sei anni

Sei anni, quanti sono?

Gentile dottoressa, sono una ragazza di 25 anni che soffre da tempo di attacchi di panico. In questi anni ho avuto momenti positivi in cui tutto nella mia vita mi sembrava apposto e altri come l’attuale in cui mi pare che tutto mi faccia paura. L’ultimo momento positivo risale a luglio : mi sentivo bene , avevo finito la mia cura per il Dap, stavo per laurearmi raggiungendo un obiettivo a me molto caro , avevo messo da parte vecchie storie sentimentali. tutto mi sembrava essere tornato in ordine ed io pronta a ripartire. dle resto negli ultimi tempi la laurea era una fissa da raggiungere e studiare mi provocava molta ansia. finalmente era tutto apposto. La stessa estate in vacanza ho conosciuto un ragazzo , ci siamo piaciuti da subito. incuriositi ci siamo conosciuti e sin da subito è nato un ottimo rapporto fatto di reciproco aiuto e comprensione. Ridiamo molto quando siamo vicini, parliamo per ore di tutto , mi fa sentire al sicuro e mi fido di lui. Anche io ho aiutato lui in certi momentacci…da quando stiamo assieme la sua vita è di certo migliorata e il suo sostegno mi ha aiutato con i miei problemi. Siamo legati da un ottimo rapporto e andiamo d’accordo. L’unico problema è che lui ha 6 anni in meno di me quindi 19. Io all’inizio ho messo un muro perchè non avevo previsto di trovare tante cose che cercavo nel ragazzo che sognavo in uno con questa età. Ho poi deciso di portare avanti la relazione perchè accade raramente che mi possa fidare cosi’ tanto di una persona e starci così bene : non volevo perdere una bella storia per pregiudizi. ho iniziato tutto senza dirlo ai miei, loro sanno che conosco questa persona ma non immaginano che viene a trovarmi e che rapporto ci leghi. Ho spiegato la cosa a mia sorella maggiore di 8 anni che perplessa per l’età poi ha solo detto che il vero amore va conquistato e di vivermi questa storia se davvero lo voglio. quello che non riesco a capire è perchè nonostante sia adulta , anche se vivo con i miei genitori ancora io abbia una forte paura della loro reazione , ho paura che non approvverebbero questa storia , ho paura che si oppongano come anni prima ad un’altra storia anche se in quel caso era una giusta opposizione. Mi angoscio molto poi sul futuro io ho paura che questa storia proprio perchè squilibarata di età possa portarmi via anni cruciali per fare una famiglia e di ritrovarmi sola. Mi sembra che tutti non accettino una storia cosi’ , che tutti ci vedano solo lati negativi , mi sembra di sbagliare , vivo con l’ansia di dover un giorno rivelare questa cosa ai miei..e di vedere reazioni non entusiaste in chi mi conosce. Vivo anche male la sessualità…nel senso che mi sembra di fare qualcosa di sbagliato proprio perchè nascosto. Da quando ho iniziato questa storia da una parte sono contenta perchè ho trovato una persona con cui mi trovo bene sinceramente ma dall’altra non ho pace perchè non è come avevo previsto.. non ha quella età che volevo …eppure tra di noi non sentiamo problemi legati a ciò. l’ansia non mi abbandona e ricomincio ad avere attacchi di panico. ho sempre la testa appesantita da questo problema e sto male perchè non è una colpa se mi trovo bene con una persona più piccola. Per un primo momento ho deciso cosi’ di frequentarlo..quando andrò in vacanza nella sua città con la mia famiglia…penso che introdurlo come amico lasci il tempo di far apprezzare questa persona per il suo carattere in seguito i nostri progetti di vita elimineranno la distanza ..studieremo nella stessa città e quindi si unirà una conoscenza quotidiana…a quel punto se saremo ancora insieme spero che il nostro fidanzamento non sia più accolto con malumori. pesano su di me quei pensieri tradizionali che penso siano propri dei miei genitori e non riesco a distaccarmene …possibile che a 25 anni mi senta in colpa se mi innamoro in modalità imprevviste e diverse da quelle che magari la famiglia ci si augura? possibile che sia ancora a 25 anni solo la figlia minore di casa incapace di fregarsene del giudizio dei genitori? possibile che non riesca a sentire cosa lecita vivermi la mia vita senza per questo sentire una colpa? non voglio rinunciare a una persona che è stata tra le poche ad amarmi e con cui io sto bene. come si può fare a diventare + indipendenti? prima avevo avuto una storia tira e molla con un ragazzo + grande di 4 anni finita per divergenze di carattere , ostacolata sul nascere dai miei genitori perchè io ero molto piccola (15 anni) e non avevo occasione di conoscere bene questa persona che viveva lonatana da me. Allora portai avanti la storia con tenacia e non mi sentivo per nulla in colpa…la storia è finita perchè crescendo non condividevo il suo modo di pensare e di carattere non andavamo d’accordo..non mi sentivo più davvero amata e non ho apprezzato la reazione di scherno e cattiveria quando ho iniziato ad avere i primi attacchi di panico forte. possibile che nonostante io abbia avuto possibilità diverse in questi anni debba sempre trovare l’amore nel modo + complicato? anche se il mio attuale ragazzo l’ho conosciuto nel modo + classico possibile! possibile che non riesca a vivermi una storia normale alla luce del sole?..cosa sbaglio? sono reali problemi quelli che mi faccio?. la ringrazio.

Carissima,

Ma cosa vuole che siano sei anni di differenza? Ci sono ragazzi che a 19 anni sono maturi ed hanno la testa sulle spalle, altri che a 30 fanno ancora i teen agers… Davvero l’età non conta: la smetta di tormentarsi e viva con gioia questa bella storia d’amore, che oltre tutto appartiene a lei e non ai suoi genitori. A loro questa sua storia va raccontata solo se, nel tempo, si consoliderà e vi saranno previsioni di matrimonio. Ma fino a che questo momento non verrà, se verrà, presenti il suo ragazzo come un amico e non dica di più. Lei è ormai una donna di 25 anni, una persona adulta, che deve cominciare a ragionare con la sua testa ed a fare le sue scelte, senza temere i giudizi altrui: l’adolescenza, nel bene e nel male, è ormai finita!
Le auguro molta felicità.

Dott.ssa Giuliana Proietti

Mix

disturbi dell'ansia

I disturbi dell’ansia

Perché i disturbi dell'ansia Dalla notte dei tempi e ben prima che nascesse la disciplina psicologica, l'ansia viene considerata una ...
Leggi Tutto
disturbo bipolare

Disturbo bipolare: come aiutare chi ne soffre

Disturbo bipolare: di cosa si tratta Il disturbo bipolare è una patologia psichiatrica, caratterizzata dall’alternanza, talvolta anche repentina, di depressione, euforia o ...
Leggi Tutto
Colette

Colette: una vita da film

Colette scrisse una ottantina di libri, ma non solo per questo è un vero e proprio mito letterario, soprattutto in ...
Leggi Tutto
disturbo ossessivo compulsivo

Potresti soffrire di disturbo ossessivo compulsivo? Test

Potresti soffrire di disturbo ossessivo-compulsivo? Ti presentiamo questo test, per aiutarti a capirlo e come punto di riferimento. Si    No  ...
Leggi Tutto
sua madre

Io, lui e sua madre – Consulenza on Line

Il problema: sua madre Gentile Dottoressa, sono sposata da 1 anno e qualche mese, dopo 2 di convivenza e 6 ...
Leggi Tutto
Presidente Schreber

Freud, il caso del presidente Schreber, la paranoia

Il Presidente Schreber, alias Daniel Paul Schreber (sopra), Presidente della Corte di Appello di Dresda, pubblicò un libro – nell'anno ...
Leggi Tutto

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona e Terni)
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Scrive in un Blog sull'Huffington Post


Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti

Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche e via Skype
Tweets di @gproietti

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierla come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.