Il lupanare di Pompei

Il lupanare di Pompei

Il lupanare di Pompei

Terapia di coppia con Giuliana ProiettiINIZIA SUBITO UNA TERAPIA DI COPPIA ONLINE
CON LA DOTT.SSA GIULIANA PROIETTI
Costo: 60 euro/ Durata: 1 ora/ Frequenza: da definire
 Tel. 347 0375949
Telefona o usa whatsapp

YouTube player

Perché il lupanare si chiama così?

Poiché in latino lupa significa prostituta, non è difficile capire cosa fosse il lupanare. L’uso del termine “lupa” risale alla storia più antica del Lazio, quando si venerava la dea Lupa, e presso il suo tempio le sacerdotesse praticavano la prostituzione.

A32

Oltre che “lupe” come venivano chiamate le prostitute?

Le prostitute venivano chiamate in vari modi: meretrices (dal verbo merere,  guadagnare), ambulatrices (passeggiatrici), fornicatrices (quelle che esercitavano sotto i fornices, cioè i ponti), noctilucae (“lucciole”)

Quanti lupanari c’erano a Pompei?

Il bordello più florido di Pompei era quello di Africano e Vittore, ma in città ve ne erano moltissimi: esattamente 25, per una popolazione di 8-10.000 persone.

Come erano fatti i lupanari?

La maggior parte erano costituiti da una semplice camera sul retro di una locanda: vi era un letto rialzato in muratura sul quale era posto un materasso.

Costo: 60 euro/ Durata: 1 ora/ Frequenza: da definire
Terapie Online Dr. Giuliana Proietti

YouTube player

Chi erano le prostitute?

Le prostitute erano in genere delle schiave, o donne libere che prendevano in affitto la stanza. Non raramente la madre della ragazza (lena) o un protettore (leno) sfruttavano il lavoro sessuale di una ragazza prendendo in affitto una stanza per lei in una taverna o in un lupanare (da questo nome deriva il termine “lenocinio”). Si ritiene che anche le attrici e gli attori all’occorrenza si prostituissero.

Come è fatto il lupanare più importante di Pompei?

Il Lupanare più importante di Pompei è in un edificio a due piani: 5 celle al piano terra e 5 al piano superiore. Nel lupanare vi sono dipinti a soggetto erotico, posti nello spazio di accesso delle stanze. Forse si pubblicizzavano le prestazioni particolari di una prostituta, o sono semplici decorazioni per distinguere le varie stanze.

I clienti delle prostitute si proteggevano dalle malattie veneree?

Si. L’intestino di pecora essiccato, usato a mo’ di profilattico, impediva contagi ed era riutilizzabile.

PSICOTERAPIA SESSUOLOGIA ONLINE
Costo : 60 euro/ Durata: 1 ora/ Frequenza: da definireDr. Giuliana Proietti Instagram

I bordelli venivano pubblicizzati in qualche modo?

Si. Un modo molto usato per attirare i clienti da parte delle prostitute era quello di vantare la propria “merce” in strada davanti al bordello oppure offrirsi nude, o con una veste trasparente, da una finestra, alla vista di chi passava. Il bordello era inoltre segnalato all’esterno da insegne molto esplicite. Ne conosciamo alcune: un fallo e la scritta: Hic habitat felicitas. «Qui abita la felicità»; quattro falli e un bussolotto per il gioco dei dadi; le tre Grazie assieme a una donna più anziana e la scritta ad sorores IIII. «dalle quattro sorelle».

Leggi anche:  Matrimonio bianco: cause e conseguenze

Su questo tema ben poco è cambiato da allora.

Fonte principale: Wikipedia

Dr. Giuliana Proietti

YouTube player

VISITA IL NOSTRO CANALE YOUTUBE

PER APPUNTAMENTI
Telefona o usa Whatsapp
347 0375949
Costo della Seduta: 60 euro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *