Ancona, Marche, Italy
0039 347 0375949
psicolinea@psicolinea.it

E’ così grave quello che ho fatto? Consulenza on Line

Sito di psicologia, online dal 2001

Created with Sketch.

E’ così grave quello che ho fatto? Consulenza on Line

grave quello che ha fatto

La contatto in preda alla disperazione. Ho avuto da un mese una splendida bambina che adoro. Nell’ultimo periodo di gravidanza ho passato dei momenti particolari. Mi sentivo poco appetibile sessualmente e questo magari succede a moltissime donne, ma questo mio stato d’animo aggravato dall’aver accanto un marito un pò troppo distratto mi ha portato in più di un’occasione, anche perchè da sola in casa mi annoiavo, a navigare su alcuni siti pornografici. E’ stato un periodo di frustrazione molto breve, ma le conseguenze di questo sono state devastanti. Mio marito ha scoperto ciò che ho fatto e non ne vuole più sapere di me. Si sente tradito nel suo orgoglio di uomo e non vuole più essere sfiorato, come se mi schifasse. Non se ne va di casa solo perchè c’è la bambina di un solo mese, ma è come se non ci fosse.. Non so più che fare.. E’ possibile mandare all’aria un matrimonio con una bimba piccola per una sciocchezza simile? Le scrivo perchè sento la necessità di avere conferme riguardo la mia salute mentale. Infatti mio marito non fa che ripetere che dovrei andare in terapia per quello che ho fatto, soprattutto perchè l’ho fatto negli ultimi due mesi di gravidanza. Gli ho chiesto anche se per caso questa non sia una scusa per mettere in atto una fuga già premeditata perchè mi sembra così assurdo mollare tutto per una motivazione del genere. Ovviamente dice di no e che non si aspettava potessi mai arrivare a fare una cosa del genere, per questo è molto deluso. E’ davvero così grave ciò che ho fatto? Merito davvero di crescere mia figlia da sola per una cosa del genere? La prego mi risponda con sincerità… La ringrazio per l’attenzione che saprà darmi.

Gentilissima,

Direi proprio di no: qualunque siano state le ragioni di questa sua scelta, esse vanno chiarite. Sicuramente, se le cose stanno come lei le ha descritte, non c’è alcuna ragione di sentirsi una depravata e di accettare accuse tanto infamanti. Direi che è necessaria, anzi, indispensabile, una terapia di coppia, per chiarire i reciproci punti di vista e soprattutto comprendere perché lui la trascurasse nei mesi della gravidanza (o perché lei si sentisse tale).
Cari saluti e auguri.

Dott.ssa Giuliana Proietti Ancona

Please follow and like us:

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
Psicoterapeuta Sessuologa
ANCONA FABRIANO CIVITANOVA MARCHE
Per appuntamenti: 347 0375949 - g.proietti@psicolinea.it

E' possibile anche fissare degli appuntamenti Via Skype.
https://www.psicolinea.it/sostegno-psicologico-distanza/

Per leggere il CV:
https://www.psicolinea.it/dr-giuliana-proietti_psicologa_sessuologa_ancona/

Per vedere dei videofilmati su YouTube
https://www.youtube.com/user/RedPsicCdt

Per la pagina Facebook
https://www.facebook.com/Giuliana.Proietti.Psicosessuologia

Per il Profilo Facebook
https://www.facebook.com/giuliana.proietti.psicologa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error

Ti piace Psicolinea? Seguici anche sui Social ;-)

RSS
Facebook
YouTube
Instagram