La scelta del cibo riflette dei tratti di personalità

La scelta del cibo riflette dei tratti di personalità

PSICOTERAPIA SESSUOLOGIA ONLINE
Costo della Terapia online, Individuale e di Coppia, 70 euro

Anche su Instagram!
Dr. Giuliana Proietti Instagram

John Hayes, professore associato di scienze alimentari presso la Pennsylvania State University sostiene che gli esseri umani non hanno mangiato, nel corso della loro storia, semplicemente quello che era disponibile nei propri tempi, ma si sono nutriti principalmente di ciò che ha imposto loro la cultura dominante. In questo senso, chi viveva negli anni cinquanta in Gran Bretagna, si nutriva di salsicce, patate bollite e verdure cotte. Il pollo, ad esempio, era disponibile, ma non si mangiava.

A19

Depressione post partum: di cosa si tratta?
Depressione post partum: di cosa si tratta? Come si sentono le donne dopo il parto? La maggior parte delle nuove ...
Essere sereni a tavola: necessario per la buona dieta dei bambini
Essere sereni a tavola: necessario per la buona dieta dei bambini I genitori che lottano per convincere i .figli a ...
Uomini, muscoli e disturbi alimentari
Uomini, muscoli e disturbi alimentari L'immagine ideale del corpo maschile può dipendere dall'orientamento sessuale? Ad esempio, la classica ricerca di ...
Disturbi alimentari e minoranze sessuali
Disturbi alimentari e minoranze sessuali Sebbene gli individui che si identificano in una minoranza sessuale siano percentualmente pochi, rispetto alla ...
carteggio Freud Einstein
Freud e Einstein contro la guerra: una nuova iniziativa Pochi mesi prima che Adolf Hitler iniziasse il suo periodo di ...

Le tradizioni, la cultura e le abitudini sono dunque fattori molto importanti nel determinare quali cibi consumiamo, ma non dobbiamo dimenticare che anche i tratti di personalità influiscono su quello che decidiamo mettere in bocca.

In una ricerca pubblicata nel 2013, Byrnes e Hayes hanno raccolto le risposte di 97 persone che dovevano valutare l’intensità dei campioni di capsaicina (il componente attivo dei peperoncini). Dopo aver analizzato le loro risposte a questo quesito e confrontato queste ai risultati di un test di personalità, si è scoperto che le persone che tendono a cercare sensazioni forti (ad esempio,
coloro che amano guidare velocemente su una strada tortuosa) erano più propense a gradire e dunque a nutrirsi di cibi più piccanti. Si è inoltre scoperto che le persone sensibili alla ricompensa (coloro che godono nell’essere lodati e sono molto competitivi nelle sfide) erano ugualmente più propense a mangiare alimenti piccanti.


PER APPUNTAMENTI
Telefona o usa Whatsapp
347 0375949
Costo della Terapia online, Individuale e di Coppia, 70 euro

Un secondo studio ha confermato questi risultati, ma ha anche chiarito che chi mangia questi cibi speziati non sempre li gradisce davvero: la personalità influenza il piacere, che a sua volta influenza l’assunzione di quel cibo, ma la personalità può anche influenzare l’assunzione di quel cibo senza influenzarne effettivamente il relativo gradimento.

Nel 2011, alcuni ricercatori hanno scoperto che le persone che amano i dolci, come le caramelle e la torta al cioccolato, tendono ad essere più “dolci” nella vita, nel senso di mostrarsi più amichevoli e empatiche e disponibili verso gli altri.

Al contrario, una persona che gradisce caffè nero, acqua tonica o ravanelli potrebbe essere uno psicopatico. Secondo i lavori pubblicati lo scorso anno da ricercatori austriaci che hanno esaminato un totale di quasi 1.000 persone, coloro che preferiscono gli alimenti e le bevande di gusto amaro hanno maggiori probabilità di avere tratti di personalità anti-sociale, come essere manipolatori, insistenti e / o insensibili. Personalità per niente dolci, insomma…

Chiedi una Consulenza online su questo Sito,
... è gratis!
Ti risponderemo in un articolo a te dedicato su Psicolinea.it!

Chiedi una Consulenza Gratuita



Alan Hirsch, un neurologo e psicologo specializzato nel trattamento delle perdita di odore e di gusto nel cibo, presso la Smell & Taste Treatment and Research Foundation, sta collegando le preferenze di gusto delle persone ai loro tratti di personalità. Ha scritto un certo numero di libri,
compreso What Flavor is Your Personality (di che sapore è la tua personalità), tra gli altri. Hirsch dice che lui e la sua squadra hanno esaminato le preferenze di gusto e i profili di personalità di più di 18.000 persone, facendo correlazioni su tutto, dagli spuntini agli alimenti per la colazione, fino ai gusti del gelato.

“Fondamentalmente tutto ciò che facciamo riflette la nostra personalità sottostante: la direzione in cui pettini i capelli, il colore della cravatta o le scarpe che indossi, la macchina che guidi…”, spiega Hirsch Broadly. E questo naturalmente si riflette anche nell’alimentazione.

Uno studio dello stesso autore ha esaminato le preferenze nel sapore della vodka. Commissionato nei primi anni 2000 dalla società che distribuiva all’epoca la vodka Stolichnay, i ricercatori hanno condotto diversi test mettendo a confronto gusti e personalità. I soggetti dovevano valutare i vari sapori della vodka, tra cui pesca, vaniglia, arancio e altri, producendo così una correlazione statistica tra preferenze nel sapore della vodka e aspetti della personalità.

Relazione La sessualità femminile fra sapere e potere

YouTube player

Convegno Diventare Donne
18 Marzo 2023, Castelferretti Ancona

Secondo le conclusioni di Hirsch, le persone che dicono di preferire vodka alla pesca tendono ad essere “vivaci, istrioniche e entusiaste”. Al contrario, gli amanti della vodka al mirtillo tendono ad essere seri, incapaci a letto e portati a lavorare troppo. I bevitori di vodka alla vaniglia sono invece “impulsivi, emotivamente guidati” e vogliono essere circondati da altre persone.

Hirsch  spiega che la nostra personalità si sviluppa dalla nascita ai sette anni e, in questo periodo, si sviluppa anche il nostro gusto alimentare. Inoltre sottolinea che le parti del cervello che hanno a che fare con la personalità e la zona cerebrale dove si localizzano i sistemi olfattivi e gustativi sono molto vicine, il che per il ricercatore non è secondario.

Dr. Giuliana Proietti

Dr. Giuliana Proietti

Costo della Terapia online, Individuale e di Coppia, 70 euro

Fonte:
What the Foods You Eat Say About Your Personality, Broadly

Immagine:
Pexels


20+ anni di Psicolinea:
oltre 2000 articoli di Psicologia e Sessuologia
Informazioni, Ispirazioni e Supporto

Psicolinea 2001-2021

I Social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *