Programmazione neurolinguistica

La Programmazione neurolinguistica o PNL costituisce uno dei modelli di interpretazione e di studio delle potenzialità umane. Si tratta di una neuroscienza che analizza i diversi livelli di comportamento e di comunicazione dell’individuo, intrapersonali e interpersonali, nonché i processi cognitivi alla base dei comportamenti, delle attività di pensiero e delle emozioni.

La denominazione di Programmazione Neuro Linguistica deriva dalla fusione di tre concetti che costituiscono i fondamenti di questa disciplina:

· Programmazione: esprime il concetto secondo cui è possibile operare scelte di organizzazione di azioni e idee per il perseguimento dei propri obiettivi;

· Neuro: attiene a tutto ciò che riguarda i nostri processi neurologici, come l’uso dei cinque sensi per il reperimento delle informazioni sul mondo circostante;

· Linguistica: attiene allo studio dei processi di comunicazione e di utilizzazione del linguaggio (anche non verbale).

La PNL nasce agli inizi degli anni ’70 dalla collaborazione di John Grinder, allora collaboratore alla cattedra di linguistica dell’Università di Santa Cruz in California, e Richard Bandler, in quel tempo studente di psicologia. I due studiosi analizzano i metodi di indagine e di cura di tre dei più affermati terapisti di quell’epoca (Fritz Perls, ideatore della Gestalt Terapia, Virginia Satir, eccellente nel campo della terapia familiare e Milton Erickson, ipnoterapeuta di fama mondiale) e notano come, nonostante i tre terapisti in questione avessero temperamenti molto differenti, in ambito terapeutico essi utilizzavano modelli di analisi e cura sorprendentemente simili. Dalla codificazione di tali strategie ha origine la PNL, che si basa sui seguenti presupposti:

· “La mappa non è il territorio”: si tratta di una frase che spesso compare sui manuali di PNL, in quanto ne rappresenta l’aspetto principale, ossia la soggettività di ogni essere umano. Ognuno di noi vive una propria realtà, costruita attraverso l’uso personale che fa dei propri sensi, della propria cultura personale, dei propri interessi ed esperienze passate. In base a questi elementi ognuno di noi ha delle specifiche impressioni soggettive su ciò che lo circonda, che quindi non coincidono necessariamente con quelle altrui.

· Per evitare incomprensioni nell’abito delle proprie relazioni, personali e professionali, è importante individuare la “modalità sensoriale” che domina nell’interlocutore, così da adeguare il proprio atteggiamento nei suoi confronti al suo modo di recepirlo. Secondo la PNL esistono 3 “porte della percezione”, in base a cui interpretiamo ogni cosa: visiva, auditiva e cinestesica. La prima è legata al mondo delle immagini e di ciò che si può visualizzare; la seconda al mondo dei suoni, esterni ed interni; l’ultima è legata al mondo delle sensazioni tattili, olfattive e gustative.

· Ogni essere umano ha risorse sufficienti a garantirgli la realizzazione di ciò che maggiormente desidera;

· Non esistono fallimenti, ma solo risultati: fallimento, errore sono solo nomi che attribuiamo alle situazioni. Quando utilizziamo queste esperienze come opportunità per imparare e per reperire il maggior numero possibile di informazioni, accresciamo le nostre possibilità di successo nel nostro futuro.

Essendo basata sul principio del “modellamento” di persone eccellenti, la PNL è oggi la scienza più all’avanguardia ed offre modelli, risorse e tecniche utilizzabili da chiunque voglia avanzare e migliorare in ogni attività umana. Nata come modalità di risoluzione di problemi, ancora oggi essa svolge i suoi migliori benefici. Rapida e risolutiva, pone l’accento sulle risorse delle persone, trasformando il disturbo e liberando la persona dai propri blocchi.

Infatti, la PNL è ottimo aiuto per chi ha, ad esempio, difficoltà a parlare in pubblico. Le tecniche di adattamento del proprio modo di comunicare a quello dell’interlocutore supportano seriamente chi ha bisogno presentare il proprio operato davanti ad una platea con la giusta dose di sicurezza e di padronanza del linguaggio.

Altro campo nel quale la PNL trova terreno fertile è quello della motivazione personale, professionale e sportiva. Coaching, mentoring e counseling utilizzano infatti numerosi elementi di PNL, tra cui è possibile far riferimento all’ancoraggio, ossia una particolare tecnica con cui visualizzare grandi risultati ottenuti in passato associandovi una sensazione di grande carica ed energia, allo scopo di riprodurre uno stato d’animo potenziante ogni volta che se ne ha bisogno.

Ulteriore settore di applicazione è quello dell’apprendimento e della memorizzazione. Numerose sono le tecniche di apprendimento dinamico, lettura veloce e fotografica proposte dalla PNL al fine di sviluppare e migliorare la propria memoria o il proprio rendimento di studi.

In quanto tecnica estremamente versatile, molte altre sono le applicazioni della PNL: dalla psicoterapia alla vendita e al business, al problem solving, alla leadership, al benessere e alla salute, nonché alla riduzione dei fraintendimenti con amici, colleghi, partner e familiari.

Alla luce di quanto osservato, si può certamente affermare che questa neuroscienza, se usata correttamente, è realmente in grado di consentire a ciascuno di noi il raggiungimento di vette molto elevate, in ogni ambito della nostra vita.

Alessandro Di Priamo

Psicolinea.it © 2001-2005

Please follow and like us:

Author Profile

Dr. Alessandro Di Priamo
Alessandro Di Priamo si occupa di risorse umane dal 1995 come formatore, consulente e Personal & Business Coach. Ha all’attivo circa 500 giornate d’aula, per una media di 60 appuntamenti formativi erogati ogni anno. La sua attività di trainer poggia su una formazione approfondita in Pnl, Motivazione e Sviluppo Personale, Team Building, Comunicazione e Raggiungimento delle peak performances (massime prestazioni); possiede il Diploma di Pratictioner e Master Pratictioner in Programmazione Neuro-Linguistica (PNL); nel 1994, a Londra, ha partecipato alla 1° edizione europea del celebre seminario “Sprigiona il Potere dentro di Te”, di Anthony Robbins - trainer motivazionale per antonomasia. Corsi e specializzazioni in Analisi Transazionale, Ipnosi Conversazionale, Time Management e nel Coaching.
Tra le aziende per cui ha curato percorsi formativi:, Kiron, Renault Italia S.p.a., Ina Assitalia, Forum Sport Center, Tecnocasa S.p.a., San Paolo, Reno Motor Company Bologna, Nissan Italia, Universo Assicurazioni, Banca delle Marche, Fintech S.r.l.
Alessandro Di Priamo è uno dei Trainer di Hi Performance, da 10 anni società leader nel settore della formazione e dello sviluppo delle risorse umane.

sito web: www.hiperformance.it;
email: info@hiperformance.it;
tel: 06.36005152

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.