Perdono: Etimologia e significato 

Dal punto di vista etimologico perdonare significa concedere un dono. E’ così in molte lingue (inglese ‘forgive’ , francese ‘pardonner’,  tedesco ‘vergeben’, con lo stesso significato di “per-dono”).

Definizione

Il perdono è un mezzo attraverso il quale una persona, offesa da un torto subito, cessa di provare risentimento e ostilità verso chi l’ha offesa, o le ha fatto un torto.

Il perdono non è un concetto necessariamente legato alla religione

Sebbene il termine “perdono” possa far pensare a concetti religiosi, esso non è necessariamente legato alla religione.  Vi sono oggi molti studi scientifici che guardano al perdono come forma di terapia per raggiungere un maggiore benessere personale. 

Voci contrarie al perdono

Nel Talmud si legge: ‘chi è pietoso contro i crudeli finisce con l’essere crudele verso i pietosi’.

In campo filosofico, tra le voci contrarie al perdono possiamo ricordare Voltaire, il quale diceva che ‘chi perdona al delitto ne diventa complice’ o Friederich Nietzsche, anche lui contrario al perdono, soprattutto in quanto contrario alla morale cristiana, che riteneva essere la ‘morale degli schiavi’. Per il filosofo infatti, chi perdona è un debole, è una persona incapace di far valere i propri diritti; la bontà è solo la dimostrazione dell’incapacità di ribellarsi e di rivalersi, mentre la pazienza è sinonimo di codardia ed il perdono è solo l’incapacità di vendicarsi. Schopenhauer è della stessa idea: tra i suoi aforismi sulla saggezza della vita troviamo il seguente: ‘Perdonare e dimenticare vuol dire gettare dalla finestra una preziosa esperienza già fatta’.

In campo psicoanalitico anche Freud ha affrontato l’argomento, mostrandosi anch’egli contrario al perdono. Lo riteneva infatti una pretesa assurda e incomprensibile, dannosa per la salute psichica dell’individuo, perché avrebbe fatto toccare il limite di sopportazione dell’Io rispetto alle pressioni pulsionali interne, producendo o una rivolta o la nevrosi (Freud S., Il disagio della civiltà). Perdonare, secondo il padre della psicoanalisi, può aver senso solo in due casi: come prova di sottomissione alla legge del più forte, in modo da lenire la sua aggressività, o come accettazione del predominio del SuperIo, per ricavarne una soddisfazione narcisistica nel ritenersi superiori agli altri.

Ragioni per cui si può concedere il perdono

Il perdono non è necessariamente un atto di bontà o altruismo: lo si può concedere anche perché ci si rende razionalmente conto che questo strumento può permettere di raggiungere un maggiore benessere personale.

 

Il perdono e la terapia psicologica

Il concetto di perdono all’interno di un trattamento psicoterapeutico è ancora abbastanza recente. Tuttavia, a partire dagli anni ’90 del secolo scorso sono stati pubblicati numerosi studi su questo argomento. Con l’aiuto di un terapeuta infatti, si possono avere maggiori possibilità di esplorare i propri sentimenti riguardo a un’offesa o a un torto subiti, e quindi iniziare il processo del perdono. Questo atto riduce i sentimenti di amarezza e di delusione ed ha anche un effetto catartico, di liberazione.

Il processo del perdono

Per perdonare ci vuole tempo, perché occorre coinvolgere nel processo sia gli aspetti cognitivi, sia quelli emotivi, sia quelli comportamentali. Anzitutto occorre mettere a tacere il risentimento, la rabbia, il desiderio di vendetta o di punizione della persona che ha perpetrato l’offesa e poi impegnarsi nei seguenti compiti:

. Capire perché l’altra persona ci ha offeso o danneggiato;
. Empatizzare con la posizione dell’altra persona;
. Riflettere sulle conseguenze negative del rancore e sulla sua inutilità.

Il gesto del perdono è solo l’ultimo atto che riguarda questo lungo processo.

Perdonare non è un gesto di debolezza

Il perdono non va confuso con la timidezza o la debolezza morale. Se non si è in grado di punire, correggere, vendicare un’offesa, perché è impossibile o perché razionalmente non ci sembra opportuno, la cosa migliore è far cessare il risentimento provato.

Perdonare e Dimenticare

Perdonare non significa necessariamente dimenticare, ma solo fare in modo che l’offesa ricevuta non provochi più dolore. La dimenticanza provoca implicitamente il perdono, mentre il perdono non implica sempre la dimenticanza.

Benefici del perdono

Gli studi dimostrano che l’incapacità o la riluttanza a perdonare può avere un impatto negativo sulla salute mentale e sul benessere della persona che ha subito il torto, spesso causando problematiche psicologiche, come la depressione e l’ansia. I benefici personali del perdono possono includere un maggiore senso di libertà, di benessere e di salute. Il perdono infatti comporta la liberazione del sé da un nemico interno, costituito dall’odio. L’odio, come l’amore, è un sentimento molto forte, che può farci sentire legati indissolubilmente ad un’altra persona e che dunque fa si che l’offensore sia sempre nei pensieri dell’offeso. L’odio, come l’amore, crea dipendenza e richiede molte energie per essere sostenuto.

Perdono e riconciliazione

Perdonare non significa dimenticare o scusare un’offesa: occorre guardare al perdono come ad una decisione consapevole di “lasciare andare” il dolore che l’offesa ha causato. Quando si perdona qualcuno, non è necessario riconciliarsi con l’autore del torto. Infatti, possono esserci in alcune persone degli atteggiamenti che perdurano nel tempo: che senso avrebbe, in questo caso, perdonare, per poi ritrovarsi nuovamente nella medesima condizione? Per questa ragione si può perdonare una persona che ci ha profondamente offeso, ma riallacciare i rapporti con lei potrebbe essere inutile. Al contrario, si deve essere consapevoli che non può esservi una vera riconciliazione senza il perdono. 

Le reazioni naturali nei confronti di un torto

Un atto offensivo subito ingiustamente suscita nella vittima dapprima un senso di smarrimento, anche a causa dell’effetto-sorpresa e della mancanza, sul momento, di adeguate strategie difensive. In seguito lo smarrimento si trasforma in sofferenza psicologica, la quale generalmente tende a manifestarsi in reazioni di tipo aggressivo, etero o auto-dirette. L’aggressività nei confronti dell’offensore può esprimersi nella rabbia, nel desiderio di vendetta, cioè nel provocare all’altro danni o sofferenze di tipo simile a quelle che prova chi si sente offeso. Nei comportamenti autoaggressivi  ci si può invece punire a causa di un calo dell’autostima, per non aver saputo prevedere i comportamenti dell’altro. Il sentimento di vergogna lo si prova nei confronti dell’umiliazione subita, specialmente se questa è di pubblico dominio, mentre la delusione è fortissima quando fra offeso e offensore c’è un legame profondo di affetto o di amore, come può avvenire fra parenti, coniugi, amici o affini.

Vendetta e Giustizia

Molte persone che hanno subito un torto non desiderano la vendetta, ma la giustizia.  Si tratta di un meccanismo di razionalizzazione, un modo per canalizzare le proprie emozioni negative verso una modalità consolatoria socialmente più accettata.

Il perdono richiede empatia

Per perdonare occorre sapersi spogliare dei propri panni e sapersi mettere in quelli dell’offensore, cercando di vivere e reinterpretare la realtà guardandola da un’altra prospettiva, giustificando e comprendendo quelle che possono essere state le motivazioni di chi ha compiuto il gesto offensivo.

Facilitazioni al perdono

Il processo del perdono richiede meno sforzi affettivi e cognitivi se l’offesa non è grave, se non è intenzionale, se l’offensore mostra rammarico e chiede scusa.

Ammettere i propri errori

Riconoscere i propri errori, se ce ne sono, può facilitare l’ammissione del torto da parte dell’offensore e permettere all’offeso una meno traumatica concessione del perdono. Sicuramente questo è un buon punto di partenza per reimpostare la relazione su basi più solide, che prevedano un codice di maggiore rispetto reciproco.

Il perdono è un atto privato

Il perdono può essere concesso anche se non è stato richiesto e può riguardare anche persone che non si incontreranno più nella propria vita, anche perché potrebbero essere decedute. Non c’è bisogno che l’offensore sappia che è stato perdonato, perché il perdono è un atto privato e lo si può concedere anche se l’altro non ne è a conoscenza e perfino nel caso che l’altro non sia d’accordo.

Perdonare se stessi

Il perdono non riguarda solo gli altri. In alcune occasioni potrebbe essere necessario saper perdonare se stessi per un atto sbagliato, reale o percepito come tale. Alcune persone che hanno fatto delle scelte nella vita, di cui in seguito si sono pentite, potrebbero avere difficoltà a perdonarsi. In questo caso si possono avere problemi di salute, come ansia, depressione e stress, e queste condizioni possono causare sintomi fisici come pressione alta, dolore e affaticamento, o portare all’ autolesionismo. Un individuo che mantiene un rancore contro se stesso può anche essere più propenso a intraprendere comportamenti rischiosi e pericolosi come l’abuso di sostanze e alcol.

La ricerca mostra che coloro che si perdonano prontamente dopo aver commesso degli errori possono sperimentare una riduzione dell’empatia, e potrebbero essere anche meno inclini a fare ammenda alla vittima. L’auto-perdono può essere più efficace e benefico quando include un’attenta riflessione sull’errore, l’ammissione dell’errore, l’empatia per la vittima,
ed anche qualche tipo di riparazione per il proprio errore.

Dr. Giuliana Proietti

Immagine:

Wikimedia

Immagine:
Flickr

Error: View fd059daadq may not exist
Please follow and like us:

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona Civitanova Marche, Fabriano
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Scrive in un Blog sull'Huffington Post


Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti

Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche Fabriano e via Skype
Tweets di @gproietti

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierla come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.