Ulric Neisser

Ulric Neisser e la psicologia cognitiva

Persone e Personaggi Psicologia

Ulric Neisser e la psicologia cognitiva

Le Biografie
di

Psicolinea
Storia, Cultura, Psicologia e...
Un pizzico di gossip, per rendere più "umani" i nostri personaggi

In breve

Ulric Gustav Neisser (si pronuncia Naisser) è stato uno psicologo americano (1928-2012)  nato in Germania e membro della National Academy of Sciences degli Stati Uniti, è considerato il  “padre della psicologia cognitiva “.

Il Dr. Neisser sfidò l’ortodossia dell’orientamento comportamentista, che all’epoca andava per la maggiore, elaborando un suo modello teorico, che fu pubblicizzato nel 1967, attraverso il libro “Psicologia cognitivista” (pubblicato in Italia da Giunti).

In questo modello i processi mentali interni (ignorati dal comportamentismo) non solo erano di grande importanza, ma potevano anche essere studiati e misurati.

Questo fu possibile  grazie ai progressi nella teoria dell’informazione, dei computer e dei metodi sperimentali dopo la seconda guerra mondiale, i quali crearono il terreno adatto per sfidare il comportamentismo, ovvero la tendenza a studiare i soli comportamenti umani, attraverso le loro risposte agli stimoli ambientali, disinteressandosi dei processi mentali.

Biografia

Ulric Gustav Neisser nacque a Kiel, in Germania, l’8 dicembre 1928. Il padre, Hans Neisser, era un distinto economista ebreo. Nel 1923 aveva sposato  Charlotte (“Lotte”), laureata in sociologia e attiva nel movimento femminista.

Neisser aveva anche una sorella maggiore, Marianne, nata nel 1924. Da bambino il futuro psicolog>o era un bambino paffuto, per questo soprannominato “Der kleine Dickie” (“piccolo Dicky”), in seguito ridotto a “Dick “.

La famiglia Neisser, a causa delle persecuzioni razziali, lasciò la Germania nel 1933, stabilendosi a New York.

Crescendo, Neisser cercò di adattarsi e di avere successo in America (il suo stesso nome, Ulrich divenne Ulric). Da ragazzo si interessò in modo particolare al baseball , il quale si ritiene abbia avuto un “ruolo indiretto ma importante nei suoi interessi psicologici”. 

Frequentò l’Università di Harvard alla fine degli anni ’40, laureandosi nel 1950 con una laurea con lode in psicologia.  Successivamente seguì un master presso il Swarthmore College, dove insegnava Wolfgang Kohler , membro della facoltà e uno dei fondatori della psicologia della Gestalt.

Dopo questa esperienza, Neisser ottenne un dottorato in psicologia sperimentale presso il Dipartimento di relazioni sociali di Harvard, nel 1956, completando una tesi nel sotto-campo della psicofisica .

Successivamente passò all’Università di Brandeis, dove il suo orizzonte intellettuale si ampliò grazie al contatto con il presidente del dipartimento Abraham Maslow .

Neisser provava una “profonda simpatia nei confronti dell’umanesimo idealista” di Abraham Maslow e anche Maslow si mostrava profondamente interessato alla psicologia della Gestalt.

Dopo un periodo presso la Emory University e l’Università della Pennsylvania, Neisser si stabilì definitivamente a Cornell , dove trascorse il resto della sua carriera accademica.

A5

Tra gli altri incontri importanti della vita di Neisser vi fu anche Oliver Selfridge , un giovane scienziato informatico presso i Lincoln Laboratories del MIT . Selfridge era un pioniere della intelligenza artificiale.

Selfridge e Neisser inventarono il “modello del pandemonio”, che descrissero in un articolo pubblicato su Scientific American nel 1950.

Dopo aver lavorato con Selfridge, Neisser ricevette numerose borse di studio per la ricerca sul pensiero, che alla fine lo portarono a scrivere il suo libro più noto “Cognitive Psychology” (1967).

Nel 1976, tuttavia Neisser scrisse un altro libro, Cognizione e realtà, in cui criticava la sua stessa creatura, che non riusciva a catturare la ricchezza della psicologia umana attraverso i suoi metodi di laboratorio, o attraverso la riduzione dell’esperienza reale ai modelli computerizzati della mente.  Si trattava di modelli generalmente relativi a situazioni di laboratorio che potevano avere un interesse teorico, ma non applicativo.

Un’altra pietra miliare nella carriera di Neisser è avvenuta con la pubblicazione, nel 1981, della memoria di John Dean: un caso di studio, ovvero un’analisi della testimonianza di John Dean nello scandalo di Watergate.

Nel 1984 scrisse Memory observed: remembering in natural contexts, dove difendeva, contro le posizioni della prima opera, la necessità di un approccio ecologico allo studio della cognizione (in questo caso della memoria).

Nel 1995, guidò una task force dell’American Psychological Association che esaminava questioni controverse nello studio dell’intelligence, in risposta in particolare al  libro The Bell Curve. Nel libro si sosteneva che l’intelligenza umana è sostanzialmente influenzata da fattori ereditari e ambientali, ma le condizioni ambientali influiscono sull’intelligenza. Tra essi conta il reddito, il tipo di lavoro, la famiglia d’origine, la razza.

La task force guidata da Neisser produsse un rapporto chiamato “Intelligence: Knowns and Unknowns” in cui si specificavano i dati scientifici conosciuti e sconosciuti dell’intelligenza.

Neisser condusse ulteriori ricerche sulla memoria, occupandosi anche delle testimonianze degli individui sopravvissuti al terremoto in California nel 1989, cercando di studiare l’impatto delle emozioni sulla memoria.

Morì il 17 febbraio 2012 a Itaca, New York. Soffriva di morbo di Parkinson.

Un sondaggio di Review of General Psychology , pubblicato nel 2002, ha classificato Neisser come il 32 ° psicologo più citato del 20 ° secolo.


Skype
Consulenza Via Skype

 

La psicologia cognitiva

Nel 1967, Neisser pubblicò Cognitive Psychology , che in seguito definì come un attacco ai paradigmi psicologici comportamentali che allora andavano per la maggiore. Il libro conteneva ricerche sperimentali sulla percezione, la memoria e il pensiero e segnò l’inizio di un nuovo tipo di psicologia, il cognitivismo.

La psicologia cognitiva studia il funzionamento della mente come elemento intermedio tra il comportamento e l’attività cerebrale prettamente neurofisiologica.

Il funzionamento della mente veniva assimilato (metaforicamente) a quello di un software che elabora informazioni (input) provenienti dall’esterno, restituendo a sua volta informazioni (output) sotto forma di rappresentazione della conoscenza, organizzata in reti semantiche e cognitive.

PSICOLOGIA - SESSUOLOGIA
Come vivere bene anche se in coppiaCome vivere bene, anche se in coppia
ANCONA FABRIANO TERNI CIVITANOVA MARCHE
Terapie Individuali e di Coppia
Consulenza via Skype

La critica alla psicologia cognitiva

Neisser pensava che la psicologia cognitiva usasse troppo la sperimentazione in laboratorio, distaccandosi eccessivamente dal mondo reale. Infine, e forse soprattutto, provava un grande rispetto per la teoria della percezione diretta e della raccolta di informazioni, che era stato proposto dall’eminente psicologo percettivo JJ Gibson e da sua moglie, Eleanor Gibson .

Neisser era giunto alla conclusione che la psicologia cognitiva avesse poche speranze di raggiungere il suo potenziale senza prendere attentamente nota dell’opinione dei Gibson secondo il quale il comportamento umano poteva essere compreso solo iniziando con un’analisi delle informazioni direttamente disponibili per qualsiasi organismo percettivo.

Chiedi una Consulenza onlineChiedi una Consulenza online,
Ti risponderemo su questo Sito!

PSICOLOGIA - PSICOTERAPIA - SESSUOLOGIA
ANCONA FABRIANO CIVITANOVA MARCHE TERNI
Dr. Giuliana Proietti - Tel. 347 0375949
Dr. Walter La Gatta - Tel. 348 3314908
Consulenza Via Skype

La percezione e la memoria

A Neisser viene riconosciuta l’abilità di aver costruito una nuova visione della mente. Egli postulò che la memoria è, in gran parte, ricostruita e non una fotografia istantanea del momento.

Questa nozione nacque dall’analisi di Neisser sulla testimonianza di John Dean, ex consigliere di Richard Nixon . Lo studio mette a confronto i ricordi di Dean, raccolti dalla sua testimonianza diretta, con conversazioni registrate a cui Dean aveva partecipato.

Neisser scoprì che i ricordi di Dean erano in gran parte errati rispetto alle conversazioni registrate. Per prima cosa, scoprì che i ricordi di Dean tendevano ad essere egocentrici, selezionando elementi che enfatizzavano il suo ruolo negli eventi in corso. Ancora più importante, un “ricordo” di Dean era una combinazione di eventi che si erano verificati in momenti diversi.

Come disse Neisser:

“quello che sembra essere un episodio ricordato rappresenta in realtà una serie ripetuta di eventi”.

Neisser suggerì che tali errori di memoria fossero comuni, riflettendo la natura della memoria come processo di costruzione.

Studiò anche le memorie individuali relative all’esplosione dello Space Shuttle Challenger. Immediatamente dopo l’esplosione del Challenger, nel gennaio 1986, Neisser distribuì un questionario alle matricole del college chiedendo loro di scrivere le informazioni chiave in cui i ragazzi specificavano dove avevano saputo di questo evento, in che modo, a che ora, ecc.

Tre anni dopo, Neisser ripropose il test agli stessi studenti per esaminare l’accuratezza della loro memoria. Lo psicologo scoprì che c’erano notevoli errori nelle memorie degli studenti, nonostante la fiducia dei ragazzi nella accuratezza del loro ricordo.

La memoria è dunque una ricostruzione del passato, non una fotografia precisa di quanto ci è accaduto. Le persone in realtà credono di avere dei ricordi, mentre invece hanno solo ricordi di ricordi, perché la mente confonde le cose.

Dr. Walter La Gatta

Ellepi Associati Ancona Terni
Dr. Giuliana Proietti - Tel. 347 0375949

Dr. Walter La Gatta - Tel. 348 3314908

Consulenza Via Skype
Studio di Psicologia Psicoterapia Sessuologia
ANCONA FABRIANO CIVITANOVA MARCHE TERNI

YouTube

Chiedi una Consulenza online

Chiedi una Consulenza Psicologica su Psicolinea!

Chiedi una Consulenza Psicologica su Psicolinea! Come fare richiesta di Consulenza psicologica - sessuologica gratuita su Psicolinea? Devi semplicemente inserire ...
Leggi Tutto
Ulric Neisser

Ulric Neisser e la psicologia cognitiva

Ulric Neisser e la psicologia cognitiva In breve Ulric Gustav Neisser (si pronuncia Naisser) è stato uno psicologo americano (1928-2012)  ...
Leggi Tutto
Bruno Bettelheim

Bruno Bettelheim: lo strano caso del Dr. B

Bruno Bettelheim: lo strano caso del Dr. B Bruno Bettelheim, classe 1903, fu uno psichiatra e psicoanalista statunitense di origine ...
Leggi Tutto
Rosalind Franklin

Rosalind Franklin: una insopportabile ingiustizia scientifica

La storia di Rosalind Franklin può sicuramente illuminare la riflessione sul perché le scienziate siano molte meno dei loro colleghi ...
Leggi Tutto
Caterina da Siena

Caterina da Siena

Caterina Benincasa, conosciuta come Caterina da Siena, Dottore della Chiesa, è, insieme a Francesco d’Assisi, la santa patrona d’Italia e ...
Leggi Tutto
Helen Kaplan

La sessuologa Helen Singer Kaplan: una biografia

Nelle scuole di sessuologia italiane (e del mondo) uno dei pochi nomi importanti di riferimento, dopo Alfred Kinsey e William ...
Leggi Tutto
Virginia Johnson e William Masters

Morta Virginia Johnson. Chi erano i sessuologi Masters e Johnson

Virginia Johnson è venuta a mancare lo scorso 25 luglio, all'età di 88 anni: era considerata una delle scienziate più ...
Leggi Tutto
Charles Emma Darwin

Charles Darwin e l’amore

Charles Darwin: cosa pensava dell'amore? Tutti conosciamo le teorie di Charles Darwin e da esse è facile dedurne la personalità ...
Leggi Tutto
Robert Mapplethorpe autoritratto

Robert Mapplethorpe: una biografia

Robert Mapplethorpe è stato un artista americano, famoso per aver forzato i confini della fotografia, sia nella scelta dei soggetti ...
Leggi Tutto
BF Skinner

Skinner: chi era costui?

Dopo Sigmund Freud, il più famoso e forse influente psicologo del XX secolo fu Burrhus Frederic Skinner, anche se il ...
Leggi Tutto
Susan Sontag

Susan Sontag

Susan Sontag, è stata una delle più influenti intellettuali americane della generazione attiva negli anni sessanta. Ha scritto 17 libri ...
Leggi Tutto
Tiziano Terzani

Tiziano Terzani

Tiziano Terzani era un giornalista internazionale, morto a 65 anni. Una volta dichiarò che sulla sua tomba voleva scritta la ...
Leggi Tutto
Pericle

Pericle

Pericle (495 a.C. circa - 429 a.C.) il cui nome in greco significa "circondato dalla gloria" è senz'altro ricordato come ...
Leggi Tutto
Margareth Mitchell

Margareth Mitchell

Margaret Mitchell (Margareth Munnerlyn Mitchell) è una scrittrice americana, la cui opera è sicuramente più famosa della sua autrice: stiamo ...
Leggi Tutto
Oscar Wilde

Oscar Wilde

Oscar Fingal O'Flahertie Wilde nacque a Dublino, il 6 ottobre 1854, figlio di Sir William Wilde, un oculista famosissimo in ...
Leggi Tutto
Franz Brentano

Franz Brentano

Franz Brentano fu un filosofo tedesco che tra i primi si interessò alla psicologia, invitando i ricercatori del tempo a ...
Leggi Tutto
Violeta Parra

Violeta Parra

Violeta del Carmen Parra Sandoval (più conosciuta come Violeta Parra), nacque a San Carlos, nella provincia di Chillán, Cile del ...
Leggi Tutto
Konrad Lorenz

Konrad Lorenz

Konrad Lorenz è conosciuto come uno dei massimi esponenti nel campo dell’etologia, la scienza che studia il comportamento degli animali, ...
Leggi Tutto

Please follow and like us:

Author Profile

Dr. Walter La Gatta
Dr. Walter La Gatta

Libero professionista ad Ancona ,Terni , Fabriano e Civitanova Marche

Si occupa di:

Psicoterapie individuali e di coppia
Terapie Sessuali (Delegato Regionale del Centro Italiano di Sessuologia per le Regioni Marche e Umbria) 
Tecniche di Rilassamento e Ipnosi
Disturbi d’ansia, Timidezza e Fobie sociali.

Riceve ad Ancona,Terni , Fabriano, Civitanova Marche e via Skype, su appuntamento.

Per appuntamenti telefonare direttamente al: 348 – 331 4908

Co-fondatore dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Contatti e Consulenza con il Dr. Walter La Gatta

Tweets di @Walter La Gatta

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierlo come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti
Dr. Walter La Gatta
<strong> Libero professionista ad Ancona ,Terni , Fabriano e Civitanova Marche Si occupa di: Psicoterapie individuali e di coppia Terapie Sessuali (Delegato Regionale del Centro Italiano di Sessuologia per le Regioni Marche e Umbria)  Tecniche di Rilassamento e Ipnosi Disturbi d’ansia, Timidezza e Fobie sociali. Riceve ad Ancona,Terni , Fabriano, Civitanova Marche e via Skype, su appuntamento. Per appuntamenti telefonare direttamente al:<strong> 348 – 331 4908</strong> Co-fondatore dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità. </strong><strong><a title="Contatta direttamente il Dr. Walter La Gatta per appuntamenti o richiesta di collaborazioni professionali" href="https://www.psicolinea.it/dr-walter-la-gatta_cv_psicologo_sessuologo_ancona/">Contatti e Consulenza con il Dr. Walter La Gatta</a></strong> <a href="https://twitter.com/WalterLaGatta">Tweets di @Walter La Gatta</a> Visita il nostro Canale <a href="https://www.youtube.com/user/RedPsicCdt"> YouTube</a> Per le collaborazioni con i media visita la pagina <a href="https://www.psicolinea.it/media"> Media e Social Media</a> Perché sceglierlo come Terapeuta: Visita la pagina <a href="https://www.psicolinea.it/9-ragioni-sceglierci-terapeuti">9 ragioni per sceglierci come Terapeuti</a>
http://www.clinicadellatimidezza.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.