un'altra

Un’altra…

Gentilissima Dottoressa G. Proietti Le scrivo perchè improvvisamente mi sento colpito da un problema che mi turba in modo costante. Da più di 2 anni sto felicemente insieme alla mia ragazza ; tutto va bene, anche se qualche alto e basso, come è normale, c’è stato. Tuttavia nell’ultimo periodo sentivo che qualcosa era cambiato; forse c’erano meno occasioni di intimità, lei aveva sempre meno voglia di uscire o fare attività diverse dallo stare in caa e in alcune occasioni ho sentito un po’ come un peso andare a passare dei pomeriggi che sapevo per certo non sarebbero stati granchè (purtroppo). In questi ultimo mese mi è capitato di conoscere una ragazza per motivi di lavoro che è completamente diversa come modo di fare da quella con cui sto attualmente. La cosa mi ha molto colpito e mi ha messo in crisi. Di solito sono sempre stato io il punto fermo, forse perchè più grande di 6 anni, quello più “forte” diciamo, che dava sicurezza nella coppia. Il più delle volte sono io che scelgo cosa fare e lei mi segue, ma non prende iniziativa, tende anzi a chiudersi nel suo guscio. Ho cercato di parlare di questo problema, di smuoverla, ma è molto difficile, perchè vorrei che fosse più autonoma. Ultimamente è spesso depressa per via del lavoro, che non trova, ed è difficile fare fare attività insieme. Certo è dolcissima ed affettuosa, ma nel lato pratico delle scelte o del supporto psicologico quando c’è qualcosa che non va, sono sempre io a darle sicurezza e il contrario non accade sempre. Per lavoro mi è capitato di incontrare una persona. Conoscere una persona indipendente, sempre presa da mille attività e con mille interessi è stato come un fulmine a ciel sereno. Ha messo in crisi quello che ho fatto in questi due anni. Il fatto che mi attrae anche fisicamente complica ancora di più la cosa, perchèmi capita sempre più spesso di pensarci. Forse ho sbagliato a cercare di cambiare una persona a cui sono legato da un forte legame affettivo, però credo che per amore si possa provare a tirare fuori il meglio da ogni persona. Alla domanda “se sono felice con questa persona” io rispondo che so che potrei essere più felice di così. Il problema è capire come. Anagraficamente e fisicamente entrambe sono ventenni, ma caratterialmente mi subito parso evidente che siano agli antipodi, una cerca lavoro, l’altra studia, una si appoggia di più alle mie scelte, l’altra le prende. Io ho fatto innumerevoli sforzi per venire incontro ai problemi della mia ragazza, ma, anche se è brutto doverli soppesare, sono stati più i miei dei suoi. E non so cosa fare. Perchè la conosco e ci tengo. Buttare tutto all’aria per una persona che conosco a malapena, che però mi attrae e mi affascina proprio per i motivi opposti a quelli che mi legano alla mia attuale fida In attesa di risposta le porgo distinti saluti

Gentilissimo,

Poiché nessuno in natura è strettamente monogamo, in un rapporto di lunga durata questo dubbio le verrà molte, molte volte e sarà difficile, ogni volta, darsi una risposta certa su quello che, in quel dato momento, le converrebbe fare. Ciò che è nuovo infatti è sempre più emozionante di ciò che si conosce già ed inoltre, della persona attraente, conosciuta da poco, chiunque vedrebbe solo i tanti pregi e nessuno dei suoi difetti. Solo dopo due anni di frequentazione con questa nuova ragazza lei potrebbe effettivamente dire chi, fra queste due donne, sia la più adatta ad un rapporto di coppia stabile con lei. Poiché è impossibile provare a frequentare tutte le persone attraenti che nella vita ci capitano, direi che occorre soppesare molto bene la scelta da fare (e le sue conseguenze), accettando il rischio solo se si è veramente convinti di fare bene.
Cordialmente,

Dr. Giuliana Proietti, psicoterapeuta, Ancona

Immagine: Pixabay

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona Civitanova Marche, Fabriano
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Scrive in un Blog sull'Huffington Post


Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti

Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche Fabriano e via Skype
Tweets di @gproietti

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierla come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.