Interpretazione dei sogni

Il libro L’interpretazione dei sogni è pieno di allusioni ad avvenimenti e abitudini che erano familiari ai lettori della Vienna di fine secolo, ma che risultano incomprensibili oggi senza note esplicative. Soprattutto è una biografia in maschera de suo autore: Freud parla in esso della predizione di una vecchia contadina, fatta a suo tempo riguardo alla sua nascita, della rigida educazione ricevuta da una vecchia bambinaia, della peculiare amicizia e ostilità fra lui e il nipote John, maggiore di lui di un anno, dell’emigrazione dei suoi fratellastri in Inghilterra, di un incubo dell’infanzia in cui sognò la madre col becco, come fosse un uccello, della sua posizione di primo della classe a scuola, della ‘cospirazione contro l’insegnante mal visto’, dei primi accenni che egli ebbe di antisemitismo tra compagni di scuola e di molti altri particolari.

Freud fa cenno nel libro anche agli avvenimenti politici che caratterizzavano la sua epoca, come ad esempio il governo liberale del 1866, nel quale vi erano due ministri ebrei, la guerra ispano-americana del 1898, gli attentati anarchici a Parigi. Molto scrisse anche della sua porfessione: delle sue opere precedenti, della delusione nella faccenda relativa alla cocaina, della sua euforia nel raggiungere Parigi, per studiare l’ipnotismo di Charcot, del suo amico Fliess.

Nel libro ci sono anche i primi accenni a quella che sarà poi la psicoanalisi: i ricordi di copertura, la sessualità infantile, il complesso edipico. Nel libro Freud non parla molto della sua vita attuale, ma parla dei figli e dei loro sogni; inoltre non nasconde di essere ateo e di non credere nell’immortalità.

Ellenberger (cit.) fa notare che potremmo assimilare il libro dell’Interpretazione dei Sogni alla Divina Commedia, almeno nel vezzo, condiviso dai due autori, di sbattere ‘all’inferno’ le persone che non erano loro simpatiche. Dante lo fa collocando questi personaggi in veri e propri gironi infernali, Freud lo fa nel suo libro, parlando dello zio Josef come ‘la pecora nera della famiglia’, della vecchia balia che l’aveva trattato severamente quando era piccolo e dello stupido insegnante del ginnasio contro il quale vi era stata una rivolta studentesca. L’eccessivamente severo Brucke è stato raffigurato in sogno nell’atto di costringere Freud a sezionare la propria gamba e le pelvi; di Meynert è detto che era stato curato per tossicomania da cloroformio in una clinica psichiatrica privata.

Freud parla anche del suo rapporto con il padre Jacob, rimproverandolo per l’aver donato ai suoi figli un libro ‘da strappare’: intollerabile per Freud, o meglio ‘difficilmente giustificabile dal punto di vista didattico’. C’è anche la citazione di quella volta in cui il piccolo Sigmund aveva fatto la pipì nella camera da letto dei genitori e Jacob Freud aveva detto che da quel figlio ‘non sarebbe mai venuto fuori niente’. Vi è inoltre il famoso fatto dell’incontro fatto da Jacob e il figlioletto Sigmund con il cristiano, che aveva fatto cadere il cappello a Jacob e il codardo comportamento del padre di Freud che non aveva replicato, né si era difeso. Inoltre, vengono riportati i penosi sintomi che afflissero Jacob e la famiglia negli ultimi giorni prima della sua morte. Insomma, una figura paterna non proprio esaltata.

Un’altra caratteristica del libro è la sua provocazione intrinseca: chiamare ‘interpretazione dei sogni’ un libro che voleva essere scientifico, utilizzando una dizione utilizzata fino ad allora dagli indovini, era una sottile provocazione. In una lettera a Fliess del 9 febbraio 1898 Freud scrive che si rallegra “pensando agli scotimenti di testa che faranno gli altri ad ogni indiscrezione e audacia” che il libro conteneva.

Freud era del resto pienamente consapevole dell’importanza del suo lavoro: come sostiene la Vegetti Finzi, “dare parola al sogno significava riconsegnare all’uomo una parte cospicua delle sue esperienze, dei suoi affetti, del senso stesso della sua vita, erroneamente disprezzata e misconosciuta”

Fonti:

Ellenberger, La scoperta dell’inconscio, Boringhieri
Vegetti Finzi, Storia della psicoanalisi, Mondadori

Dott.ssa Giuliana Proietti

complesso edipico

Il Complesso edipico: di cosa si tratta?

Complesso edipico: di cosa si tratta? Nella teoria psicoanalitica il complesso di Edipo riguarda un desiderio infantile di coinvolgimento sessuale ...
Leggi Tutto
complesso edipico

Il Complesso edipico spiegato da Freud medesimo

In base alla mia esperienza, che è già molto grande, i genitori hanno la parte più importante nella vita psichica ...
Leggi Tutto
Interpretazione dei sogni

L’interpretazione dei sogni: un’autobiografia in maschera di Sigmund Freud

Il libro L'interpretazione dei sogni è pieno di allusioni ad avvenimenti e abitudini che erano familiari ai lettori della Vienna ...
Leggi Tutto
seduzione infantile

Come e perché Freud abbandonò l’ipotesi della seduzione infantile

Freud, come abbiamo visto, per un certo periodo di tempo pensò che la salute psichica dell'età adulta potesse dipendere da ...
Leggi Tutto
la seduzione infantile

L’ipotesi della seduzione infantile in Freud

L'ipotesi della seduzione infantile - cioè del trauma sessuale sotto forma di una seduzione avvenuta nella prima infanzia - fu ...
Leggi Tutto

Freud: Prefazioni a L’Interpretazione dei sogni (1899)

Prefazioni a L'interpretazione dei sogni Quando si legge il libro "L'interpretazione dei sogni", pochi si soffermano sulle prefazioni alle varie ...
Leggi Tutto
L'interpretazione dei sogni

L’interpretazione dei sogni: fasi di elaborazione del libro

L'interpretazione dei sogni: genesi di  un libro Il 31 Dicembre 1883 Freud scrisse alla fidanzata Marta che aveva fatto uno ...
Leggi Tutto
Interpretazione dei sogni

L’interpretazione dei sogni spiegata a chi non leggerà mai il libro

Il volume della Traumdeutung (Interpretazione dei sogni) uscì in realtà il 14 novembre 1899, ma l'editore preferì scrivere sul frontespizio ...
Leggi Tutto
Transfert

Freud: nascita del concetto di ‘transfert’

A differenza di Breuer, Freud non fuggì di fronte all'attrazione sessuale che le pazienti manifestavano nei suoi confronti: con sorprendente ...
Leggi Tutto
libera associazione

Freud: dall’ipnosi alla tecnica della libera associazione

Secondo molti studiosi della psicoanalisi, Freud abbandonò l'ipnosi per diverse ragioni: 1. Il richiamo alla mente di ricordi traumatici nell'alterato ...
Leggi Tutto
rimozione

Freud: la ‘rimozione’ spiegata da lui medesimo

Si è molto scritto sul concetto di rimozione in psicoanalisi, da parte di altri autori diversi da Freud, per cui ...
Leggi Tutto
Freud

Freud e il “come se”

Freud e il come se: cosa significa Freud riteneva che, una volta conseguite maggiori conoscenze sulla psiche umana, sarebbe stato ...
Leggi Tutto
rimozione

Origine del concetto di ‘rimozione’

Il termine 'rimozione', nel linguaggio psicoanalitico sta ad indicare un processo inconscio, che consente di escludere dalla coscienza determinate rappresentazioni ...
Leggi Tutto
resistenza nei sogni

Freud: Il mio amico R. e la resistenza nei sogni

Affrontando il problema dell'interpretazione dei sogni, Freud avanzò una supposizione fondamentale, che era una diretta applicazione del determinismo psichico: egli ...
Leggi Tutto
Freud

Freud: nascita del concetto di ‘resistenza’

Freud, nei suoi casi clinici, si rese conto di aver incontrato un ostacolo, una 'resistenza', ogni volta che cercava di ...
Leggi Tutto

La catarsi ed il metodo catartico

'Catarsi' in greco (kàtharsis) significa 'purificazione', ovvero liberazione dell'individuo da una contaminazione o 'miasma', visibile o invisibile, che danneggia o ...
Leggi Tutto
Studi sull'isteria

1895 Studi sull’isteria

Studi sull'isteria: agli albori della psicoanalisi A sinistra: Josef Breuer (foto aeiou) Nel 1895 fu pubblicato il libro ‘Studi sull’isteria’ ...
Leggi Tutto

Lo strano caso di Anna O.

Sopra: Berta Pappenheim, Anna O. (1880 circa) Il caso Anna O. è l’inizio di qualsiasi storia della psicoanalisi. E' così ...
Leggi Tutto
determinismo psichico

Il Determinismo Psichico in Freud

Il determinismo psichico in Freud Il ‘determinismo psichico’ è alla base della costruzione psicologica di Freud, che può pervenire a ...
Leggi Tutto
Freud tradiva la moglie

Freud tradiva la moglie con la cognata

Come si sa, Freud era sposato con Martha Bernays, nata il 26 Luglio1861 e morta a novanta anni, il 2 ...
Leggi Tutto

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona Civitanova Marche, Fabriano
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Scrive in un Blog sull'Huffington Post


Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti

Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche Fabriano e via Skype
Tweets di @gproietti

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierla come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

One thought on “L’interpretazione dei sogni: un’autobiografia in maschera di Sigmund Freud”

  1. Non è un sogno frequente, nè casuale. Ma mi succedeva dopo una masturbazione erotico-libidinosa. Mi trovavo in una fabbrica abbandonata; il che non mi turbava ma, volevo uscirne fuori. Allora come per sfida cominciai a volare e come Superman mi piombai contro un muro, sfondandolo. Ovviamente con mia somma meraviglia. Oppure: mi trovavo in una vallata, di notte. Ma non era una semplice vallata, ma come una vallata fiabesca. Ecco l’occasione per provare i miei poteri, pensai nel sogno. Ecco darmi una spinta verso l’alto come se dietro le mie spalle avessi dei razzi. E così presi il volo senza mai fermarmi; come se fossi un ricognitore. Che senso ha tutto ciò? Ciao da Foxie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.