Ancona, Marche, Italy
0039 347 0375949
psicolinea@psicolinea.it

Rachel Corrie

Sito di psicologia, online dal 2001

Created with Sketch.

Rachel Corrie

Rachel Corrie

Domenica 16 Marzo 2003 Rachel Corrie, una pacifista americana, è stata schiacciata e uccisa da una ruspa mentre tentava di impedire che l’esercito israeliano distruggesse le case di Rafah, una città di 140.000 abitanti, quasi tutti profughi, nella striscia di Gaza. Era una studentessa di 23 anni dell’ Evergreen State College di Olympia, Washington. Gli amici la descrivono come una ragazza modesta, riflessiva e molto responsabile; era il cuore e la mente del movimento per la giustizia e la pace di Olympia.

Con la sua associazione pacifista aveva organizzato iniziative in occasione dell’anniversario dell’11 settembre, per ricordare sia le vittime delle stragi, sia quelle della guerra in Afghanistan.

Aveva studiato l’arabo e deciso di andare a Gaza, nella Palestina occupata, anche perché riteneva che fosse importante che in quei luoghi vi fossero osservatori internazionali che potessero proteggere la popolazione mentre era in corso la guerra in Iraq.

Per questo era partita dalla sua città il 20 gennaio del 2003, conscia dei pericoli cui andava incontro.

Sarebbe tornata a casa in primavera, ma così non è stato: è caduta davanti ad un bulldozer israeliano, che le è passato letteralmente sopra, poi è tornato indietro. Il Capitano Jacob Dallal portavoce dell’esercito israeliano lo ha definito ‘un incidente’.

Rachel, con una visibilissima giacca fluorescente arancione, del tipo utilizzato dai volontari della protezione civile o della croce rossa, era ferma davanti al bulldozer israeliano, che avanzava verso di lei, con la sua enorme lama.

Lei guardava negli occhi l’autista della ruspa e gridava, insieme agli altri pacifisti che erano con lei, di fermarsi. Il bulldozer invece le è passato sopra e poi è tornato indietro, investendola nuovamente. Gli altri sette attivisti l’hanno subito soccorsa e chiamato un’ambulanza che l’ha portata all’Ospedale di Al-Najar, dove poi è morta.

Tutti hanno testimoniato che NON si è trattato di un incidente, ma che Rachel è stata deliberatamente uccisa.

I genitori della ragazza raccontano ora ai media che vogliono sapere chi fosse Rachel, che hanno cresciuto i loro figli insegnando loro ad apprezzare la bellezza della comunità globale e della famiglia e che sono orgogliosi del fatto che Rachel sia stata capace di vivere le proprie convinzioni. Rachel, dicono, era piena di amore e di senso del dovere verso il suo prossimo, dovunque vivesse.
I genitori hanno concesso la pubblicazione delle e-mail della figlia, che raccontavano la sua battaglia per i diritti umani in Palestina.

Proponiamo qui una sintesi di queste lettere, che fanno trasparire tutto l’idealismo di una ragazza che si sente in colpa per essere nata nella parte ricca e privilegiata del pianeta e che non riesce a sentirsi in pace con sé stessa sapendo che in altre parti del mondo molta gente soffre semplicemente perché vive in un territorio che interessi politici ed economici hanno destinato ad altro scopo, ad altro popolo.

Forse in queste lettere c’è anche un po’ di ingenuità, ma Rachel aveva solo 23 anni ed una gran voglia di cambiare il mondo: se non ci fosse più questo idealismo nelle persone ed in particolare nei giovani, se non ci fosse più questa fiducia nella forza delle idee e nella giustizia, dovremmo ammettere di essere finalmente riusciti a trasformare il nostro pianeta in una grande giungla, esattamente il punto dal quale siamo partiti.

Ma ecco una sintesi delle ultime riflessioni di Rachel:

… Dall’inizio di questa intifada, sono state distrutte circa 600 case a Rafah, in gran parte di persone che non avevano alcun rapporto con la resistenza, ma vivevano lungo il confine. Credo che Rafah oggi sia ufficialmente il posto più povero del mondo. Esisteva una classe media qui, una volta. Ci dicono anche che le spedizioni dei fiori da Gaza verso l’Europa venivano, a volte, ritardate per due settimane al valico di Erez per ispezioni di sicurezza. Potete immaginarvi quale fosse il valore di fiori tagliati due settimane prima sul mercato europeo, quindi il mercato si è chiuso. E poi sono arrivati i bulldozer, che distruggono gli orti e i giardini della gente. Cosa rimane per la gente da fare? Ditemi se riuscite a pensare a qualcosa. Io non ci riesco…

…Se la vita e il benessere di qualcuno di noi fossero completamente soffocati, se vivessimo con i nostri bambini in un posto che ogni giorno diventa più piccolo, sapendo, grazie alle nostre esperienze passate, che i soldati e i carri armati e i bulldozer ci possono attaccare in qualunque momento e distruggere tutte le serre che abbiamo coltivato da tanto tempo, e tutto questo mentre alcuni di noi vengono picchiati e tenuti prigionieri assieme a 149 altri per ore: non pensate che forse cercheremmo di usare dei mezzi un po’ violenti per proteggere i frammenti che ci restano? Ci penso soprattutto quando vedo distruggere gli orti e le serre e gli alberi da frutta: anni di cure e di coltivazione. …

…Non riesco a credere che qualcosa di questo genere possa succedere nel mondo senza che ci siano più proteste. Mi colpisce davvero, di nuovo, come già mi era successo in passato, vedere come possiamo far diventare così orribile questo mondo…

…La grande maggioranza della gente qui, anche se avesse i mezzi per fuggire altrove, anche se veramente volesse smetterla di resistere sulla loro terra e andarsene semplicemente (e questo sembra essere uno degli obiettivi meno nefandi di Sharon), non può andarsene. Perché non possono entrare in Israele per chiedere un visto e perché i paesi di destinazione non li farebbero entrare: parlo sia del nostro paese che di quelli arabi. Quindi penso che quando la gente viene rinchiusa in un ovile – Gaza – da cui non può uscire, e viene privata di tutti i mezzi di sussistenza, ecco, questo credo che si possa qualificare come genocidio. Anche se potessero uscire, credo che si potrebbe sempre qualificare come genocidio…

…Credo che sia una buona idea per tutti noi, mollare tutto e dedicare le nostre vite affinché ciò finisca. Non penso più che sia una cosa da estremisti. Voglio davvero andare a ballare al suono di Pat Benatar e avere dei ragazzi e disegnare fumetti per quelli che lavorano con me. Ma voglio anche che questo finisca. Quello che provo è incredulità mista a orrore. Delusione. Sono delusa, mi rendo conto che questa è la realtà di base del nostro mondo e che noi ne siamo in realtà partecipi. Non era questo che avevo chiesto quando sono entrata in questo mondo. Non era questo che la gente qui chiedeva quando è entrata nel mondo. Non è questo il mondo in cui tu e papà avete voluto che io entrassi, quando avete deciso di farmi nascere. Non era questo che intendevo, quando guardavo il lago Capital e dicevo, “questo è il vasto mondo e sto arrivando!” Non intendevo dire che stavo arrivando in un mondo in cui potevo vivere una vita comoda, senza alcuno sforzo, vivendo nella completa incoscienza della mia partecipazione a un genocidio. Sento altre forti esplosioni fuori, lontane, da qualche parte. …

…Venire qui è stata una delle cose migliori che io abbia mai fatto. E quindi, se sembro impazzita, o se l’esercito israeliano dovesse porre fine alla sua tradizione razzista di non far male ai bianchi, attribuite il motivo semplicemente al fatto che io mi trovo in mezzo a un genocidio che io anch’io sostengo in maniera indiretta, e del quale il mio governo è in larga misura responsabile…

…In passato ho scritto tanto sulla delusione di scoprire, in qualche misura direttamente, di quanta malignità siamo ancora capaci. Ma è giusto aggiungere, almeno di sfuggita, che sto anche scoprendo una forza straordinaria e una straordinaria capacità elementare dell’essere umano di mantenersi umano anche nelle circostanze più terribili – anche di questo non avevo mai fatto esperienza in modo così forte…

Psicolinea.it © 2001-2012

Imm. Wikimedia

Florence Nightingale

Florence Nightingale, la signora con la lanterna

Florence Nightingale nacque a Firenze il 12 maggio 1920 da genitori inglesi benestanti. Il padre, William Edward, era infatti proprietario ...
Leggi Tutto
Ernesto Che Guevara

Ernesto Che Guevara e il fascino dell’eroe

Tanti sono stati i miti, le passioni, gli ideali che scossero i giovani negli anni '60: “Che” Guevara fu uno ...
Leggi Tutto
Charlie Chaplin

Charlie Chaplin, un genio senza tempo

Charlie Chaplin, al secolo Charles Spencer Chaplin nacque il 16 aprile 1889 a Walworth  Londra, e visse, con il fratellastro ...
Leggi Tutto
Amelia

Amelia Earhart, una leggenda dell’aviazione mondiale

Amelia Earhart: una biografia Può il coraggio essere il prezzo che la vita esige per assicurarsi la pace? A questa ...
Leggi Tutto
Charles Schultz

Charles Schultz, l’inventore di Charlie Brown

Charles Monroe Schulz nasce a St.Paul, nel Middle West, il 26 novembre 1922. Il padre, Carl, è barbiere (come il ...
Leggi Tutto
Martin Luther King

Martin Luther King, l’uomo che aveva un sogno

Michael King, conosciuto più tardi con il nome di Martin Luther King, nacque ad Atlanta il 15 gennaio 1929, da ...
Leggi Tutto
Don Lorenzo Milani

Don Lorenzo Milani: uno dei sacerdoti più discussi

Don Lorenzo Milani è senz’altro uno dei sacerdoti più discussi e significativi del dopoguerra. Nacque a Firenze nel 1923, figlio ...
Leggi Tutto
Freddie Mercury

Freddie Mercury

Farrokh Bulsara, meglio conosciuto come Freddie Mercury, nacque nell’isoletta di Zanzibar, il 5 Settembre del 1946, da Bomi, e Jer, ...
Leggi Tutto
Janis Joplin

Janis Joplin, una star creata dal pubblico

Janis Joplin è morta di droga pochi mesi prima di Jim Morrison e pochi mesi dopo Jim Hendrix: come loro ...
Leggi Tutto

Jim Morrison, il Re Lucertola

Jim Morrison IL RE LUCERTOLA CHE VOLLE CAVALCARE LA TEMPESTA (1943-1971?) James Douglas “Jim” Morrison nacque da Steve e Clara ...
Leggi Tutto
Franco Basaglia

Franco Basaglia

Franco Basaglia: una biografia La conquista della libertà del malato deve coincidere con la conquista della libertà dell' intera comunità: ...
Leggi Tutto
William James

William James

La famiglia di origine William James nacque in una ricca e molto numerosa famiglia di immigrati irlandesi in America. Il ...
Leggi Tutto
Maria Montessori

Maria Montessori

Maria Montessori Maria Montessori era di Chiaravalle, un paese della provincia Ancona, dove nacque il 31 Agosto 1870 da Alessandro ...
Leggi Tutto
Consulenza psicologica

Chiedi una Consulenza Psicologica su Psicolinea!

Come fare richiesta di Consulenza psicologica - sessuologica gratuita su Psicolinea? Devi semplicemente inserire la tua richiesta nei commenti a ...
Leggi Tutto
Federico Garcia Lorca

Federico Garcia Lorca

Federico Garcia Lorca è un poeta universale, ma è anche un simbolo della Spagna ed in particolare dell’Andalusia, entrambe descritte ...
Leggi Tutto
Giacomo Puccini

Giacomo Puccini

Giacomo Puccini, a cura di Daniela Di Raimondo * “Ho sempre portato con me un gran sacco di malinconia, non ne ...
Leggi Tutto
Geronimo

Geronimo

Goyathly, meglio conosciuto come Geronimo, era il capo spirituale e guerriero degli Apache Chiricahua, un popolo nomade che viveva di ...
Leggi Tutto
Agostino d'Ippona

Agostino d’Ippona

Per molti Agostino fu un genio del pensiero cristiano, tanto che lo conosciamo come Santo, uno dei più eminenti dottori ...
Leggi Tutto
Please follow and like us:

Author Profile

Redazione di Psicolinea
Redazione di Psicolinea
Psicolinea è uno dei primi siti di psicologia in Rete, nato ufficialmente il 13 Ottobre 2001.
Fondatori e Curatori del Sito sono gli psicoterapeuti sessuologi Dr. Giuliana Proietti, la quale cura la rubrica di Consulenza online Dentro e fuori di Te e il Dr. Walter La Gatta, , il quale cura la rubrica di posta per la Consulenza online Questioni di Sex.

Il sito si avvale di numerosi collaboratori, che pubblicano anche in inglese e francese.

Psicolinea ha come slogan  "la psicologia amica", perché il suo intento è quello di diffondere il sapere psicologico, rendendolo accessibile a tutti.

Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche, Fabriano e via Skype
Tweets di @psicolinea

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché scegliere i Terapeuti di Psicolinea: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error

Ti piace Psicolinea? Seguici anche sui Social ;-)

RSS
Facebook
YouTube
Instagram