rapporti sessuali
Share Button

Rapporti sessuali: quale è la giusta frequenza?

Il sesso nel matrimonio non è mai stato sentito come un problema sociale : per questo non sono state fatte molte ricerche sull’argomento prima degli anni novanta del secolo scorso.

I primi studi di Kinsey e collaboratori (Sexual Behaviour in the Human Male, 1948 e Sexual Behaviour in the Human Female, 1953) hanno misurato soprattutto la frequenza dell’attività sessuale nella coppia in relazione alla fertilità e alla qualità percepita della relazione matrimoniale, senza tener conto dell’età.

Il fattore età è invece importante perché, con il crescere dell’età decresce anche l’attività sessuale dei partners. Il fenomeno sembra essere legato a fattori psicologici e biologici del processo di invecchiamento.

Call ed altri (The incidence and frequency of marital sex in a national sample, Journal of Marriage and the family, 57, 1995) hanno messo in evidenza come la frequenza dei rapporti sessuali diminuisca in maniera indirettamente proporzionale alla durata del matrimonio: più si sta insieme, meno si fa sesso. Il motivo è l’assuefazione allo stesso partner.

Vivere insieme è un altro fattore che determina un calo della frequenza dei rapporti sessuali in una coppia (LaumannE.O., Michael R.T., Michaels S., The social organization of Sexuality: Sexual practices in the United States, University of Chicago Press, 1994).

Dott.ssa Giuliana Proietti Ancona

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona e Terni)
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Scrive in un Blog sull'Huffington Post


Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti

Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche e via Skype
Tweets di @gproietti

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierla come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

6 thoughts on “Studi sulla frequenza dei rapporti sessuali”

  1. sono sulla stessa barca dell’ultimo Anomino: io 37 anni, lei 29, conviviamo da 4 anni, si tromba 1 volta ogni 30-40 giorni, anche se io mi accontenterei di farlo 1 volta a settimana (giusto per andarle incontro).
    Lavoriamo anche insieme: può essere un motivo del suo calo del desiderio?
    Tra l’altro io sono affettuoso, mi tengo in forma, il mio lavoro mi piace… però capita (dopo circa 1 mese che non lo facciamo) che divento un po’ nervoso e magari “non la cago” molto, e allora “TAAK”, le viene la voglia.
    Poi però ci sono gli effetti collaterali: se non lo faccio per 40 giorni, appena ti tocco vengo subito, e lei ovviamente no. Però sembra che a lei non interessi, infatti se capita che vengo subito, poi le dico:”ehm, dai amore, tra mezz’oretta lo rifacciamo?” e lei:”no, non ‘fa niente” E QUESTO MI MANDA IN BESTIAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA!!!!!!!!!
    Non ho mai pensato di tradirla, ma a volte penso che sicuramente lo farò, prima o poi… giusto per svuotare le palle ogni tanto (scusate se sono così diretto, ma so che non vi scandalizzate).

  2. ok noi siamo sposati io 34 lei 33 anni. IO vorrei 2/3 volte a settimana, per lei va bene 1 al mese. Cambio moglie o trovo un’amante………

  3. come ti capisco!..stiamo insieme da 4 anni.il mio lui ha 35 anni…io 24 lui lavora e io studio….pare sia stressato e non ha mai voglia di intimità…..stiamo insieme una volta ogni settimana, o due o una ogni due…a volte sembra che ignori il tutto per più tempo….se siamo in vacanza lo facciamo più volte al giorno.mi soddisfa.ma mi rifiuta anche.e spesso.ed è mortificante.lui vanta un ottima intesa sessuale….e se gli parlo è peggio perchè il tutto perde naturalezza.è frustrante, è vero.e mi manda in bestia sentirmi desiderata da molti altri uomini ma lui…..non so..è pigro? è stressato?è preso da altro?da un’altra?forse è la differenza d’età o di stile di vita?….abbiamo sempre parlato di tutto ma se acceno a qlc su qst argomento si innervosisce…………non so che fare.forse il luogo comune sugli uomini che hanno un desiderio maggiore di noi donne non aiuta…………..

  4. Prendetevi una vacanza e ti renderai conto se è colpa dello stress, il tuo e il suo. Se è colpa dello stress in vacanza vi passa, se non centra lo stress… forse centra qualcun’altra? Mah .. chissà. In bocca al lupo

  5. Salve,
    sono fidanzata da quasi due anni e la diminuzione della frequenza dei rapporti sessuali con il mio partner mi manda ogni giorno in crisi. La nostra media è di 2 volte a settimana. Io ho 27 anni lui 30 e non viviamo insieme.
    Lui conduce un lavoro stressante ed io sono stressata dalla ricerca di averne uno. Però alla fine il risultato è che io lo desidero ogni giorno più della prima volta, mentre lui è spesso stanco e mi fa capire che non ha voglia. per me questa situazione è frustrante, mi genera insicurezza. Mi sento invecchiata e meno bella di qualche anno fa. Lui non è un tipo freddo ma diciamo che i complimenti devi tirarglieli di bocca. Poi ultimamente lo stress del suo lavoro lo prende come lui non immagina e non crede. Mi bacia poco, mi abbraccia di rado e così ha finito per non farmi sentire più attraente. Alcune volte durante l’intimità devo scacciare il pensiero che mi stia facendo un piacere. Ormai mi sono convinta di non piacerli fisicamente. Sono davvero disperata. Ho provato tantissime volte a parlargli, ma lui reagisce o colpevolizzandosi, oppure innervosendosi e accusandomi di essere paranoica e di farmi problemi assurdi.
    In ogni modo il problema non si risolve. Per lui non c’è nulla che non va e vanta un’ottima intesa sessuale di coppia. non mangio più rilassata perché ho paura di ingrassare e non piacerli davvero più. Non so come fare. Forse sono io il problema? Lui mi parla di matrimonio, io devio il discorso. come possiamo pensare di passare una vita insieme se dopo neanche due anni di fidanzamento si registra un calo della libido e una quotidianità grigia che fa paura? Quando saremo sposati e vivremo sempre insieme cosa accadrà? Poi con l’arrivo dei primi figli come faremo ci dimenticheremo che siamo coppia?
    Sono insoddisfatta ma lo amo tanto. Cosa mi consiglia di fare?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.