Lucian Freud, il più pagato artista vivente (video)

Lucian Freud

Lucian Freud, nipote di Sigmund

Notizia del 15-05-2008: è stato venduto all’asta un quadro per la bella somma di 34 milioni di dollari (per la precisione 33,6, circa 22 milioni di euro), stabilendo il nuovo record mondiale per un artista vivente?

Il quadro, dipinto nel 1995, si chiama ‘Benefits supervisor sleeping’ (‘L’ispettrice dei sussidi addormentata’) e raffigura una donna distesa su un sofà, a grandezza naturale. I rotoli di grasso della cinquantunenne Sue Tilley sono una vera e propria sfida che fa l’artista ai canoni della bellezza femminile.

Ma quello che qui ci interessa approfondire è la vita e l’opera dell’autore del quadro: l’ottantacinquenne Lucian Freud, che qui a sinistra vediamo in un autoritratto.

Lucian Freud AutoritrattoFiglio di uno dei figli di Sigmund Freud (l’architetto Ernst Freud), Lucian è nato a Berlino nel 1922. Vive a Londra dal 1933 quando, per sfuggire alle persecuzioni razziali, la sua famiglia scelse di allontanarsi dalla Germania e di trasferirsi in Inghilterra. Freud è divenuto cittadino britannico nel 1939 e viene considerato un pittore di culto dopo una grande mostra tenuta a Washington nel 1987. Freud è ormai considerato con David Hockney uno dei più grandi pittori inglesi viventi.

I soggetti scelti dall’artista sono quasi sempre parenti, amici o persone a lui vicine. Lucien Freud fa rimanere in posa i suoi soggetti per molte ore di fila. Per realizzare un’opera impiega un anno per un dipinto e diversi mesi per un’acquaforte.

Nei suoi quadri si riconoscono la madre Lucy, la figlia Bella (oggi affermata stilista di moda), ma anche il levriero Pluto a cui era molto affezionato. L’artista spiega:” Descrivo me stesso ed il mio ambiente, le persone a cui voglio bene, le mie stanze e ciò che conosco“.

Per dipingere il quadro della Big Sue, come viene chiamata la modella del suo quadro più famoso, ci sono voluti nove mesi di lavoro, posando due o tre volte alla settimana. Sue Tilley, la modella, ha dichiarato alla BBC di aver ricevuto per questo lavoro 20 sterline al giorno, più ‘ottimi pranzi’.

Il critico Richard Dorment, sul Daily Telegraph sostiene, in sintesi, che “la bravura di Freud non è tanto nello stile pittorico, ma nel modo in cui egli si relaziona con la sua modella, nel modo in cui reagisce a lei, in quello che sceglie di raccontare al mondo di lei (ed anche di sé stesso). Le figure ritratte da Freud sono quasi come delle nature morte, come delle pitture di animali, anziché ritratti di esseri umani. I suoi quadri – continua Dorment – non ci raccontano la personalità delle sue modelle, ma il loro corpo, le loro pose. Inoltre, Freud sembra creare nell’osservatore la sensazione di assistere ad una seduta psicologica, dove c’è un vecchio psicoanalista e la sua paziente”.

I soggetti che preferisce sono persone umili, ladri, impiegate, oggetti di vita quotidiana, discariche, mazzi di fiori mezzi appassiti, cavalli e cani. Tra le sue opere più famose c’è un ritratto della regina Elisabetta: la somiglianza c’è, ma come tutti gli altri ritratti, i lineamenti sono alterati. Un’altra opera famosa è quella che Freud ha realizzato qualche anno fa, in cui ha rappresentato Kate Moss incinta.

Fonti:
Adn Kronos
Le Figaro (foto)
L’Espresso (foto)
BBC News
Ciao.it

Per finire vi presentiamo questa stupenda raccolta dei suoi dipinti tratta da You Tube:

Aggiornamento 2017: Lucian Freud è morto nel 2011

Mix

Psicolinea ti consiglia anche...

L'ultima nascita - Recensione
L'ultima nascita - Recensione
Leggi anche:  La sessualità ed il Freudomarxismo: Reich e Marcuse
Con un bellissimo...
Freud scoraggiò la figlia Anna...
Freud scoraggiò la figlia Anna dal corteggiamento ...
Freud e la cocaina
FREUD E LA COCAINA La cocaina prima di Freud ...
La "donna che si immerse nel c...
Un romanzo sull'autismo altamente funzionale. I...
David Brooks: l'animale social...
Nel suo nuovo libro,The Social Animal: The Hidden ...
Linguaggio verbale
LINGUAGGIO VERBALE Quali sono gli scopi del lin...
Il mestiere del giornalista: i...
Il mestiere del giornalista: intervista a Roberto ...
Lo studio dell'omosessualità a...
Lo studio dell'omosessualità agli albori della ses...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *