partire

salve dott. mi può dare qualche consiglio ,la prego dottoressa,non c’e l’ha faccio più a stare in ansia, da 5 anni ho una relazione con un ragazzo, che sta in india, io da 8 anni che sono in italia,e sto con la mia famiglia, i miei genitori non vogliono che io sto con questo ragazzo, perche è un ragazzo di altezza 1.60, non tanto ricco, cioè i miei genitori vogliono per me un matrimonio combinato, e io questo tipo di matrimonio combinato non voglio fare, e poi io e il mio ragazzo non ci vediamo da 10 anni, però ogni giorno parliamo al telefono, chattiamo, mandiamo l’email, sms e abbiamo passato cosi 5 anni e ancora stiamo tenendo in contatto via computer,telefono cosi via, praticamente io quando ero al mio paese studivo in una scuola dove avevo visto questo ragazzo e lo desiravo , ma mai lo dichiarato, e poi non abbiamo molto tempo per incontraci, ci siamo visti solo qualche volta tramite sual sorella che era la mia migliore amica, poi lui era diplomato e ha cambiato la scuola ,nel frattempo io mi sono trasferita in italia con i miei genitori e ci siamo persi di contatto e non ci siamo sentiti e non ci siamo visti più, dopo 3 o 4 anni lui ha preso il mio numero da cellurare da sua sorella e abbiamo cominciato a contattarci e siamon innamorati tramite sms, ma io lo avevo visto quando ero al mio paese, ora il problema è lui mi vuole vedere da vivo ma io non posso partire perche i miei genitori non approvano la mia relazione, ma il mio cuore dice di partire lo stesso perche pure io lo voglio vedere da vivo ,voglio vedere da vivo i suoi genti,il suo modo di parlare ,cioe voglio sapere in realtà lui come è fatto ma io se non parto non potrò mai sapere lui come è fatto in realta, ma visto che ci teniamon in contatto via telefon da 5 anni ,ho intuito che un ragazzo bravo, mi ama, qualche volta litighiamo anche al telefono, e e poi passano 2 settimane noi non parliamo ma poi ci sentiamo il bisogno di parlarci e dimentichiamo di tutti i litigi che avevamo fatti, il problema è i miei genitori, loro vogliono io lo ora le chiedo secondo lei sarebbe giusto che io partissi lo stesso? lo voglio vedere , sto morendo dalla voglia di vederlo pure lui mi chiede di andarlo a trovare , io penso che una volta che saremmo visti da vivo non soffriremo più di ansie , almeno avremmo la possibilità di vederlo dopo tanti anni, io lo voglio vedere questo ragazzo dal cuore profondo, dottoressa sto soffrendo mentalmente , perche lo penso in continuazione, lo desidero da morire e penso che urgentemente ci dobbiamo incontrarci da vivo se no entrambi soffriamo ancora di più , una volta ci vediamon almeno possiamo prendere qualche decisione che riguardano il nostro futuro, non ce l’ faccio a tenere vivo il nostro rapporto senza vederci da vivo, e poi non non ci riuschiamo neanche a lasciarci sanza vedere da vivo, litighiamo per via di questo in continuazione e poi si vede che non parliamo neanche un mese pero dopo passano qualche settimana ci sentiamo la mancanza e sentiamon il bisogno di parlarci e dopo quando sento la sua voce mi rilasso,mi tranquillizzo, sento che il mio cuore sta in pace, dottoressa non ce l’ha faccio più senza vederlo, oi non parto da sola per via dei miei genitori, io cercato di farli spiegare che io sto soffrendo e mi lasciano partire ma loro non mi danno ascolto addittura mi dicono se parto devo lasciare la casa per sempre,ora dottoressa i miei genitori rifiutano di capirmi oppure mi capiscono come sto male dentro ma fanno finta di non vedermi, e io visto la situazione cosi non posso fare un accordo con i miei genitori ,ho pianificato di partire di nascosto , dirò ai miei che sarò una settimane da una mia amica ,e questa mia amica mi coprirà, e e se i miei genitori mi chamaranno tanto non mi troveranno perche partiro dall,italia all’india ,poi una volta ritornata in italia dirò che a casa avebo dimenticato la carica batteria, dottoressa lei cosa mi consiglia? cosa devo fare secondo? se partire o no? ma il mio cuore non riesce a smettere di pansare a lui ,desidoro vederlo da 5 anni, e devo vederelo per stare tranquilla con me stessa, e poi voglio capire se questa relazione giusto come penso o sbagliato come pensano i miei genitori la prego dottoressa, la supplico mi dica un consiglio ,cosa guisto da fare dottoressa io lo voglio vedere da vivo,lo voglio abbracciare da vivo, voglio capire come mi sentirò mentre lo bacierò,abbraccierò mi aiuta per favore, cosa devo fare? devo seguire la voce del mio cuore o devo ascoltare i miei genitori? la voce del mio cuore è quello di partire e di abbracciarlo.

Gentilissima,
E’ difficile darle un consiglio perché innanzi tutto non conosco la sua età: quanti anni ha? 16, 18, 30? Le cose ovviamente cambierebbero di molto… Non conosco inoltre la sua cultura, le sue tradizioni, il valore che lei attribuisce alla famiglia, cosa si aspetta dal matrimonio, i rischi che correrebbe se mettesse in pratica i suoi piani ecc.

Credo che lei dovrebbe prendere una decisione basandosi sul consiglio di una persona che possa realmente capire come stanno le cose: ad esempio un mediatore culturale, o anche una psicologa cui lei possa raccontare tutti i dettagli della sua storia. Se lei vive in una grande città sicuramente potrà trovare con facilità dei Consultori o dei Centri di Ascolto in cui parlare gratuitamente con persone in grado non solo di ascoltare, ma anche di comprendere, la sua situazione generale.

Per quanto mi riguarda le consiglierei di non partire: non si può mettere a rischio la propria vita per un amore che non è mai realmente esistito e che vive solo di ricordi e di speranze. In ogni caso, se proprio decidesse di partire per l’India, lo faccia solo dopo essersi trovata un lavoro ed essersi messa da parte un po’ di denaro, per non avere più bisogno della sua famiglia.

Cari saluti e molti auguri.

Dott.ssa Giuliana Proietti

Immagine
Pixabay

Please follow and like us:

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona Civitanova Marche, Fabriano
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Scrive in un Blog sull'Huffington Post


Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti

Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche Fabriano e via Skype
Tweets di @gproietti

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierla come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.