Facebook può diventare una dipendenza

Facebook

Vi presentiamo alcuni dei risultati del più grande studio mai condotto su Facebook in Svezia, un progetto guidato da Leif Denti, dottorando in psicologia presso l’Università di Gothenburg. Anche se lo studio riguarda il comportamento degli svedesi, molti dati sono sicuramente sovrapponibili ai nostri.

La prima cosa che mette in rilievo lo studio è che il social network è un’attività che produce dipendenza: l’85 per cento degli intervistati lo usa quotidianamente; quasi la metà di loro ha detto che sarebbe difficile rimanere aggiornati senza “il libro delle facce”, e un quarto ha risposto che si sentirebbe a disagio se non avesse la possibilità di accedere al social network in modo regolare.

Gli utenti con basso reddito e basso livello di istruzione utilizzano Facebook più degli altri e, all’interno di questi gruppi, coloro che trascorrono più tempo su questo social riferiscono anche di sentirsi meno felici e meno contenti della vita. Questa relazione Facebook-infelicità è presente anche nel gruppo delle donne, ma non negli uomini.

Un terzo degli intervistati di sesso maschile ha dichiarato di divertirsi a provocare gli altri sul social. Questo dato è circa il doppio del relativo dato per quanto riguarda le donne (un quinto). Un quarto degli intervistati utilizza FB solo per vantarsi.

Il social più famoso viene inoltre  utilizzato per gestire i rapporti con amici e familiari, ma gli utenti non vi scrivono qualsiasi cosa venga loro in mente: la maggior parte dei contenuti che vengono condivisi ha qualcosa a che fare con grandi eventi, eventi positivi o relativi al benessere. Solo il 38 per cento scrive di emozioni ed eventi negativi su Facebook.

Statistiche su Facebook tratte dallo studio:

L’utente medio trascorre 75 minuti al giorno su FB
L’utente medio accede a FB 6,1 volte al giorno
Il 70 per cento fa il log in ogni volta che avvia il computer o il lettore web
Il 26 per cento si sente a disagio se non si può collegare regolarmente
Le donne trascorrono in media 81 minuti al giorno su Facebook
Gli uomini trascorrono in media 64 minuti al giorno su Facebook
Facebook si usa soprattutto tra i giovani
Gli utenti anziani di FB utilizzano il social network per conoscere altre persone
Il 67 per cento dei giovani utenti utilizza FB per passare il tempo
Il 38 per cento scrive di cose negative nei loro aggiornamenti di stato
Le donne scrivono di più su affetti e relazioni
Un terzo degli uomini tende a  provocare gli altri su FB, il doppio di quanto accada per le donne
Oltre il 50 per cento degli utenti diffonde informazioni e conoscenze tramite FB
Le donne che utilizzano FB dicono di sentirsi meno felici e meno contente della loro vita
Un quarto degli intervistati si vanta su FB

Lo studio si basa sui dati raccolti su più di 1000 svedesi nella fascia d’età 18-73 anni, da giugno a settembre 2011 tramite un questionario compilato via web.

Dr. Walter La Gatta

Fonte:

Sweden’s largest Facebook study: A survey of 1,000 Swedish Facebook users, Eurekalert

Immagine
Max B, Flickr

Please follow and like us:

Author Profile

Dr. Walter La Gatta
Dr. Walter La Gatta

Libero professionista ad Ancona ,Terni , Fabriano e Civitanova Marche

Si occupa di:

Psicoterapie individuali e di coppia
Terapie Sessuali (Delegato Regionale del Centro Italiano di Sessuologia per le Regioni Marche e Umbria) 
Tecniche di Rilassamento e Ipnosi
Disturbi d’ansia, Timidezza e Fobie sociali.

Riceve ad Ancona,Terni , Fabriano, Civitanova Marche e via Skype, su appuntamento.

Per appuntamenti telefonare direttamente al: 348 – 331 4908

Co-fondatore dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Contatti e Consulenza con il Dr. Walter La Gatta

Tweets di @Walter La Gatta

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierlo come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error

Ti piace Psicolinea? Seguici anche sui Social ;-)

RSS
Facebook
YouTube
Instagram