sentimenti sbagliati
Share Button

Gentile dottoressa, mi ritrovo a 50 anni alle prese sempre con gli stessi sentimenti sbagliati. Separata, con un figlio quindicenne – un ragazzo meraviglioso – mi trovo sempre da sola ad affrontare la vita, le situazioni. Attualmente ho un compagno, da circa cinque anni. La storia è cominciata con grani profferte d’amore da parte sua, con l’intenzione di vivere insieme – anche lui separato, vive col vecchio padre, ha con un figlio che non sta mai con lui. Provo verso quest’uomo molta rabbia, la stessa che provavo verso il mio precedente compagno. Mi sembra una persona incapace di mantenere le promesse fatte, che parla tanto per farsi bello ma non da nessun contributo di tipo pratico alla mia vita. Mi fa molto male il pensiero che si sia tirato indietro su molte cose, che mi abbia lasciato con il peso di un grosso affitto da pagare da sola dopo avermi spinto a fare questo passo dicendo che mi avrebbe dato una mano e che sarebbe venuto a vivere con me. Adesso pero pare non possa abbandonare il padre malato, così passiamo insieme il fine settimana e la sera cena a volte con me e mio figlio. Io non gli ho mai veramente chiesto di venire a vivere con me, ma pensavo che sarebbe successo naturalmente, man mano che il rapporto si consolidava. Ma si è consolidato soltanto il suo modo infantile di fare – tutto divertimento – ed io sono troppo orgogliosa per mettere in mezzo una questione di soldi. Mi appiglio a delle sciocchezze e mi infurio, ma la verità è che lo considero molto male, dentro di me, non lo stimo affatto. Ma non riesco a mandarlo a quel paese. E la rabbia mi mangia. Sono paralizzata nell’azione, ho paura di fare cose sbagliate ed una grande tristezza. Anche perché il tempo passa, e speravo che la vecchiaia avrebbe portato stabilità alla mia vita.

Gentilissima,

Molte donne hanno l’aspettativa che l’uomo debba mettere (spesso e volentieri) la mano al portafoglio per dimostrare i suoi sentimenti. Capisco che il gesto renderebbe la storia più romantica e l’uomo più simile ad un Principe Azzurro, all’eroe che viene a salvare la fanciulla in difficoltà, ma credo che questo genere di comportamenti sia ormai desueto, in particolare quando il proprio compagno è un separato, con l’obbligo di versare l’assegno di mantenimento alla propria ex. Se viveste insieme, certo sarebbe auspicabile e necessario condividere le spese, ma visto che ciascuno di voi vive per conto proprio e più o meno avete una situazione economica simile, perché pretendere che sia lui ad aiutare lei e non viceversa? Provi a capire se il motivo della mancanza di stima nei riguardi del suo compagno dipende da effettive manchevolezze, o da sue aspettative sui ruoli all’interno della coppia, che ormai non hanno più senso. Infatti, fino a pochi decenni fa le donne venivano “protette” dagli uomini e quindi tutelate, aiutate, anche economicamente. Questo però prevedeva anche una perdita completa della libertà della donna, sia per quanto riguarda i comportamenti, sia per quanto riguarda i semplici pensieri. Ringrazi dunque il cielo della fortuna che ha di potercela fare da sola, decidendo ogni giorno, in piena autonomia, cosa fare della propria vita.

Dott.ssa Giuliana Proietti Ancona

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona e Terni)
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Scrive in un Blog sull'Huffington Post


Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti

Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche e via Skype
Tweets di @gproietti

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierla come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

One thought on “Sentimenti sbagliati – Consulenza online”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.