Ancona, Marche, Italy
0039 347 0375949
psicolinea@psicolinea.it

Nuovi trattamenti per il disturbo borderline

Sito di psicologia, online dal 2001

Created with Sketch.

Nuovi trattamenti per il disturbo borderline

disturbo borderline

Una forma intensiva di terapia della parola, conosciuta in inglese come transference-focused psychotherapy (TFP; in italiano psicoterapia focalizzata sul transfert), può aiutare soggetti con disturbo borderline (BPD) riducendo i loro sintomi e migliorando il loro funzionamento sociale. Lo sostiene un articolo sul numero di giugno dell’ American Journal of Psychiatry.

Il disturbo borderline è cronico e disabilitante: riguarda in America l’1% della popolazione; i sintomi interessano le relazioni con gli altri, particolarmente instabili, l’instabilità del tono dell’umore, variazioni caotiche dell’immagine di sé, comportamenti auto-distruttivi e impulsivi (come promiscuità sessuale, abuso di sostanze, gioco d’azzardo). Nel nuovo studio, Mark F. Lenzenweger, professore di psicologia presso la Binghamton University, State University of New York, ed i colleghi del Weill College of Medicine, Cornell University, hanno esaminato tre tipi di psicoterapia: 1. dialectical behavior therapy, 2. supportive psychotherapy, 3. TFP, nuova forma di terapia psicodinamica elaborata da Otto F. Kernberg, co-autore dello studio e professore di psichiatria presso la Weill-Cornell. Questa terapia si concentra sul rapporto fra analista e paziente, focalizzandosi sulle situazioni di più intenso significato emotivo. Sono stati esaminati pazienti con disturbi depressivi, difficile inserimento sociale, comportamenti suicidari, impulsività e varie forme di irritabilità ed aggressività. Dopo un anno di trattamento, i pazienti con disturbo borderline hanno mostrato, con la terapia denominata TFP, un miglioramento in 10 casi su 12.

La TFP “non solo ha ridotto i comportamenti suicidari, ma si è mostrata particolarmente efficace per ridurre i comportamenti aggressivi” ha dichiarato Kernberg , “Siamo lieti dei progressi nello sviluppo empirico di un trattamento psicoanalitico per pazienti borderline che si focalizza sulla personalità, piuttosto che sui soli sintomi, ma che ciò nonostante è riuscito a migliorare anche i sintomi.”Lo studio ha riguardato anche la dialectical behavior therapy (o DBT), che è una terapia di tipo cognitivo. La Supportive therapy è anch’essa di origine psicoanalitico, ma diversa dalla TFP.

“Questo è il primo studio che mette a confronto la DBT, considerato da molti il trattamento standard con due trattamenti psicodinamici” ha detto John F. Clarkin, autore dello studio e professore di psicologia clinica presso la Weill-Cornell. Un’altra implicazione dello studio è che, in ogni caso, tutti e tre i trattamenti studiati hanno prodotto degli effetti positivi, inoltre si è visto che la TFP e la psicoterapia di supporto sono entrambe delle valide alternative alla DBT (‘dialectic behavior therapy’) per il trattamento del disturbo borderline.

Fonte: Binghamton University via Docguide

Dott.ssa Giuliana Proietti Ancona

Please follow and like us:

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
Psicoterapeuta Sessuologa
ANCONA FABRIANO CIVITANOVA MARCHE
Per appuntamenti: 347 0375949 - g.proietti@psicolinea.it

E' possibile anche fissare degli appuntamenti Via Skype.
https://www.psicolinea.it/sostegno-psicologico-distanza/

Per leggere il CV:
https://www.psicolinea.it/dr-giuliana-proietti_psicologa_sessuologa_ancona/

Per vedere dei videofilmati su YouTube
https://www.youtube.com/user/RedPsicCdt

Per la pagina Facebook
https://www.facebook.com/Giuliana.Proietti.Psicosessuologia

Per il Profilo Facebook
https://www.facebook.com/giuliana.proietti.psicologa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error

Ti piace Psicolinea? Seguici anche sui Social ;-)

RSS
Facebook
YouTube
Instagram