L’origine della musica umana

L'origine della musica umana

L’origine della musica umana

Costo: 60 euro/ Durata: 1 ora/ Frequenza: da definireDr. Walter La Gatta

Da dove trae origine la musica umana? L’argomento è stato oggetto di un intenso dibattito tra filosofi, scienziati intellettuali e naturalisti. Ora i ricercatori del Max Planck Institute for Ornithology di  Seewiesen (Germania) e del Cornish College of the Arts di Seattle , negli USA , hanno da poco fatto una sorprendente scoperta, trovando delle analogie tra la musica umana e il canto di un piccolo uccello marrone che vive nella regione amazzonica (Uirapuru o Cyphorhynus arada). Questo uccello infatti  preferisce degli intervalli consonanti ad altri dissonanti  e le sue consonanze sono perfette ( ottave , quinte e quarte giuste ) che possono a tutti gli effetti somigliare ad accordi tipicamente umani.

A31/A10

Questa scoperta è dovuta alla compositrice e  musicologa Emily Doolittle e al biologo Henrik Brumm: gli studiosi hanno trovato dei passaggi nel canto dell’uccello amazzonico, che possono perfino somigliare alle composizione di Bach e Haydn (in particolare la melodia iniziale del secondo movimento della Sinfonia 103 di Joseph Haydn e l’inizio della Fuga XX in la minore del “Clavicembalo ben temperato” di Johann Sebastian Bach.

SEGUICI SU FACEBOOK
Psicolinea


→ Pagina Facebook Professionale Dr. Giuliana Proietti
Pagina Facebook Professionale Dr. Walter La Gatta

Lo studio, da poco pubblicato, rivela inoltre che il cinguettio dello
” Uirapuru ” è simile a molti accordi di musica brasiliana. (Come quella del compositore Heitor Villa- Lobos, il quale scrisse un poema sinfonico nel 1917 chiamato proprio ” Uirapuru “). Altri uccelli canori non hanno prestazioni simili: mancano infatti gli intervalli armonici.

Nello studio, Doolittle e Brumm hanno testato 91 ascoltatori umani , chiedendo loro di confrontare successioni di brani tratti da melodie dell’uirapuru e brani generati al computer, in cui i contorni e le durate sono rimasti gli stessi, ma gli intervalli sono stati lievemente alterati . I risultati sono stati chiari : gli ascoltatori umani hanno considerato le scelte di intervallo degli uccelli più “musicali” .

“I nostri risultati spiegano perché questa specie di uccello gioca un ruolo di primo piano nella mitologia e nell’arte. Tuttavia , ciò non significa che il canto degli uccelli , in generale, sia costruito come una musica umana. Ci sono circa 4000 specie diverse di uccelli canori e ognuno ha il suo modo di cantare. Alcuni non sono affatto musicali “, ha affermato Henrik Brumm , leader del gruppo di ricerca.

Leggi anche:  Storia dell'omosessualità nel mondo occidentale

Rimane ora da capire se e come questi uccelli percepiscano gli intervalli musicali e come pensino di strutturare le loro melodie: l’argomento potrebbe essere un ottimo soggetto per ulteriori studi. La percezione degli intervalli ed altri aspetti della musica umana da parte di animali non umani sono di notevole importanza per comprendere l’origine della musica umana.

Dr. Walter La Gatta

Costo: 60 euro/ Durata: 1 ora/ Frequenza: da definire
WLG Tecniche di Rilassamento Ipnosi

Ascolta

Fonte:

I’m singing in the rainforest, Max Planck
Immagine:
Pexels

Seguici su Facebook

Costo: 60 euro/ Durata: 1 ora/ Frequenza: da definire



20+ anni di Psicolinea:
Informazioni, Ispirazioni e Supporto

Psicolinea 2001-2021

YouTube player

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *