papà

Gentile Dottoressa,sono una mamma disperata. Premetto che mio marito, padre del mio bambino di 2 anni e tre mesi, è una bella persona, è un padre premuroso e presente, so che non è poco. Lo stretto legame creatosi tra mio figlio e mio marito mi ha spesso fatto provare un senso di estraneità, ho cercato di comportarmi da persona matura,reputandolo una fortuna, anche se non sempre è stato facile. Lavorando molto,non posso dedicare a mio figlio molte ore della mia giornata, ma ho sempre cercato, credevo con successo, di rendere il nostro tempo condiviso un tempo di qualità, dedicandomi a lui, ai suoi interessi e al gioco. Mio marito dedica più o meno lo stesso tempo a mio figlio.La situazione attuale, però, presente ormai da oltre un mese, mi ha gettato nel più completo sconforto. Il mio bambino mi rifiuta completamente, rufiuta la mia stessa presenza. Durante l’arco della giornata, quando si trova a casa dei nonni, cerca disperatamente il padre con crisi di pianto che durano ore. La stessa cosa succede la sera, quando in casa ci sono io. Cerca solo il papà, mi caccia, mi dice che sono cattiva, che non mi vuole…è terribilmente frustrante e mi rendo conto che, seppur sbagliando, divento bambina a mia volta. Mi sento completamente fallita e non riesco più a vivere serenamente, scoppiando a mia volta, in crisi di pianto che mi fanno sprofondare sempre di più. Mi sento disperata, non posso e non voglio rinunciare all’amore di mio figlio. Per favore, come devo comportarmi? Cosa può essere la causa di questo rifiuto? E quale dovrebbe essere la reazione corretta di mio marito di fronte a questa richiesta d’amore a senso unico?La ringrazio di cuore in anticipo.E.

Cara E.,

Come lei dice, è una bella fortuna che suo figlio possa godere della compagnia dei nonni e del padre anziché di quella di un’anonima babysitter, e dunque il fatto che manifesti nei loro confronti un legame di affetto e di attaccamento è naturale e positivo.
Quanto a lei, mi sembra di leggere fra le righe un forte senso di colpa per il fatto di dover lavorare molto e di poter offrire al suo bambino poco del suo tempo.
Del resto, lei ha compiuto una scelta quando ha deciso di non voler essere una tradizionale madre a tempo pieno: scegliere significa optare per un’alternativa anziché per un’altra; significa ‘prendere’ qualcosa, ma allo stesso tempo ‘lasciare, rinunciare’ a qualcos’altro.
Non creda alla storia del ‘tempo di qualità’: la vera ‘mamma’, specialmente nei primi anni di vita, non è chi ha partorito quel figlio, ma chi se ne prende cura, chi lo cresce giorno per giorno.

Del resto, se lei ha scelto di lavorare, l’ha fatto sicuramente anche per il benessere di suo figlio, della sua famiglia: è un modo diverso di dare, che otterrà i suoi riconoscimenti, ma in un tempo futuro, quando suo figlio potrà comprendere il valore personale di una madre che si è molto spesa per dargli un avvenire migliore.

Lasci dunque da parte le sue gelosie, i suoi sensi di colpa: assuma un atteggiamento più ‘maschile’, che è quello di volere bene al figlio e di prendersi cura di lui, anche senza essere una figura di particolare riferimento, almeno in questo momento. Non tenti di imporsi con la forza, ma con la tenerezza, con l’affetto di una mamma che vuole bene al suo bambino e che lo perdona e lo ama anche se qualche volta lui non capisce cosa fa e cosa dice: ha solo due anni! Crescerà…

Dott.ssa Giuliana Proietti Ancona

GUARDA LA NOSTRA PLAYLIST CONSULENZA RADIO LINEA


About

Interviste

MEDIA & SOCIAL MEDIA – Interviste, Articoli, Contributi

Interviste, Articoli, Contributi LA NOSTRA PRESENZA SU MEDIA E SOCIAL MEDIA Pagina in Continuo Aggiornamento VIDEO Ultime partecipazioni a trasmissioni ...
Leggi Tutto
sostegno psicologico a distanza

Sostegno Psicologico a Distanza

Per ricevere sostegno psicologico distanza: Contattare i terapeuti di Psicolinea Servizio a pagamento Scrivere a staff@psicolinea.it per info La psicoterapia ...
Leggi Tutto
SERVIZI GRATUITI DI PSICOLINEA

Servizi gratuiti di Psicolinea

SERVIZI GRATUITI E' possibile chiedere  una consulenza gratuita ai Terapeuti di psicolinea.it !  CONSULENZA GRATUITA VIA TELEFONO: Sempre e Solo ...
Leggi Tutto
Psicolinea - Consulenza privata a distanza

Consulenza psicologica privata

RICHIESTA DI CONSULENZA PSICOLOGICA PRIVATA  Richiedi una Consulenza personalizzata in forma scritta, a casa tua (Servizio a pagamento) Le richieste ...
Leggi Tutto
Consulenza psicologica gratis e a pagamento

Consulenza psicologica gratis e a pagamento | Ancona – Terni – Civitanova Marche – Fabriano

CONSULENZA PSICOLOGICA GRATIS E A PAGAMENTO Ancona - Terni - Civitanova Marche - Fabriano Associati a Federazione Italiana Sessuologia Scientifica ...
Leggi Tutto
Terapeuti

9 Ragioni per sceglierci come Terapeuti | Ancona, Terni, Civitanova Marche, Fabriano

Perché scegliere il nostro studio Professionale? Vi presentiamo 9 ragioni per farlo... I terapeuti dello studio Ellepi Associati offrono servizi ...
Leggi Tutto
psicologia psicoterapia sessuologia

Tutorial uso Forum Consulenza

Come fare richiesta di Consulenza psicologica - sessuologica gratuita sul Forum di Psicolinea 1) Arrivando sul Forum della Consulenza online, ...
Leggi Tutto
prima volta

Prima volta su Psicolinea ? Ci presentiamo…

Salve, prima volta su Psicolinea? CI PRESENTIAMO: Come puoi immaginare dal titolo, in questo Sito si parla principalmente di PSICOLOGIA ...
Leggi Tutto
psicoterapia

Terapeuti di Psicolinea: Psicoterapia a Ancona, Terni, Civitanova Marche Fabriano

Cerchi un terapeuta? Prendi in considerazione il nostro Studio Professionale. Lo studio Ellepi Associati è uno Studio Associato che offre ...
Leggi Tutto

ABOUT: Chi siamo, Cosa facciamo

About PSICOLINEA: CHI SIAMO, COSA FACCIAMO Tutte le info che cercavi su in una sola pagina! About... I Terapeuti di Psicolinea ...
Leggi Tutto

Contatti – Chiama ora!

CONTATTI CON I TERAPEUTI DI Dr Giuliana Proietti - Dr. Walter La Gatta Psicoterapeuti Sessuologi Associati alla Federazione Italiana di ...
Leggi Tutto
Archivio storico consulenza online

CONSULENZA ONLINE Psicolinea anni 2001-2011 e anni 2012-2018

CONSULENZA ONLINE Info per la Consultazione Sin dalla prima pubblicazione di Psicolinea, nel 2001, tramite il software della Microsoft Front ...
Leggi Tutto

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona e Terni)
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Scrive in un Blog sull'Huffington Post


Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti

Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche e via Skype
Tweets di @gproietti

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierla come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

2 thoughts on “Mio figlio preferisce il papà – Consulenza on Line”

  1. Spett.le Redazione, rimango allibita di fronte alla risposta della Dott.ssa Proietti Ancona.
    Mi sento chiamata in causa perchè per certi versi vivo la stessa esperienza della lettrice…..
    Ma come è possibile pensare che al giorno d’oggi il lavoro sia una scelta? Il lavoro è una NECESSITA’! E certo che una mamma si sente in colpa…..e tanto anche! Le donne lavorano perchè in casa servono due stipendi. La risposta della dottoressa non fa altro che aggravare anzichè alleviare il senso di colpa di una mamma.
    Il fatto che il bambino si leghi molto al padre (ma anche alla nonna o alla baby sitter) rifiutando e quasi cacciando la madre, può essere un modo del piccolo di “protestare” contro un’assenza che vive come innaturale. Dire a un genitore “sei cattivo!”, cacciarlo, tenerlo lontano, ignorarlo (atteggiamenti tipici anche di alcuni bambini che vanno all’asilo e si sentono abbadonati) é solo un modo di attirare l’attenzione.
    E magari anche di incapacità a verbalizzare i propri veri sentimenti.
    Grazie se pubblicherete la mia risposta.
    Chiara (MI)

  2. Buongiorno, ho letto la lettera della mamma disperata perchè il figlio la rifiuta e preferisce il papà. Purtroppo mi trovo inuna situazione per alcuni versi analoga in quanto mio figlio ora di 4 anni già da piccolissimo ha mostrato una preferenza per il padre, anche lui molto premuroso. E’ vero che per un periodo lui se ne è occupato di più specie la notte perchè io avevo da fare con la sorellina neonata, ma a differenza della signora io ho preso un permesso per quasi 4 anni proprio per fare la mamma tradizionale, per stare con i miei piccoli. Quindi passo praticamente tutto il mio tempo con loro, sono andati all’asilo solo a due anni passati, senza traumi e per poche ore a settimana, tornando sempre a casa per pranzo, insomma ho cercato e cerco tuttora di dedicare loro tutto il tempo di cui hanno bisogno, ma il bambino pur essendo affettuoso con me, mostra una preferenza per il padre, passando giornate ad aspettarlo e dandomi la sensazione che stare con me sia solo un surrogato della vita vera quella che lui preferisce…. questo mi rende gelosa e alimenta un rancore nei confronti di mio marito da parte mia. Infatti ho l’impressione che lui non faccia nulla per aiutarmi, anzi nei fine settimana organizza il tempo dei bambini in modo tale che io sia esclusa. Cosa posso fare? Soffro molto per questa situazione…. grazie se potrà aiutarmi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.