno dei più ricchi uomini d’affari della Svizzera. Affascinato dalla psichiatria, Jung si convertì alla causa della psicoanalisi nel 1905. Dopo un periodo di corrispondenza, i due si incontrarono e Freud vide nel giovane medico svizzero l’erede intellettuale che stava cercando, anche se l’inclinazione di Jung a portarsi a letto pazienti e allieve non era gradita allo psicologo di Vienna.

Jung era di bell’aspetto, elegante, sicuro di sé e empatico: praticamente una calamita per il gentil sesso.
“Gruppi di donne formavano una falange attorno a lui, prima e dopo ciascuna delle sue lezioni”, ci dice la Bair. “Molte gareggiavano fra loro per vedere chi riusciva ad attirarlo a casa propria per una consultazione privata.” Jung ne parlava come delle sue “undicimila vergini”, anche se aveva relazioni con loro.  Toni Wolff era arrivata da lui in una “condizione gravemente disturbata, clinicamente depressa” in seguito alla morte del padre. Il rapporto fra i due superò di gran lunga il rapporto terapeutico. Con questa donna Jung iniziò una relazione che sarebbe durata fino alla morte di lei. Alla moglie Emma venne semplicemente detto che la Wolff era ora “l’altra moglie”.

Nel 1910, Jung fu eletto primo presidente dell’Associazione psicoanalitica internazionale. Tutto stava andando a gonfie vele. Poi, nel 1914, arrivò la sua frattura con Freud. Jung semplicemente non poteva sopportare la convinzione di Freud che le esperienze sessuali infantili fossero cruciali per lo sviluppo della personalità. Egli poneva una maggiore enfasi sull’inconscio collettivo, che definiva come il bacino delle “componenti psichiche arcaiche”dell’umanità, che riguardava i miti e le storie condivise nella maggior parte delle culture.

Così, per Freud, i sogni erano l’espressione di desideri inconsci, di solito sessuali, rimossi, mentre per Jung erano dei messaggi provenienti dal passato ancestrale.

Il fatto che Jung avesse sviluppato la sua teoria in parte attraverso i suoi studi sul comportamento degli alchimisti, che credeva stessero davvero subendo una trasformazione spirituale mentre cercavano di trasformare il piombo in oro, sosteneva solo il crescente sospetto, nei circoli medici, che Jung non fosse altro che un ciarlatano.

Poi arrivò la guerra. Nel 1942, Jung fu contattato dalle autorità tedesche e gli fu chiesto di trattare Hitler, i cui problemi mentali stavano ormai causando allarme fra i nazisti. Jung rifiutò e in seguito informò segretamente il governo degli Stati Uniti delle trattative con l’alto comando tedesco. Tuttavia, fu accusato dopo la guerra di essere un simpatizzante nazista. La Bair chiarisce che l’accusa era infondata.

Jung morì pacificamente nel 1961, sopravvivendo sia a Toni, sia a Emma. Anche le sue idee sono sopravvissute bene, probabilmente meglio di quanto meritassero. Oltre alla sua nozione, alimentata dallo studio dell’alchimia, dell’inconscio collettivo, dobbiamo ringraziare Jung per termini e idee come New Age, Età dell’Acquario e Sincronicità, lo studio “scientifico” delle coincidenze.

Dr. Walter La Gatta

Fonte:
Hell, Jung Lovers, The Guardian

sogni

Conosci l’interpretazione dei sogni? Test

Secondo Freud, ci sono dei simboli che hanno un significato unico e universale e che quindi possono essere interpretati con ...
Leggi Tutto
terapia jungiana

La terapia Junghiana

La terapia junghiana segue il modello di Freud, come ha spesso ammesso lo stesso Jung. In rari casi, quando l'approccio ...
Leggi Tutto
archetipi

Jung e gli archetipi femminili nei miti e nelle religioni

Carl Jung osservò che miti e religioni, nelle varie culture, contengono temi ed entità comuni: per esempio immagini della madre, ...
Leggi Tutto
Mandala

Conoscersi a fondo con il mandala

Cosa è Mandala è un termine sanscrito indicante un’immagine simbolica fondata sulle figure geometriche del cerchio e del quadrato, oppure ...
Leggi Tutto
edipo

Il complesso edipico, ieri e oggi

Complesso edipico: sebbene Freud non abbia mai dedicato un libro a questo argomento, il complesso edipico è al centro della ...
Leggi Tutto
miti

Jung e i miti

I miti sono la prova più arcaica e profonda che abbiamo sullo spirito e la natura del genere umano. Il ...
Leggi Tutto
Jung

Jung visto da Deirdre Bair

Diceva Oscar Wilde  che ogni grande uomo ha i suoi discepoli, ma di solito è Giuda che poi ne scrive ...
Leggi Tutto
Freud e Jung

Quando Jung spiegò cosa esattamente lo differenziava da Freud

Nel libro Il problema dell’inconscio nella psicologia moderna, Jung spiega le ragioni che lo hanno portato ad allontanarsi da Freud ...
Leggi Tutto
Sabina Spielrein

Sabina Spielrein: a dangerous method

Sabina Spielrein era una giovane donna, che Jung conobbe come paziente ma che poi amò appassionatamente: di lei Freud e ...
Leggi Tutto
Freud vita e morte

Differenze fra Freud e Jung

Su quali temi Freud e Jung si sono principalmente divisi? Eccone un breve elenco: Teoria della Libido Jung  non era ...
Leggi Tutto
archetipi

Gli archetipi di Jung

Gli archetipi vengono trattati da Jung in tutto il suo lavoro: nel suo libro sul confronto tra l'io e l'inconscio, ...
Leggi Tutto
figlio di Freud

Ernst Freud: il figlio di Sigmund

Sopra: Il figlio di Freud Ernst (di cui si parla in questo articolo) e a destra il fratello Martin  (1915). Ernst Freud, nato ...
Leggi Tutto
sophie freud

Sarà pure una Freud, ma non è freudiana: Sophie Freud

Sophie Freud, la nipote di Freud La professoressa (ora in pensione) Sophie Freud, come si può vedere nei links sotto ...
Leggi Tutto
BBC Freud manoscritto

Sigmund Freud On The BBC – 1938 – Brief Audio Clip

BBC: L'unico audio di Sigmund Freud Il 7 Dicembre del 1938,la BBC chiese a Sigmund Freud di fare una breve ...
Leggi Tutto
testamento

Il testamento professionale di Sigmund Freud

Questo è considerato il testamento di Freud. Le due pagine che vedete sopra sono il testo di un'intervista radiofonica che ...
Leggi Tutto
Sigmund Freud

Senza Freud non saremmo quelli che siamo

Saremmo oggi gli stessi se non vi fosse stato il padre della psicoanalisi? Di sicuro no. «È una Bibbia della nostra ...
Leggi Tutto

Immagine:
Copertina del libro

Please follow and like us:

Author Profile

Dr. Walter La Gatta
Dr. Walter La Gatta

Libero professionista ad Ancona ,Terni , Fabriano e Civitanova Marche

Si occupa di:

Psicoterapie individuali e di coppia
Terapie Sessuali (Delegato Regionale del Centro Italiano di Sessuologia per le Regioni Marche e Umbria) 
Tecniche di Rilassamento e Ipnosi
Disturbi d’ansia, Timidezza e Fobie sociali.

Riceve ad Ancona,Terni , Fabriano, Civitanova Marche e via Skype, su appuntamento.

Per appuntamenti telefonare direttamente al: 348 – 331 4908

Co-fondatore dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Contatti e Consulenza con il Dr. Walter La Gatta

Tweets di @Walter La Gatta

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierlo come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error

Ti piace Psicolinea? Seguici anche sui Social ;-)

RSS
Facebook
YouTube
Instagram