memoria

Salve, sono una ragazza di 19 anni e ricordo che quando avevo 4 anni,facevo con gli orsacchiotti e le bambole dei giochi in cui gli legavo o li picchiavo,mentre lo facevo mi eccitava l’inferiorità che provavo identificandomi in loro. Facevo spesso degli incubi,anche ora,non sempre ma il 98% dei sogni rispecchiano paure,la più significativa per me,che ho ancora ora,è quella del buio(non tanto il buio in se ma ciò che potrebbe improvvisamente comparire dal buio,non necessariamente di soprannaturale,anche un uomo). Sempre all’età di 4/5 anni nonostante fossi un po’ timida(come anche ora,anche se conosciuta una persona o un gruppo molto bene sono incredibilmente estroversa)ricordo che mi piaceva avere degli atteggiamenti seduttivi verso gli uomini adulti. Quando all’età di 9 anni circa ho cominciato a masturbarmi,le mie fantasie erano estremamente dettagliate,e mi sentivo in colpa di quello su cui fantasticavo.Fantasticavo di essere appesa,legata con delle cinghie in un contesto molto sporco,simile a una sorte di prigione/bordello,e dovevo indossare una sorta di mutande di acciaio.Cose molte particolari insomma,che oggi posso dire che ricordano il bondage. Comunque non immaginavo mai fino ai 10 anni la penetrazione sessuale,perchè appena a 10 circa scoprì di che si trattava esattamente(me lo spiegò mia mamma),perciò era tutto basato sull’eccitazione dell’essere sottomessa,il mio io che immaginavo nelle fantasie non era però eccitato,aveva paura. Non ho dei buchi di memoria,ho abbastanza ricordi della mia infanzia dai 3/4 anni in su fino ad ora. Aspetto una sua risposta. Grazie mille per l’attenzione

Gentilissima,

Per capire meglio cosa le sia successo occorrerebbe sapere di più circa la sua famiglia, il suo rapporto con i genitori e con le altre figure adulte, i traumi vissuti, i racconti che l’hanno maggiormente spaventata da piccola, le sue fantasie relative alla sessualità (film, racconti, romanzi, scene dal vero), eventuali traumi o avances subiti e tante altre cose ancora… Quello che per il momento si può dire è che lei ha erotizzato i suoi momenti di paura e questo, se non cercherà di affrontarlo in una psicoterapia, probabilmente non le permetterà di avere una vita sessuale sana ed appagante.
Cordialmente,

Dr. Giuliana Proietti, psicoterapeuta, Ancona

Immagine: JulieJordanScott

Please follow and like us:

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona Civitanova Marche, Fabriano
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Scrive in un Blog sull'Huffington Post


Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti

Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche Fabriano e via Skype
Tweets di @gproietti

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierla come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.