favola

Egregia Dott.ssa, da 5 mesi sto con un ragazzo di 2 anni meno di me (èintelligente, spiritoso, un po immaturo a volte, ma sappiamo stare davvero bene insieme e con lui per la prima volta ho pensato “è lui che mi completa!”), ès tata una storia stupenda fin dall’inizio, una favola, ma per paura di soffrire non mi sono mai lasciata andare. anzi, inizialm. lo angosciavo con la mia gelosia! dopo 3mesi ho rischiato di perderlo per questo,ma abbiamo risolto e gli ho confessato il mio amore. ho smesso di essere ossessivamente gelosa(qualche episodio e basta). ma invece di ritornare a volare, precipitavamo! luiè andato in crisi perché era la sua prima storia seria, e lo era diventata troppo in fretta! superata anche questa, sembrava tutto ok. qualche settimana fa mi sono resa conto che mi ero buttata a capofitto nella storia, ed avevo perso di vista me stessa, e gli ho spiegato che così non si poteva andare avanti e che avevo bisogno di equilibrio. ok, sembra che si possa ripartire…ed invece..ci rendiamo conto che non c’è più la magia di un tempo,vogliamo entrambi stare insieme, ma ci siamo resi conto che la tanta sofferenza ha logato l’amore.. ho bisogno di capire se andare avanti in questa storia..se ci amiamo ancora o se è la paura della solitudine che ci tiene insieme. ma con tutte quelle che abbiamo passato in così poco tempo, non mi sembra plausibile che non ci sia più amore!! soffro per ogni minima stupidaggine che lui dice oche mi fa mancare (es un ciao o un buongiorno quando ci sentiamo per la prima volta), ma poi altre cose concrete e più importanti non mancano! il problema sono io o NOI? manca l’amore o manca il mio equilibrio? e come posso risolvere tutto questo??La ringrazio infinitamente. Cordiali saluti, Valentina. Ps: io sto perl aurearmi e anche lui è universitario. questo periodo è sessione d’esame,quindi è già difficile di suo!

Cara Valentina,

Il problema sta nel porsi troppi problemi. Se lei potesse semplicemente godersi questa storia senza associarla a tutti i pericoli e le paure del mondo (perdere il partner, disinnamorarsi, paura della solitudine ecc. ecc. ), sicuramente sarebbe più serena. In realtà non ne avete passate così tante, non avete sofferto troppo: se sofferenza c’è stata, la sua origine non era nelle cose concrete, ma nella rappresentazione mentale che di esse vi siete dati…
Non idealizzate l’amore: la ‘favola’ di ogni storia non è destinata a durare a lungo nel tempo. Il vero amore segue gli alti e bassi della vita, è mutevole come il nostro tono dell’umore: in certi giorni è gioia, in altri è noia. Bisogna guardare sempre avanti.

Cari saluti.

Dott.ssa Giuliana Proietti Ancona

Please follow and like us:

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona Civitanova Marche, Fabriano
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Scrive in un Blog sull'Huffington Post


Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti

Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche Fabriano e via Skype
Tweets di @gproietti

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierla come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.