mio figlio di 11 anni mi arriva sconvolto perchè con il cugino di 10 hanno voluto “provare” una penetrazione anale a suo carico. prima non vuole dirmi cosa è successo, poi si confida e spiega che ha avuto paura perchè ha provato un pò di dolore. mi rassicura che l’idea è stata dell’altro ma si sente i colpa per aver accettato per gioco. l’ho rassicurato che ciò non aveva conseguenze e si trattava solo di curiosità, ma è realmente così?

Cara signora,

Queste sono le conseguenze di un’esposizione troppo precoce dei bambini alla sessualità. E’ possibile che si sia trattato di un semplice gioco, magari fatto dopo aver visto qualche filmato porno su Internet, o in televisione. Ha fatto bene a rassicurarlo e soprattutto stia ora bene attenta a mantenere aperto questo canale di comunicazione con suo figlio, in modo che sia possibile continuare a ricevere le sue confidenze. Andrebbe però indagato meglio come è stato realizzato questo “gioco”: il cugino ha agito con violenza? Può essersi trattato di un episodio di bullismo? Ha assistito qualcuno? La scena è stata ripresa con un telefonino? Dove è accaduto? Cerchi di capire meglio come è nata la fantasia di fare questo gioco, da chi è partita la richiesta, se suo figlio ha dovuto accettare la parte passiva, o se l’ha proposta lui. Lo lasci parlare dei suoi sensi di colpa e gli parli sempre in tono rassicurante. Detto questo, le consiglierei di sorvegliare con maggiore attenzione (se già non lo fa) l’esposizione di suo figlio alla pornografia: non gli faccia tenere la TV in camera, pretenda che il PC sia collocato in una zona pubblica (es. in cucina). Se possibile, fino a che non avrà capito meglio come sono andate le cose, eviti di lasciarlo ancora solo con questo suo cugino.
Cari saluti.

Dott.ssa Giuliana Proietti Ancona

Please follow and like us:

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona Civitanova Marche, Fabriano
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Scrive in un Blog sull'Huffington Post


Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti

Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche Fabriano e via Skype
Tweets di @gproietti

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierla come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

One thought on “Penetrazione anale per gioco – Consulenza on line”

  1. Mi sembra un tantino esagerata come reazione: dietro i giochi sessuali di adolescenti e preadolescenti non sempre c’è la lunga mano di un pedofilo, ma semplicemente una normale pulsione sessuale che già a quell’età di può avere, specialmente oggi che gli stimoli sessuale non arrivano solo da internet ma anche dalla tele in ora di fascia protetta.
    Un ragazzino di 10 anni smaliziato sa già cos’è un rapporto sessuale, sebbene nella sua visione semplicistica del sesso, e può anche sapere che esiste quello anale (i ragazzini a scuola parlano di cose per cui qualsiasi adulto arrossirebbe soltanto a sentirle).
    In questo caso le proposte sono venute addirittura dal ragazzo più piccolo mi sembra assurdo mette in testa idee di bullismo o soppravvazione, semmai sarebbe da indagare il senso di colpa che porta un ragazzo ad arrivare a confessare alla madre una cosa del genere travalicando ogni soglia del pudore intragenerazionale, si tratta di un senso di colpa instillato forse da convinzioni religiose? si tratta forse di un atteggiamento un po’ troppo morboso di un genitore che investiga un po’ troppo nella privacy di un figlio?
    Per esperienza le dico che certi “giochi” (le virgolette sono giuste perché il ragazzo ha la consapevolezza che non sono giochi ma esperienze, cioè violazioni di un tabù) succedono, e senza bisogno di supervisioni occulte o torbide, ma fanno semplicemente parte del venir fuori della propria sessualità, e anche impedire che si incontrino, non eviterà che certe esperienze risuccedano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.