Ancona, Marche, Italy
0039 347 0375949
psicolinea@psicolinea.it

Susan Sontag

Sito di psicologia, online dal 2001

Created with Sketch.

Susan Sontag

Susan Sontag

Susan Sontag, è stata una delle più influenti intellettuali americane della generazione attiva negli anni sessanta. Ha scritto 17 libri tradotti in 32 lingue, girato quattro cortometraggi; si è occupata di arte, diritti umani e del movimento femminista.

Nella sua ricerca intellettuale ha esplorato anche sentieri poco battuti, come l’analisi della letteratura pornografica, l’estetica fascista, il trash presente nella cultura popolare. Fino alla morte, avvenuta a New York il 28 dicembre 2004, all’età di 71 anni, la Sontag è stata sempre un tipo giovanile, esile, con capelli lunghissimi.

Susan Rosenblatt nacque a New York City il 16 gennaio del 1933, da una famiglia ebrea composta da Jack Rosenblatt e Mildred Jacobsen. Jack, un commerciante di pellame ebreo, morì in Cina di tubercolosi polmonare durante l’invasione giapponese, quando Susan aveva cinque anni. La madre di Susan, che era alcolizzata, si risposò sette anni dopo con il Capitano Nathan Sontag, e Susan e la sorella Judith presero il cognome del patrigno.

Susan Sontag era molto dotata intellettualmente: a tre anni aveva già imparato a leggere, a 15 anni (1948) poté lasciare la sua città, Tucson, ed entrare alla University of California, a Berkeley. Dopo un anno si trasferì alla University of Chicago. Prese una laurea breve in Arte. A 17 anni si sposò con il ventottenne Philip Rieff, un professore di sociologia. La Sontag si trasferì con Rieff a Boston e continuò i suoi studi ad Harvard, dove si laureò in filosofia.

Da questa unione con Rieff, conclusasi nel 1950, nacque il figlio David Rieff, che in seguito divenne anche lui scrittore ed editore dei libri della madre.

Nel 1957-58 la Sontag studiò anche presso l’Università di Parigi.

A 30 anni (1963) Susan Sontag cominciò la sua carriera di scrittrice di successo scrivendo la prima novella, IL BENEFATTORE, nella quale il protagonista, Hippolyte, cerca di fare di tutto per far somigliare la sua vita reale a quella dei suoi sogni. Il tormentato protagonista del racconto alla fine trova un suo equilibrio nella scelta di vivere in silenzio.

Nel 1964 la Sontag scrisse il saggio Notes on Camp, nel quale esaminava l’estetica omosessuale e lanciava la moda della rivalutazione estetica della cultura popolare di bassa qualità, alla luce del motto : ‘più è brutto, più è bello’.

Nel 1967 scrisse DEATH KIT : come nel Benefattore, il protagonista non riesce sempre a distinguere fra sogno e realtà.
Nel 1968 volle spiegare cosa pensava dell’arte: scrisse AGAINST INTERPRETATION AND OTHER ESSAYS (1968), nel quale sosteneva che l’interpretazione dell’arte comincia da una risposta intuitiva e non dall’analisi dei dettagli, o da considerazioni intellettuali.

In THE STYLE OF RADICAL WILL (1969), la Sontag affrontò i temi della droga, della pornografia, del cinema, dell’arte moderna e del cinema.

Nel saggio ON PHOTOGRAPHY (1976) un libro assolutamente privo di fotografie, la Sontag studiava la forza della immagini fotografiche che sono continuamente inserite fra l’esperienza e la realtà, sostenendo che le parole raccontano la verità molto meglio di quanto possa fare la fotografia.

La Sontag diceva della sua attività di scrittrice: ‘Ciò che scrivo è diverso da me. Ciò che scrivo infatti è più brillante di me. Perché posso riscriverlo’ e precisava che nei suoi lavori non c’era altro che arte e che non c’era niente da capire, se non vivere l’opera come un qualcosa a sé stante. ‘Le mie opere’ diceva, ‘non sono saggi sul mondo, ma oggetti che sono nel mondo… ‘

Nel 1978 pubblicò ‘La malattia come metafora’ (ILLNESS AS METAPHOR) scritto dopo un trattamento per guarire dal cancro. Nel libro sosteneva che, sebbene la malattia in generale e il cancro in particolare, siano spesso intesi metaforicamente come una sorta di punizione, la cosa migliore da fare è resistere a questo genere di pensiero e alla stigmatizzazione perpetrata dalla coscienza comune sul malato di cancro. Newsweek descrisse questo libro ” tra i migliori libri del nostro tempo, un libro che può aiutare le persone a liberarsi”.

Nel 1979 fu nominata Membro dell’American Academy.

Nel 1980 la Sontag iniziò una relazione con la fotografa Annie Leibovitz che durò fino alla morte di quest’ultima. Sebbene della sua vita privata si sappia molto poco, in un’intervista al New York Times fu la stessa Sontag ad ammettere pubblicamente di essere bisessuale.

Dal 1987 al 1989 fu Presidente dell’ American Center of PEN, l’organizzazione internazionale di scrittori dedicata alla libertà d’espressione in letteratura: in questa veste la Sontag condusse varie campagne in favore degli scrittori perseguitati e imprigionati per motivi d’opinione.
Il saggio AIDS AND ITS METAPHORS uscì nel 1988 : si tratta di una revisione ed ampliamento del primo libro sul cancro come metafora. Se il cancro era una metafora della punizione divina per chi, in qualche modo, aveva agito in modo trasgressivo nei confronti delle consuetudini, la nuova malattia individuata in quel periodo, l’AIDS, lo era ancora di più, in quanto l’uomo della strada vedeva in questa malattia un modo per scontare i propri errori.

Nel 1992 ricevette in Italia il premio Malaparte.

Durante la guerra in Bosnia, la Sontag fu spesso a Sarajevo, fra il 1993 e il 1996, dove scrisse il famoso saggio ‘Perché siamo in Kossovo’, nel quale giustificava la guerra di Bosnia, perché, diceva la Sontag, la missione americana non aveva l’obiettivo di occupare la Jugoslavia, o costruire una base militare a Belgrado. A Sarayevo, praticamente sotto le bombe, mise in scena Aspettando Godot, di Beckett e per questo fu fatta cittadina onoraria di quella città.

Nel 1992 pubblicò THE VOLCANO LOVER, che divenne un best seller mondiale. La trama era ambientata nel diciottesimo secolo e descriveva la storia fra il cinquantaseienne Sir Wlliam Hamilton e la sua giovane moglie Lady Emma Hamilton.
Nel 1999 fu nominata Commandeur de l’Ordre des Arts et des Lettres dal Governo Francese (in precedenza era stata nominata Officier per lo stesso ordine).

Il romanzo IN AMERICA (1999) è invece basato su una storia vera di un’attrice, Maryna Zalewska che viaggia nel 1876 con la sua famiglia verso la California in cerca di un’utopica ‘comune’, che poi fallisce e permette a Maryna di tornare con successo sulle scene. Il libro ricevette nel 2000 il National Book Award , uno dei più prestigiosi premi letterari statunitensi. Nel 2001 ricevette il Premio Gerusalemme, che viene dato ogni due anni a scrittori che esplorano la libertà dell’individuo nella società.

Dopo l’11 Settembre la Sontag assunse una posizione molto critica nei confronti del governo americano. Nella sua ricostruzione dei fatti l’America, dopo la caduta dell’impero sovietico, aveva bisogno di un nuovo nemico, possibilmente transnazionale, per poter giustificare la presenza delle basi americane in tutto il mondo.

Si pensò, secondo la Sontag, dapprima alla scusa della droga, nemica di tutti, ma l’influenza non andava oltre la Colombia, le Filippine, l’Afghanistan. L’11 settembre per la Sontag è stato il più grande regalo che si sarebbe potuto fare all’ amministrazione Bush: a differenza della produzione della droga infatti, altamente localizzata in determinati paesi del mondo, il terrorismo può risiedere ovunque.

La scrittrice si attirò molte polemiche quando sostenne che i terroristi dell’attacco agli Stati Uniti dell’11 Settembre potevano essere definiti in qualsiasi modo, ma non certo ‘codardi’, come faceva la stampa americana, dal momento, diceva la Sontag, che per fare ciò che avevano fatto ci voleva sicuramente un grande coraggio.

Saddam Hussein per la Sontag era certamente un mostro, un dittatore di prima classe, ma la scrittrice rimaneva dell’opinione che il vero motivo del conflitto fosse l’interesse americano ad avere basi militari permanenti in Iraq ed esercitare il controllo sul petrolio. George W. Bush – dichiarò in un intervista – è più sanguinario dell’imperatore Augusto: può essere definito un barbaro, ma è un gran furbo.

Nella sua analisi, il grande potere mondiale degli Stati Uniti si basa su tre convinzioni del popolo americano: che gli Stati Uniti non sbagliano mai; che gli Stati Uniti non possono perdere; che gli Stati Uniti sono sempre bravi, fanno sempre le cose giuste. Ed in America, secondo la Sontag, c’è il mito dell’innocenza eterna degli Stati Uniti, che non si può violare.
L’ultimo libro di Susan Sontag, ‘Davanti al Dolore degli Altri’ era dedicato alle foto di guerra e alle sofferenze della popolazione civile irachena, coinvolta negli attacchi bellici.

Il 12 Ottobre 2003 la Sontag ricevette il premio per la Pace dei librai tedeschi alla Fiera di Francoforte.

La Sontag è morta il 28 Dicembre 2004 in seguito a complicazioni dovute ad un’acuta leucemia. Nella sua vita aveva combattuto con diverse forme di cancro, incluso il cancro alla mammella e una rara forma di cancro all’utero. Oltre alle lotte per i diritti civili dunque, la sua vita è stata soprattutto una lotta per la sopravvivenza.

Psicolinea.it © 2001-2012

Imm. Foundation Susan Sontag

Rosalind Franklin

Rosalind Franklin: una insopportabile ingiustizia scientifica

La storia di Rosalind Franklin può sicuramente illuminare la riflessione sul perché le scienziate siano molte meno dei loro colleghi ...
Leggi Tutto
Bruno Bettelheim

Bruno Bettelheim: scienziato o impostore?

Bruno Bettelheim, classe 1903, fu uno psichiatra e psicanalista statunitense di origine austriaca. Citando Pirandello, potremmo parlare di un Dr ...
Leggi Tutto
Caterina da Siena

Caterina da Siena

Caterina Benincasa, conosciuta come Caterina da Siena, Dottore della Chiesa, è, insieme a Francesco d’Assisi, la santa patrona d’Italia e ...
Leggi Tutto
Helen Kaplan

La sessuologa Helen Singer Kaplan: una biografia

Nelle scuole di sessuologia italiane (e del mondo) uno dei pochi nomi importanti di riferimento, dopo Alfred Kinsey e William ...
Leggi Tutto
Virginia Johnson e William Masters

Morta Virginia Johnson. Chi erano i sessuologi Masters e Johnson

Virginia Johnson è venuta a mancare lo scorso 25 luglio, all'età di 88 anni: era considerata una delle scienziate più ...
Leggi Tutto
Charles Emma Darwin

Charles Darwin e l’amore

Charles Darwin: cosa pensava dell'amore? Tutti conosciamo le teorie di Charles Darwin e da esse è facile dedurne la personalità ...
Leggi Tutto
Robert Mapplethorpe autoritratto

Robert Mapplethorpe: una biografia

Robert Mapplethorpe è stato un artista americano, famoso per aver forzato i confini della fotografia, sia nella scelta dei soggetti ...
Leggi Tutto
BF Skinner

Skinner: chi era costui?

Dopo Sigmund Freud, il più famoso e forse influente psicologo del XX secolo fu Burrhus Frederic Skinner, anche se il ...
Leggi Tutto
Ulric Neisser

Ulric Neisser e la psicologia cognitiva

The New York Times ha pubblicato un articolo per ricordare il fondatore della psicologia cognitiva,  Ulric Neisser, morto il 17 ...
Leggi Tutto
Susan Sontag

Susan Sontag

Susan Sontag, è stata una delle più influenti intellettuali americane della generazione attiva negli anni sessanta. Ha scritto 17 libri ...
Leggi Tutto
Tiziano Terzani

Tiziano Terzani

Tiziano Terzani era un giornalista internazionale, morto a 65 anni. Una volta dichiarò che sulla sua tomba voleva scritta la ...
Leggi Tutto
Pericle

Pericle

Pericle (495 a.C. circa - 429 a.C.) il cui nome in greco significa "circondato dalla gloria" è senz'altro ricordato come ...
Leggi Tutto
Margareth Mitchell

Margareth Mitchell

Margaret Mitchell (Margareth Munnerlyn Mitchell) è una scrittrice americana, la cui opera è sicuramente più famosa della sua autrice: stiamo ...
Leggi Tutto
Consulenza psicologica

Chiedi una Consulenza Psicologica su Psicolinea!

Come fare richiesta di Consulenza psicologica - sessuologica gratuita su Psicolinea? Devi semplicemente inserire la tua richiesta nei commenti a ...
Leggi Tutto
Oscar Wilde

Oscar Wilde

Oscar Fingal O'Flahertie Wilde nacque a Dublino, il 6 ottobre 1854, figlio di Sir William Wilde, un oculista famosissimo in ...
Leggi Tutto
Franz Brentano

Franz Brentano

Franz Brentano fu un filosofo tedesco che tra i primi si interessò alla psicologia, invitando i ricercatori del tempo a ...
Leggi Tutto
Violeta Parra

Violeta Parra

Violeta del Carmen Parra Sandoval (più conosciuta come Violeta Parra), nacque a San Carlos, nella provincia di Chillán, Cile del ...
Leggi Tutto
Konrad Lorenz

Konrad Lorenz

Konrad Lorenz è conosciuto come uno dei massimi esponenti nel campo dell’etologia, la scienza che studia il comportamento degli animali, ...
Leggi Tutto
Please follow and like us:

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
Psicoterapeuta Sessuologa
ANCONA FABRIANO CIVITANOVA MARCHE
Per appuntamenti: 347 0375949 - g.proietti@psicolinea.it

E' possibile anche fissare degli appuntamenti Via Skype.
https://www.psicolinea.it/sostegno-psicologico-distanza/

Per leggere il CV:
https://www.psicolinea.it/dr-giuliana-proietti_psicologa_sessuologa_ancona/

Per vedere dei videofilmati su YouTube
https://www.youtube.com/user/RedPsicCdt

Per la pagina Facebook
https://www.facebook.com/Giuliana.Proietti.Psicosessuologia

Per il Profilo Facebook
https://www.facebook.com/giuliana.proietti.psicologa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error

Ti piace Psicolinea? Seguici anche sui Social ;-)

RSS
Facebook
YouTube
Instagram