Trovata l’area cerebrale che regola le dipendenze?

dipendenze

Forse potrebbe essere stata individuata la sede delle dipendenze nel cervello umano. Dei ricercatori americani affermano che una parte precisa del cervello, l’insula, sembra apparentemente legata alla dipendenza da nicotina. I lavori di un gruppo di ricerca della Università della California del Sud mostrano che le persone che hanno questa zona cerebrale danneggiata non provano più il desiderio di fumare. I ricercatori hanno studiato i casi di 69 pazienti fumatori di lungo periodo che avevano subito dei danni cerebrali. Questi danni riguardano l’insula in 19 casi. Non meno di 13 (68,4 %) di questo gruppo hanno smesso immediatamente di fumare e 12 di loro ci sono riusciti con grande facilità, dicendo di aver perduto il desiderio di accendersi una sigaretta.
Come si sa, per smettere di fumare, come per qualsiasi altra dipendenza, è importante che non vi sia più quel desiderio irresistibile che non permette di controllarsi. Per il momento la ricerca si concentrerà nella misurazione delle attività di questa regione nel cervello nelle terapie antitabacco. In futuro, se questi dati verranno confermati, potrebbero nascere dei farmaci ad hoc per combattere le dipendenze.

Fonte: Radio Canada

Dott.ssa Giuliana Proietti Ancona

Psicolinea ti consiglia anche...

La psicologia positiva è sempr...

La psicologia positiva è sempre positiva? Dopo ...

La saggezza e i bambini

La saggezza e i bambini C'è un detto che dice: ...

Come vivere bene, anche se in ...

Come vivere bene, anche se in coppia - Recensione ...

1907 Jung fa una 'pessima impr...

Sopra Freud in una foto da lui inviata a Jung
Leggi anche:  Tecniche di valutazione scolastica
N...

Gioco d'azzardo patologico

Gioco d'azzardo patologico Il gioco d'azzardo n...

Genitori virtuali per i figli ...

Genitori: ne esistono anche di virtuali! Andare...

1912 La rottura definitiva fra...

Nel Settembre 1912 Freud, conclusa la cura termale...

La consulenza online

LA CONSULENZA ONLINE di Giuliana Proietti Re...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *