Ancona, Marche, Italy
0039 347 0375949
psicolinea@psicolinea.it

Una bellissima storia in crisi – Consulenza on Line

Sito di psicologia, online dal 2001

Created with Sketch.

Una bellissima storia in crisi – Consulenza on Line

bellissima storia

Dopo 12 anni di vita insieme molto felice, in seguito a gravi problemi giudiziari, mio marito cade in depressione profonda: io lo aiuto e sostengo.Lui mi dice di sentirsi in colpa per non avermi saputo proteggere. Poi scoproche da poco ha instaurato una relazione, mi dice tr le lacrime che lei nonconta nulla, che però era divertente, che con lei non pensava ai problemi; lalascia comunque subito. Cado anche io in depressione, perdo letteralmente lavoglia di vivere, divento apatica e mangio pochissimo, vomitando anche quelpoco. Mi scuoto quando mi rendo conto che rischio la mia vita.Cambio lavoro, miallontano da casa anche per lunghi periodi; lui nel frattempo è in crisi con sèstesso, per avermi tradito, perchè dice di volere recuperare sè stesso ma nonsa come.Ora lui sta meglio: si dice pronto a ricominciare, che rivuole lanostra vita, di non avermi tradito perchè infelice con me. Io sto sempre male:nella mia testa emergono all’improvviso ricordi dell’accaduto.Odori, suoni,nomi, luoghi, ricorrenze mi gettano nello sconforto più profondo facendomicredere che tutto sia perduto. Non posso vedere il suo migliore amico, chesapeva;evito il suo ufficio, dove mi sento male(nausea). A tratti sentonosstalgia della nostra forte intesa e complicità, del nostro amore. A trattisento che nessuno, nemmeno i genitori, sono importanti: se ci sono bene,altrimenti è lo stesso. Non sono mai stata così anafettiva. Desidero veramentericostruire il mio matrimonio perchè credo profondamente in noi due comecoppia.Può essere che soffra di depressione post trauma o il troppo dolorepatito rendono impossibile ricostruire la nostra bellissima storia? Come posso uscire da questo tunnel?

Grazie

Gentilissima,

Una ‘bellissima storia’ non può finire a causa di un tradimento fatto così, ‘per ridere, per non pensare ai problemi’…

Evidentemente, il lungo periodo di problemi giudiziari ha influito, cambiato, logorato, il vostro rapporto e le vostre persone: suo marito, tradendola, può aver cercato, a suo modo, di superare la depressione, ritrovando interesse per la vita ed umore positivo. Ha sicuramente sbagliato, ma non si tratta di un errore irrimediabile. La sua persona, la sua dignità di moglie non ne esce delegittimata, offesa, ferita: il tradimento, specialmente nei rapporti di lunga durata, è un fatto con il quale – purtroppo – occorre imparare a fare i conti, anche nelle più belle storie d’amore.

Per ricostruire il vostro rapporto il primo passo che lei deve compiere è il perdono. Perdonare non significa dimenticare, ma fare in modo che il dolore non faccia più male. E’ come quando ci si cura una grossa ferita: lo si fa perché smetta di sanguinare, non certo perché essa possa scomparire, senza lasciare traccia… La sua cicatrice continuerà a far parte di lei e le ricorderà sempre il motivo di un’antica sofferenza, anche se, nel tempo, non le farà più male.

Se lei riuscirà a liberarsi dai sentimenti di vergogna e di risentimento, potrà utilizzare le sue energie non più per piangersi addosso, ma per ricostruire la sua vita, magari ripartendo proprio dalla vostra ‘bellissima coppia’ (che tale rimane, nonostante tutto).

Cerchi anche di chiedersi se possono esservi state delle sue possibili responsabilità nella scelta compiuta da suo marito: pur nell’asimmetria delle reciproche colpe, può darsi che qualcosa di poco funzionale nel vostro rapporto sia attribuibile anche a lei… Del resto, nessuno è perfetto e i comportamenti sbagliati non riguardano mai una sola persona nella coppia.

Guardi dunque a questa storia che riguarda il vostro passato con sufficiente distacco, con prgamatismo. Non si lasci travolgere dalle emozioni negative: sia costruttiva, creativa: del resto suo marito mostra rammarico per quanto è successo, le chiede di scusarlo, le dice che crede nella vostra unione… A quale altra prova del fuoco lo vuole sottoporre ? Continuare a mostrarsi anaffettiva, inappetente, depressa potrebbe essere solo un modo per cercare una vendetta, alimentando i rimorsi del fedifrago… Ma a chi giova?
Coraggio!

Dott.ssa Giuliana Proietti Ancona

Please follow and like us:

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
Psicoterapeuta Sessuologa
ANCONA FABRIANO CIVITANOVA MARCHE
Per appuntamenti: 347 0375949 - g.proietti@psicolinea.it

E' possibile anche fissare degli appuntamenti Via Skype.
https://www.psicolinea.it/sostegno-psicologico-distanza/

Per leggere il CV:
https://www.psicolinea.it/dr-giuliana-proietti_psicologa_sessuologa_ancona/

Per vedere dei videofilmati su YouTube
https://www.youtube.com/user/RedPsicCdt

Per la pagina Facebook
https://www.facebook.com/Giuliana.Proietti.Psicosessuologia

Per il Profilo Facebook
https://www.facebook.com/giuliana.proietti.psicologa

Una risposta.

  1. Anonymous ha detto:

    chi può capirti meglio di me…Dopo quasi 30 tra fidanzamento e matrimonio…mio marito come il tuo…in una fase complicata della nostra vita economica…mi ha tradito!
    io mi ero accorta della cosa…ma credevo che ad un legame forte come il nostro …non fosse possibile…non volevo vedere…non volevo credere…
    E così la loro storia…è durata tre anni..anche se lui dice che in “concreto”…solo un annetto…e poi si vedevano solo come amici…che lei non poteva fare a meno di lui per problemi…suoi…e lui…si era legato a lei…perchè la vedeva biosognosa del suo conforto…mentre lui…era ,…sì, impazzito..per sesso?per apura di invecchiare?perchè si vedeva amato e curato da una 14 anni più giovane>??’
    ma come tuo marito giura e spergiura di non aver mai pensato di lasciarmi nè di aver mai smesso di amarmi…, non sa cosa fosse…non sa perchè è successo…se lo chiedeva…aveva rimorsi ogni volta dopo averla vista…ma non smetteva…
    E’ me che ama…e con me che vuole andare avanti….
    che sofferenza…scoprire che la fiducia che avevi riposto…in lui…è stata ..stravolta!!!
    ti senti…vuota…ti senti che il tuo passato…una parte della tua vita non corrisponde alla realtà…che credevi di vivere…
    Ti senti fallita…
    Poi però ti fermi …vedi la sua sofferenza…e non puoi pensare che anche questa sia finzione…
    Ti esamini e comunque ti accorgi che …lo ami ancora che…forse ti senti tu in colpa per non averlo capito…per non essergli stata al fianco come lui…aveva bisogno…ti colpevolizzi…e forse non dovresti…
    Sì lui ti ha tradito…lui è stato a letto con un’altra…lui..ha detto parole dolci…ha condiviso emozioni forti…con un’altra e non con te…lui soprattutto, e questo a me fa…ancora più male…, ti ha mentito…ha inventato lavori…o impegni inesistenti…per vedere lei!!!
    Ma lo ami!!!
    ma capisci che la sua è stata solo debolezza…e allora, che fare?
    mandare all’aria una vita di …progetti, di pensieri, di complicità…per un’ errore? per un …gioco…per una passione?per una debolezza?per una follia….???
    lui ti dice decidi tu…io non volevo questo…
    e …gli credi…
    gli credi perchè…dentro la ferita c’è…ci sarà…le parole…i fatti…restano…purtroppo ogni tanto rimbombano nella mente e fanno ancora male…
    E’ passato un anno dalla scoperta…dai discorsi dalle liti…dalle parole …dette a discolpa e non…
    Ma sì…ho deciso…
    Voglio andare avanti, voglio ricostruire la mia nuova vita…con mio marito…lo voglio perdonare, non dimenticare…non ce la faccio…ogni tanto…qualche frase cattiva…che butta l’occhio indietro…mi scappa..
    Ma oggi posso dire che …lo sento davvero vicino…che vedo quanto mi ama…e quanto sia amareggiato pentito..al punto che vorrebbe dire ai figli il male che mi ha fatto…e che non è così perfetto come loro credono….
    Ma io non voglio…i figli sono grandi…lo amano incondizionatamente…e mai dovranno sapere…il brutto periodo che abbiamo passato…
    Vedrai …se ami tuo marito…nonostante la sofferenza…il mal di stomaco e le lacrime, e se lui …ti ama come dice, credigli dagli la possibilità di recuperare…
    Chiedigli di starti vicino, non temere…parla con lui di quanto stai male…di cosa ti fa più male…
    e crediamoci…ce la possiamo fare a rivivere la nostra bella famiglia…
    E poi…sì è vero…non ci importa più nulla degli altri, ma solo di noi …di ritrovarci di ripartire…se stiamo bene con la nostra famiglia …possiamo dare ancora qualcosa ai nostri genitori, o amici o latro…se no…nulla conta più intorno a noi!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error

Ti piace Psicolinea? Seguici anche sui Social ;-)

RSS
Facebook
YouTube
Instagram